Non è vero (forse) ma ci credo

[Attenzione: questo post aveva provato a sfuggire dalle bozze a mia insaputa. Per questo troverete un commento. Grazie a Serena, ho potuto catturarlo prima che facesse troppi danni e "liberarlo" solo al momento giusto.]

Il tonico è uno di quei prodotti che tendenzialmente si trascura spesso. Non parlo di noi "malate" - siamo un caso patologico, è noto a tutti- ma del mondo normale. Nel mondo normale il tonico è percepito spesso come un prodotto che non-si-sa-a-che-serve, invenzione malefica delle grandi industrie per vendere di più. Insomma il pensiero tipico è "mi sono struccata, mi sto per mettere la crema, mò pure il tonico?? E che esagerazione...". E va detto che è un pensiero condiviso anche da chi ne sa qualcosina in più...

Io però non so farne a meno: dopo essere stato per anni una presenza incostante nella mia routine cosmetica, è diventato definitivo qualche mese prima del mio matrimonio- quando misi in atto ogni pratica a me nota per evitare brufoli nel giorno previsto e da allora non ne è più uscito. Sarà che alla mia pelle misto/grassa la sensazione piace molto, sarà che per quanto mi strucchi a fondo qualcosa poi viene via anche al momento del tonico, sarà che sono una bestiolina abitudinaria ed è una pratica a cui non ho intenzione di rinunciare. Insomma, forse non sarà vero, ma io ci credo.

Non lo risciaquo mai e lascio che la sua azione astringente duri a lungo: Ovviamente, questo vuol dire cercare di scegliere sempre prodotti che siano adatti al mio utilizzo, come nel caso di questo Tonico schiarente della Lavera .  


Partiamo dal nome: sul sito Eccoverde lo trovate così come ve l'ho scritto. Ma se fate una ricerchina su Googlesantosubito troverete che Klärendes Gesichtswasser non vuol dire Tonico Schiarente (che è una dizione che a me spaventa un po')  ma semplicemente Tonico e infatti è usato per tutti i tonici in generale. A fare una goffa traduzione parola per parola: Purificante Acquaviso. Insomma, io dell'azione schiarente non ho trovato traccia nè nel nome nè, per fortuna, negli effetti. 

La confezione da 125 ml costa 6€ e ha un INCI di tutto rispetto: dopo la ovvia acqua e il solito Alcol ci sono un mucchio di begli ingredienti, primo tra tutto il Ginkgo Biloba. Da qui si spiega la presenza del prezzemolo (ditemi che non sono la sola ad averci pensato) sull'etichetta. 

Ha un profumo leggero e fiorito che amo molto: sono profondamente convinta, senza alcuna base scientifica, che la componente che me lo fa amare tanto sia la Vitis Vinifera. Vaneggiamenti a parte, svolge benissimo il suo compito: la pelle è rinfrescata, i pori coccolati e richiusi e non ho nessuna sensazione di appicicoso e/o appesantimento (che per me è un aspetto fondamentale). 

E' certificato, è di uno dei brand che amo moltissimo, e ha un prezzo onesto. L'unico motivo per cui alla classica domanda del "Lo ricomprerei" troverete no è che all'epoca dell'ordine per sbaglio ne presi due:)


Lo consiglierei: sì

Lo ricomprerei: no (per ora)

Lo regalerei: sì. 


15 commenti:

  1. ehm... mi sa che è sfuggito un post dalle bozze... ;)

    RispondiElimina
  2. Anche io ormai non amo stare senza tonico ^^.
    Per me che uso quasi sempre il sapone solido per lavare il viso, è uno step che aiuta subito a non far tirare la pelle ed a renderla fresca, morbida ed idratata; oltre al fatto che il sapone mi pare alteri il ph, ed il tonico lo ripristina. Inoltre lo applico spruzzandolo sul viso, dopo aver letto il suggerimento da Paracelso, che diceva come in questo modo le varie sostante possano arrivare meglio (nel senso che il dischetto di cotone ne blocca il rilascio).
    Poi chissà...Posso dirti che adesso stò usando un idrolato al posto del tonico vero e proprio, e la differenza la stò sentendo; non mi lascia quella bella sensazione di pelle lenita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come il sapone?? Ma che ph ha? Ma non ti tira la pelle tantissimo??? Ma un gel detergente delicato ed efficace no?? C'è quello Lavera della Basis Sensitiv che potrebbe paicerti sai??

      Elimina
  3. Ciao, adoro il tuo blog. Ti seguo, ricambi? http://reviewbeautyweb.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. sembra ottimo *_* essendo in fissa coi tonici al momento, lo terrò sicuramente in considerazione :D
    baciii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che è una fissazione non solo mia ;)

      Elimina
  5. Io sempre di lavera uso il tonico ma per pelli delicate, mi trovo benissimo!!! Di questa "schiarente" ho lo scrub e devo dire.. ottimo anche quello! (anche se concordo che non schiarisce nulla XD) Sono una super fan di lavera ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia un caso di traduzione "forzata"..pensa che stavo per non prenderlo proprio per quel motivo (non voglio schiarire nulla e poi temevo potesse essere fotosensibile)...Su Lavera: è un brand che amo infinitamente: non con tutti i suoi prodotti mi sono trovata bene, ma lo amo lo stesso (come si dice? Nel bene e nel male)

      Elimina
  6. Anche io sono una fan del tonico, se qualcuno mi chiede a che serve, mi prende un colpo!

    RispondiElimina
  7. infatti quello "schiarente" mi ha sempre lasciato dubbiosa..mi ha sempre frenato l'acquisto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Poi però se guardi bene l'INCI e usi santogoogle la paura passa ;)

      Elimina
  8. non mi sfugge niente!!! XD

    comunque mi spaventava un po' la scritta "schiarente", ma vedo che non ce n'era motivo... meglio così!!! ^.^
    io adoro i tonici e non ne posso fare a meno... in genere uso un tonico per pelli sensibili o secche durante l'inverno, uno per pelli normali in tarda primavera (e anche agli inizi dell'autunno) e uno per pelli miste o addirittura grasse d'estate... forse è un po' strana come cosa, però mi ci trovo bene!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia correttrice di bozze <3 <3

      Non credo sia sbagliato il tuo cambiare il tonico, anzi: fai bene ad ascoltare le richieste della tua pelle!

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero