La ragazza con la valigia #1

Inizia oggi una nuova rubrica, dedicata ai viaggi. Nessuna pretesa da parte mia, sia chiaro. Solo ho pensato di condividere con voi quello che ho imparato e i posti bellissimi che ho scoperto. Piccoli consigli, travel tips che spero vi possano essere utili.



Che abbiate programmato da mesi la vostra destinazione o che vi capiti tra capo e collo due giorni prima c'è una cosa che  tutti i viaggi hanno in comune: la valigia.

Se arrivate cariche all'inverosimile, se viaggiate stra-cariche di "non si sa mai" vi avverto: questo post non fa per voi. Io ho serio orrore e pena per quelle che vanno in giro cariche come muli. 




  
In rete troverete milioni di consigli e post. C'è chi vi consiglierà di fare una lista, chi vi dirà di arrotolare tutto. Ci sono quelli che usano la tecnica dei mille divisori e ci sono quelli che giocano a tetris. Tutti consigli validi- e se ne avete altri, raccontatemeli.

Ma la dura verità è una e una sola. Non importa che di che tipo di viaggio parliamo, c'è bisogno sempre delle stesse identiche cose: un paio di scarpe, tre magliette, due maglioni, un pantalone e una gonna e un abito. Basta. Il resto è fuffa. Ve lo assicuro, mi venissero le doppie punte alle ciglia: non vi serve null'altro. 

Che il vostro viaggio sia di due giorni o di 3 settimane, che sia per le Isole Fiji o per l'Everest questo è tutto quello di cui avrete bisogno: un paio di scarpe, tre magliette, due maglioni, un pantalone, una gonna e un abito. Non ci sono deroghe. Un'occasione elegante si può risolvere con qualche accessorio e con la giusta scelta dei capi. Se state fuori a lungo, e proprio vi fa orrore lavare a mano, esistono le lavanderie. 

Lasciate spazio per gli acquisti-perché comprerete- e non imbarcate mai. 

Se davvero aveste mai bisogno di qualcosa, il mondo è pieno di negozi che vi aspettano, ovunque siate. Anzi, avrete il plus dell'esperienza di shopping "quotidiano" in un altro paese: tanto meglio. 

Createvi una vostra "capsule collection". Capi comodi, con i quali vi trovate a vostro agio. C'è chi si trova a suo agio con pantaloncini e magliette, chi con scollature e minigonne. A ognuna il suo. Io seguo ormai sempre lo stesso schema: 3 magliette colorate (di 3 pesantezze diverse, che il clima ormai è incontrollabile), 1 cardigan nero e 1 maglione a tinta unita colorato, un jeans, una minigonna jeans e un abito medio/elegante. 




Le scarpe sono nere e comode: sì, magari sotto l'abito un tacco 12 starebbe meglio. Ma siccome mi vesto per me, anche e soprattutto in vacanza, preferisco di gran lunga portare la mia piastra che un paio di scarpe con il tacco. Mi sento più elegante con i capelli a posto e con scarpe basse che sui tacchi e con i capelli indisciplinati. Come dicevo prima: a ognuna il suo.  

Ogni santa volta che ho derogato a questo schema e ho aggiunto, ascoltando qualche consiglio o temendo di trovarmi senza nulla da mettermi, me ne sono amaramente pentita. Mai e poi mai ho rimpianto qualcosa che avevo lasciato a casa. Al contrario, ho maledetto maglioni e scarpe mai usati ma ingombrantissimi.  

Lo so che sembra eresia, lo so che vi pare una soluzione estrema, vi vedo scuotere il capo e pensare che è impossibile: credetemi, non lo è. Provateci: riducete, eliminate l'eccesso. Fatevi possedere dallo spirito della Kondo almeno una volta nella vostra vita. 
  
E ricordatevi che un viaggio vero, che sia di due giorni o di un mese, è anche libertà: viaggiate leggere, staccate da tutto, obblighi di moda incluso. 






N.B. del perfetto Beauty da viaggio ne abbiamo parlato qui. Interessa post esclusivo e dedicato, con qualche ragionamento in più? 

5 commenti:

  1. Mai avuto problemi con la valigia sono una di quelle donne che odia portare troppa roba quindi stretto indispensabile xD

    Mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Tu saresti una perfetta compagna di viaggio per me:)

      Elimina
  2. Sul viaggiare più leggeri possibile sono pienamente d'accordo, quanto leggero dipende anche dal tipo di viaggio che fai. Se partecipo
    a un viaggio organizzato con tempi ristrettissimi, la mezz'ora prima della cena preferisco passarla rilassandomi piuttosto che a lavare biancheria, se sono in autonomia o in situazioni più stanziali capisco il portarsi meno roba, però, quando sono in giro preferisco godermi il viaggio e sfruttare al massimo il posto. E mi é anche capitato di comprare quello che mancava. Ogni anno, però, porto con me meno bagaglio, le cose fondamentali sono proprio la biancheria e un set minimo di abiti, diciamo che con un trolley medio riesco a fare 15 giorni, scarpe,vestiti e beauty compreso, per una settimana riesco a farmi bastare un borsone. Non metto nel conto, però, macchina fotografica e tablet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non partecipando da tempo immemore a viaggi organizzati non ho pensato a certe opzioni... però di fondo mi pare che abbiamo un approccio simile. Per quanto riguarda molte cose io le compro sempre sul posto, soprattutto i liquidi: da quando hanno aumentato le misure di sicurezza non solo mi alleggerisco il bagaglio ma passo i controlli molto più facilmente!:*

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero