Because that's what storytellers do

Non ho mai amato Mary Poppins. La trovo smielata e anche un po' troppo perfettina e sì, un filino moralista. Noiosa, a dirla tutta. 

Però domenica pomeriggio ero sul divano e non c'era davvero nulla di meglio in televisione. E in fondo in Saving mr Banks si prometteva di raccontare una storia mai raccontata e gli attori sono davvero dei bravi attori.... e insomma, l'ho visto.



La pellicola si ispira alla storia vera di come Walt Disney ottenne i diritti del romanzo Mary Poppins della scrittrice australiana Pamela Lyndon Travers, dopo venti anni di continue e pressanti richieste, con qualche piccola ovvia licenza. 

Molte cose mi hanno colpita di questa storia dietro la storia di cui non sapevo nulla - e che mi ha fatto venire voglia di leggere il libro, con occhi diversi. Ma quello che mi ha colpito più di tutto è che in fondo questo è un film su chi le storie le racconta. E' un film sulle parole.

Sul perchè raccontare una storia, e come, e a chi. Sulle parole da scegliere e sul come usarle perchè dicano esattamente quello che tu voglia che dicano e sul continuo timore che invece possano essere fraintese. E sull'inevitabile consapevolezza a cui chiunque abbia mai provato anche solo una volta in vita sua a scrivere qualcosa, anche qualcosa di ordinario come un post, deve arrivare per poter sopravvivere.

Le parole, una volta dette e scritte non sono più solo tue. 

Chi ti leggerà le cambierà e gli darà nuovo senso. Te le restituirà, più ricche e diverse dalle tue, ma sempre tue. E trasfigureranno un mucchio di cose, e te le cambieranno e tu no, non volevi dire quello. Ma in qualche modo, se avrai fortuna e se sarai stata anche un po' brava e se non avrai ceduto su nessuno dei punti che ti sembravano davvero fondamentali, capiranno lo stesso quello che volevi dire. E forse lo chiariranno meglio anche a te.   


Non è lo zucchero a fare la magia. Sono le parole.


p.s. se lo vedete, resistete ai titoli di coda: si sente la registrazione originale delle discussioni tra la Travers e gli sceneggiatori Disney.... era davvero straordinariamente e deliziosamente insopportabile. 

15 commenti:

  1. Voglio vederlo assolutamente..su Sky era vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, su Sky. Poi fammi sapere :)

      Elimina
  2. Ne avevo sentito parlare al telegiornale e mi aveva un po' incuriosita ed ora arrivi tu con questa recensione positiva! Entrerà nella lista dei film da vedere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) anche tu, poi torna a dirmi che ne pensi!

      Elimina
  3. Ho amato tantissimo questo film <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 ma tu una Mary Poppins l'hai fatta??

      Elimina
  4. Mi sono innamorata di questo film, mi ha fatto sognare. Anche se pure io non ho mai amato moltissimo Mary Poppins, un po' troppo perfettina xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo un solo vago ricordo di cosa trattasse... per fortuna, altrimenti magari non l'avrei mai visto :D

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. lo riguarderei mille volte! l'ho adorato! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 <3 andava bene anche detto due volte!

      Elimina
  7. A me Mary Poppins piaceva da piccola. Tutto tranne il finale che trovavo drammaticamente triste.
    Questo film invece ho paura che mi commuoverà, soprattutto se parla di come gli altri interpretano le tue parole: sai che mi è capitato più volte che chi leggeva il mio post trovava parole migliori delle mie per descrivere quello che volevo dire? Alcune volte sono stati proprio gli altri a farmi capire cosa avevo in testa... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che sia una delle magie più belle dello scrivere: aiuta a fare chiarezza e a volte sono gli altri che ti aiutano. <3

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero