,

Quel che non resta - Quarantena 2020

maggio 13, 2020
Questo post fa tremare i polsi, già dal suo titolo. Rende tutto lo spaesamento, l'atmosfera surreale di questi mesi.

Cioè. Finiti della Quarantena. Che cazzo*



Ma la vita è andata avanti. Abbiamo adattato vecchie esigenze a nuove necessità. Ci siamo arrangiati e inventati mille modi per convivere con una realtà spaventosa.  

Io, dal mio angolo super privilegiato, ho testardamente continuato una parvenza di routine quotidiana: telelavoro-allenamento-"casa". E ho continuato a truccarmi, anche se meno, e a spalmarmi ogni unguento presente nel mio arsenale. Voi tutte accumulatrici mi capite: potremo motivare i nostri arsenali di prodotti -da oggi e per il resto della nostra vita- con un "non si sa mai, metti una pandemia".   

Quindi sì, ho finito e anche tanto. E anche prodotti cosmetici. Insomma. Surreale nel surreale. 




Non cito bagnoschiuma, shampoo e balsamo perchè sono fniti "normali". Faccio eccezione per questo duo di il bagnoschiuma e deodorante Armonia e Benessere, marca bianca del supermercato: hanno una profumazione che adoro a un prezzo più che ridicolo. Finiti e ricomprati. Stesso dicasi per la crema piedi Cien: la profumazione con olio essenziale di menta e arancia mi piace così tanto che ogni tanto medito di spalmarmela ovunque, giuro.  


Ho finito due fondi Yves Rocher: il Pure Light e lo Zero Defaùt . Entrambi senza infamia e senza lode, dopo un breve entusiasmo iniziale erano caduti in disuso: sono stati perfetti per eliminare l'effetto zombie nella consueta video chiamata delle 9.00. E ho terminato anche il fondo Nyx Total Control.. non so quando, ma nella mia vita c'è stato un momento in cui quel pallore totale mi è sembrato essere il mio incarnato: è servito, sempre nelle succitate video chiamate, a mascherare le mie occhiaie. In realtà ho finito anche il fondo Inglot YSM ma giusto la settimana prima della quarantena. Vale uguale, no? 

Poi ci sono la base mascara Essence e il mascara Pupa Vamp All in one!: in realtà più che finire, quel poco di prodotto che ancora c'era si è seccato per inutilizzo. Stessa cosa per quel pochissimo Primer Potion di Urban Decay. E' che io gli occhi non li ho mai truccati: poi se volete parliamo della tremenda beffa di aver puntato per tutta la tua vita sul trucco labbra e dover indossare la mascherina...

Mi sono unta e incremata con grande costanza, dando giusto termine a una confezione olio anti cellulite della Lidl e al mio olio preferito di sempre e in assoluto, imbattuto campione del mio cuore: il Tranquillity [ Comfort Zone ] (quando ne faranno profumo, sarà sempre troppo tardi).   

Ho concluso il mio ciclo di skincare autunno/inverno finendo in un sol colpo il contorno occhi Alverde, la Luce Liquida dell'Estetista Cinica e la crema viso della Collistar. Se mai ne avessimo avuto ulteriore bisogno, la prova di un allineamento dei pianeti assolutamente folle. 



Infine, ho eliminato la mia scorta di sample/travel size/campionicini. Ne avevo una quantità spaventosa, conservata non si sa per cosa, ormai scaduta da anni: ho gettato, rimpiangendo tutte le mini-esperienze cosmetiche che ho rinviato a un giorno mai arrivato e usato tutto il resto. E' la prima volta nella mia vita da consumatrice cosmetica in cui non ho che 6 sample (omaggi del mio ordine per la skincare estiva, prossimo post). 

E poi è arrivato lunedì 4 maggio e sono tornata in ufficio. Simbolicamente e fisicamente, il rientro nel mondo nuovo, un passo verso la nuova vita che verrà. 

Per me, che di cerimonie di passaggio e simbolici rituali e iniziazioni magiche ho bisogno come dell'aria, è stato perfetto iniziare questa "fase 2" con una nuova skincare, nuovi cosmetici, nuove creme. 


Come a dire a questo nuovo, strano, confuso, spaventoso e meraviglioso mondo: ciao caro, ricominciamo. 




*per la prima volta una parolaccia così, nero su bianco e senza censure. Quando ci vuole, ci vuole. 

4 commenti

  1. Ma bravissima! Sui sample, pur avendo scelto da qualche tempo di usarli a manetta, condivido il tuo repulisti, dopo un po' é assurdo tenere cose che é come non avere e che possono essere dannose. Qualche tempo fa ho anch'io buttato parecchio, soprattutto il troppo vecchio o quello che io o chi mi sta vicino comunque non avremmo mai usato ed ho ancora troppo, é una lezione da imparare bene. Come sempre sei un piacere da leggere. Un bacio (tanto é in via telematica e non infetta 🤣)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo bene che mi avevi raccontato della tua liberazione dai sample: ti ho pensata quando finalmente l'ho fatto!
      Baci a te (grazie per quel piacere da leggere, davvero)

      Elimina
  2. È bello essere pensati da qualcuno, soprattutto se la persona che ti pensa é qualcuno che stimi 😘

    RispondiElimina

Instagram