#iosorrido. La mia partecipazione

Mentre sono in corso le votazioni per scegliere le tre entry preferite al contest, ho pensato che in un certo senso vi "dovevo" questo post. Vi ho chiesto di raccontarmi cosa vi fa sorridere, è giusto che vi dica cosa fa sorridere me.



Avete partecipato in pochine al contest: vabbè, cose che capitano. Mi ha però colpito moltissimo il fatto che alcune tra di voi mi abbiano detto "Non partecipo perchè sono musona, perchè sorrido poco, perchè ho un carattere chiuso, perchèe nella mia vita non ho motivi per sorridere, etc. etc.". Non parlo di alcuni messaggi privati, perchè quelli sono un discorso a parte e, come ho già detto, mi ritengo onorata di averli ricevuti.

Parlo del fatto che in linea generale- nessuna si senta offesa- il sorriso sembra essere diventato un bene prezioso e raro. Per una volta, mi assumo tutto il peso e il ruolo dei miei quasi 40 anni per dirvi che no, non può essere nè deve essere così.

Per un primo, banalissimo, motivo. Perchè, davvero, c'è un mondo di dolore e sofferenza là fuori e abbiamo il compito morale di ricordarlo sempre e di mantenere le cose nella giusta ottica e proporzione: mi sarebbe bastato poco, nascere in un paese diverso dal nostro, senza mie colpe nè meriti, per conoscere la quotidiana esperienza  di un bombardamento.

Ma il gioco di Pollyanna funziona fino a un certo punto. Ci sono volte in cui comunque è giusto, naturale e logico non avere voglia di sorridere. E poi, se davvero il nostro sorriso dovesse basarsi solo e sempre sul fatto che c'è chi sta peggio di noi, che sorriso triste che avremmo, no ?

C'è questa idea, sbagliata e diffusa, che chi sorride abbia una vita facile e serena. Non è vero. Ognuno di noi ha problemi e paure e ansie e timori. Spesso ha dolori che ha confessato a pochi, a volte, purtroppo, a nessuno. C'è chi crede che tenendo il muso, smettendo di apprezzare le cose belle che a dispetto di tutto e nonostante il vostro malumore continuano a succedere, riuscirà a vivere meglio o ad alleggerire i suoi problemi.

Io credo che le cose brutte (e vi assicuro, me ne capitano e mi continueranno a capitare) mi succederanno lo stesso. E su molte di esse non avrò alcun potere. Se non uno. Quello di non farmi abbattere. Di non farmi vincere. 

A chi mi mente, inganna e offende, alle ingiustizie e ai torti che subisco, alle mancanze di ogni giorno non lascio anche questa vittoria. Ai corridoi di ospedale che visito, ai fiori al cimitero che porto non lascerò anche il mio sorriso.

Il mio sorriso è un'arma: la più potente che ho. Mi difende e mi dà nuova forza. Mi aiuta ad andare avanti e, nei casi migliori e più belli, a volte aiuta anche qualcuno che mi è vicino. Se mi fate arrabbiare, diventerà un ghigno e i problemi non saranno solo miei. 

Ma di solito no, di solito è un sorriso: non è semplice, non è facile. E' un obiettivo continuo, uno scopo preciso. Quando vi dicevo che io ho scelto di sorridere, non era un modo di dire.

C'è chi trova la forza di andare avanti nella rabbia, nella determinazione, nel desiderio di vendetta o di rivalsa. Io, la trovo nelle cose belle.

#iosorrido.


32 commenti:

  1. post semplicemente stupendo! Come sai condivido le tue parole e il tuo pensiero. Io ho, o meglio avevo, un carattere chiuso fin da piccina, e mia mamma mi definiva spesso "musona" (cuore di mamma eh?). Non è stato facile cambiare, non mi sono accorta nemmeno quando è avvenuto il vero cambiamento, però mi sono accorta che ora sorrido sempre di più. E non perché la mia vita sia facile o bellissima...le preoccupazioni ci sono sempre, le difficoltà, i momenti "no", sono presenti quotidianamente...ma agli altri il sorriso non lo nego mai, per educazione forse, per gentilezza, mi viene spontaneo. Con le mie figlie è naturale averlo e spero sia d'esempio, per quanto possibile. Proprio una settimana fa mia figlia doveva essere operata e io provavo ansia e preoccupazione a livelli massimi...eppure dovevo sorridere, per lei. Quando l'ho accompagnata in sala preoperatoria e le ho messo la mascherina per l'anestesia mi veniva da piangere, eppure il sorriso non ha abbandonato il mio viso. Era una maschera in quel caso, ma per mia figlia credo sia stato importante vedermi così. Spero di riuscirci sempre...un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello il fatto che il tuo cambiamento sia avvenuto man mano, senza imposizioni esterne ma dall'interno:) Sicuramente essere diventata madre ha influito (e sono sicura che tua figlia ha sentito tutto il tuo affetto e appoggio nei giorni scorsi) ma credo ci sia tanto anche del tuo bel carattere:)

