,

Un tuffo tra i miei libri

agosto 03, 2018
Lo so bene che quando vi ho chiesto se volevate il post sui libri che porto in vacanza avete glissato la domanda. 

Però Martina biscottina ha detto che lo avrebbe voluto. E poi è evidente che il silenzio era tutto a causa dello splendore del bikini (disse quella che voleva scrivere il post)...E così eccoli qui, i miei propositi letterari per l'estate 2018.  




Premessa: sono una divoratrice onnivora. Inoltre mi riservo sempre la possibilità di abbandono. E viaggio in auto, non ho problemi di peso/spazio. Questo per spiegare quantità e categorie. Non è assolutamente detto che leggerò tutto, anzi è fortemente probabile il contrario. Ma questi sono i libri che metterò in valigia. E ora, bando agli indugi.

Libri V.O. (leggere in lingua originale è sempre un gran piacere).  

Jorge Louis Borges - El libro de los seres imaginarios

Un bestiario fantastico. Introvabile o quasi, ho scovato un'edizione di seconda mano grazie a Santo Amazon. Non vedo l'ora di conoscere meglio le caratteristiche della Lepre Lunare. 

Jean Michel Guenassia - Le club des incorrigibles

Je préfère vivre en optimiste et me tromper, que vivre en pessimiste et avoir toujours raison.   

Per un'eterna Cassandra come me, leggere un libro che si apre così -preferisco vivere da ottimista e sbagliarmi che vivere da pessimista e avere sempre ragione- è quasi un obbligo morale.  

Arturo Pérez Reverte - La carta esfèrica

Nessuno dei suoi libri mi ha cambiato la vita. Ma è un bravissimo scrittore, con una capacità di raccontare storie che tiene incollati al libro. La perfetta descrizione della lettura da ombrellone.

Tadeusz Pankiewicz - The Cracow Ghetto Pharmacy

Ho scoperto la storia del farmacista del ghetto di Cracovia durante un mio viaggio. E' ora di leggerla e ricordare a me stessa che anche nei momenti più bui c'è sempre un po' di luce.



I Classici Gran Riserva (porto sicuro in cui rifugiarsi) 

Cesare Pavese- La bella estate/ La luna e i falò

Ho avuto un professore di letteratura italiana all'Università che ci leggeva con la sua bella voce passi interi di Pavese, a cui dedicò la parte monografica del suo corso. Nella mia testa i suoi libri hanno quel suono bellissimo ed è a lui che devo la mia passione per questo nostro grandissimo autore. 

J.K. Rowling - Il seggio vacante

Sono curiosa di scoprire come scrive quando non parla di cioccorane. Forse è un azzardo inserirla nei grandi classici- nella sua versione babbana potrebbe essere un flop- ma è un atto dovuto verso la creatrice di Hermione. 

Simonetta Agnello Hornby - Il veleno dell'oleandro

Non c'è suo libro che non mi sia piaciuto. Speriamo valga anche per la storia dei Carpintieri, famiglia siciliana che si riunisce attorno alla zia morente e ai suoi mille segreti non detti ... 


I nuovi grandi amori (categoria che si spiega da sè)

Isaac B. Singer- Satana a Goraj

Storia di una discesa agli inferi (con ritorno?) di uno shtetl polacco nel 1666, storia di un isterismo religioso e di falsi messia. Gongolo già solo a descriverla io, figurarsi a leggerla scritta da un genio come Singer. 

Arto Paasilinna - Il figlio del dio del tuono

Il mio autore rivelazione dell'anno. Con questo sono ben quattro i suoi libri che ho letto nel 2018. Per fortuna Iperborea ha pubblicato 15 suoi romanzi e potrò godermi suoe nuove opere ancora a lungo. Stavolta scopriremo come il dio del tuono, inviato sulla terra a riportare la fede, saprà cavarsela  nella Helsinki degli anni 2000.




I très à la page ma-io-resto-scettica (altra categoria che si spiega da sè)

Elizabeth Jane Howard- Il tempo dell'attesa

Secondo volume della saga Cazalet. Ho già letto il primo: la storia indubbiamente coinvolge ma no, non mi ha conquistata. Mi manca la potenza di un Uzeda o di un Buendia per essere il tipo di saga familiare che amo. Continuerò comunque a leggerla, magari alla fine mi conquisterà. Per ora il mio scetticismo resta. 

Gail Honeyman - Eleanor Oliphant sta benissimo

Altro libro osannato ovunque, anche qui mio grande scetticismo. Però l'ebook era in offerta su IBS a 3€, mi è sembrato giusto dargli una possibilità. Vediamo se questa "storia di resilienza, di forza, di dolore e di speranza" mi conquisterà o no. 


I non si sa mai (qui ci rientra di tutto un po'...)

Abraham Yehoshua - L'amante

In realtà questo è il primo volume della "Trilogia d'amore e di guerra". Mi auguro, per nulla segretamente, che mi piaccia e che abbia un seguito da acquistare.

 Isaac B. Singer - Keyla la Rossa

Un romanzo sull'amore e la passione che travolge tutto, pregiudizi, religione e dogmi. Se non lo leggo ora, sarà in autunno ma lo leggerò. Voglio dire, è Singer. Di lui leggerò tutto.

Renate Dorrestein - Il Club delle lettrici

Preso in versione digitale a un prezzo piccolissimo grazie a IBS più che altro per il titolo e descrizione, senza assolutamente alcun altra notizia: sarà un capolavoro o una ciofeca? Lo scopriremo solo leggendo. 

Eccoci qui, è tutto. Se siete arrivate alla fine di questo lunghissimo post grazie, grazie e grazie.





Tutte le illustrazioni di questo post sono di Andrea De Santis 

7 commenti

  1. Francamente quando viaggio non mi va di portarmi dietro dei libri, salvo le guide del posto. E salvo perdermi sul posto, ma questo é un altro discorso... però Pavese mi ha stimolato una serie di ricordi tipo l'estate dei miei quindici anni, il primo autore che posso dire di aver veramente amato e l'inizio dell'amore per la lettura. Sempre benedetta sia una certa insegnante di italiano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che belli sono i professori bravi che ti aprono nuovi mondi?? Un applauso a loro, davvero :)

      p.s. quando viaggio, non leggo null'altro che le guide del posto e sono d'accordo con te: sempre perdersi tra i vicoli! Ma io qui vado in vacanza, nello stesso paesino di sempre da 10 anni a questa parte. In vacanza, parte del viaggio la fanno i miei libri;)

      Elimina
  2. Allora é diverso, quasi indispensabile... Mettiamola così: fai meravigliosi viaggi tra paesaggi di carta e inchiostro ed escursioni tra parole e sogni messi in fila su pagina.... Buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E leggo poesie nei tuoi commenti <3

      Grazie, buone vacanze a te:)

      Elimina
  3. Se non ho risposto affermativamente al tuo sondaggio è solo perché me lo sono persa! Adoro i post in cui si parla di libri e ho un account Instagram dedicato, oltre a quello personale e quello per il make up. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no! Ma adesso ti scovo! Spero tu possa trovare qualche spunto utile. Io e Martina siamo innamorate di Eleanor Oliphant <3

      Elimina
  4. Mi hai dato una bella idea per un post!! Vedi che il blog non muore mai?
    Comunque sono curiosa di leggere i Cazalet, perché il romanzo familiare mi lascia sempre qualcosa di speciale nel cuore, anche se non sono i Buendia :-)

    RispondiElimina

Instagram