      Elimina
  2. Splendido post.
    "Che il riso (gioia) è più profondo del pianto (dolore), ce lo dimostra il fatto che l’uomo, appena nato, quando è ancora incapace di tutto, è però abilissimo di lunghi interminabili piagnistei. Prima che possa pagarsi il lusso di una bella risata avrà dovuto seguire una buona maturazione.
    bisogna abituarsi a ridere di tutto quello di cui abitualmente si piange, sviluppando la nostra profondità. L’uomo non può essere considerato seriamente che quando ride." A.P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella, bellissima la tua citazione*_*

      Elimina
  3. La stra penso come te... cavolo se ne ho di problemi....alcuni gravi, alcuni meno....
    Ti faccio ridere se ti racconto una cosa....
    Qualche anno fa, mi è venuta una emiparesi al viso...per fortuna e tempismo, l'ho curata e adesso non ce ne sta alcun segno sul mio viso...
    (si la mia faccia da sedere è normale così XD )
    Ma vabeh...Quella mattina mi alzo, mi lavo la faccia e mi guardo allo specchio... Azz,,, sembravo Joker con un lato della bocca che restava li a ridere... io piangevo come una forsennata... e la mia faccia rideva -.-
    Ero disperata... corro in camera da mio fratello e lui giù grosse risate!! e mi sfotteva!! sembri joker sembri joker...
    Corro da mamma... e li giù a ridere peggio di mio fratello...
    BHe....sembravo joker si -.- con la faccia sorridente per mezzo lato per 3 settimane....
    Cosa ho imparato dalla mia esperienza? Che nonostante i casini il mio corpo VUOLE SORIDERE! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pirmo: macchè faccia di sedere!!
      Secondo: trovo semplicemente MERAVIGLIOSA la filosofia che c'è dietro il tuo modo di raccontare quello che ti è successo <3 <3

      Elimina
    2. ahahhaha bhe... ha un suo perchè no? :*

      Elimina
  4. ehm... mi sento tirata in causa... sento di essere "l'esempio negativo"... serena che non sorride... serena che non va al mare... serena che non si accetta...
    e neanche a dire che ho la coda di paglia perché sono effettivamente io che ti dico queste cose...
    guarda che io ringrazio il Signore ogni giorno per avere una vita "facile" rispetto a tante altre persone, per aver dato la salute a me e alle persone che amo (per ora, per il futuro non si può mai sapere)...
    ringrazio i miei genitori per avermi dato la vita (anche se a volte penso: "perché nove mesi prima della mia nascita non hanno guardato la televisione o fatto altre cose?", ma lo penso raramente)...
    io non penso che chi sorride abbia una vita facile e serena. semplicemente ha un modo diverso di affrontare la vita. diverso, non migliore, non peggiore.
    e non credo neanche che avendo il muso riuscirò a vivere meglio o alleggerire i miei problemi, semplicemente reagisco così.
    la maggior parte dei sorrisi che faccio è finta. sorrido ma dentro mi metterei a piangere...
    tu dici. "A chi mi mente, inganna e offende, alle ingiustizie e ai torti che subisco, alle mancanze di ogni giorno non lascio anche questa vittoria". ecco, lo penso anch'io. lo faccio anch'io. ma è un sorriso fintissimo (lo è il mio, non sto dicendo che anche il tuo lo sia)...
    certamente ci sono dei casi in cui sorrido: quando vedo i miei amici (anche se non penso siano dei veri amici -o almeno non tutti- , ma questo è un altro discorso), quando scherzo con mio fratello , quando gioco con i miei cuginetti e soprattutto quando sto con il mio ragazzo...
    stiamo insieme da diverso tempo (forse dovrei dire "tanto tempo", dato che più di 4 anni per dei 22enni sono parecchi) e quando sto con lui sto davvero bene... non solo sorrido per davvero, ma rido di gusto... perché non c'è cosa più bella della sua presenza per me... se qualcuno mi dicesse "pensa a qualcosa o qualcuno che ti fa stare bene" io penserei immediatamente a lui... se la mia vita fosse con lui (chissà se sarà davvero così o se il destino mi giocherà brutti scherzi) sarei la persona più felice di questo mondo...
    ma io non voglio sorridere solo per qualcuno... voglio sorridere perché so di valere, so di essere importante... ma purtroppo non è così... da un po' di tempo a questa parte ho delle crisi di identità, dei fortissimi dubbi su scelte che ho fatto... sto rivalutando tantissime cose ma non sto ancora trovando il coraggio di cambiarle... perché la vita che farei se continuassi a fare quello che sto facendo sarebbe più facile, ma forse non la più felice per me...
    e allora come faccio a sorridere se dentro di me c'è il caos??

    hermosa, lungi da me essere polemica, sono una delle persone più tranquille della terra e anzi scusami se questo mio commento lo sembra, ma non voglio sentirmi in colpa per aver scelto di non sorridere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, non ho scorto un momento di polemica nel tuo commento ma un contributo alla discussione. Qui nessuna di noi ha la verità in tasca e io amo moltissimo la possibilità di confrontarmi con voi serenamente (scusa, il gioco di parole era troppo bello per non farlo!). Detto questo, e premesso che la tua scelta ha tutto il diritto di vedersi rispettata, io vorrei solo dirti una cosa: qui, in questo spazio che spero tu senta "protetto", non sei musona, nè antipatica nè priva di sorrisi.

      E voirrei anche dirti che 16 anni fa il mio sorriso e la sua consapevolezza non erano nemmeno un progetto embrionale ed ero sicuramente più musona di oggi. Io mi auguro e ti auguro non di diventare come me (ci mancherebbe) ma di diventare la te stessa che desideri, come vuoi e quando vuoi. E mi auguro pure che me lo racconterai. Un abbraccio fortissimo (e sorridente)

      Elimina
    2. ahahah, tranquilla per il gioco di parole!! fai pure!!! ci sono abituata!!

      grazie hermosa, davvero!!!
      certo che sento che questo spazio è "protetto"!!! altrimenti perché ti rompo le scatole da un anno??? :)

      spero proprio di raccontartelo allora (l'hai detto tu eh!! sai quanto sono lunghe le mie mail!! xd )!!!! :)

      Elimina
    3. L'ho detto io, confermo. E le tue mail sono sempre un piacere:)

      Elimina
  5. Ho sentito queste parole come dette da una sorella maggiore, più esperta e consapevole di me, che mi mette in guardia sulla vita. Terrò a mente quello che hai detto per la vita.
    Un Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piper, se volevi commuovermi ce l'hai fatta. Grazie :)

      Elimina
  6. ottimo post, credo che con questa frase "Io credo che le cose brutte (e vi assicuro, me ne capitano e mi continueranno a capitare) mi succederanno lo stesso. E su molte di esse non avrò alcun potere. Se non uno. Quello di non farmi abbattere. Di non farmi vincere. " tu abbia c'entrato in pieno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Mi fa piacere tanto sapere che sei d'accordo.

      Elimina
  7. Che belle parole, posso votare te per il contest??? E comunque, non sono 40, ma due volte 20 :) io sorrido e sono pure scema! Un abbraccio *

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaa....io sono fuori contest. Comunque io ai miei 40 anni ci tengo tantissimo eh. Non mi toglierei nemmeno un giorno;)

      Elimina
  8. Belle le tue parole,molto sentite!!! Non ricordo,ma forse sono una delle persone che ha scritto di sorridere poco..beh è vero,razionalmente condivido i tuoi pensieri,ma talvolta non emergono a livello emotivo. ho avuto momenti peggiori ,lo devo onestamente ammettere. forse mi devo solo allenare e vivere affrontando e non lasciandomi abbattere,come dici tu . del resto mai ho pensato che chi non mostra musi abbia una vita perfetta e sempre felice. :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto, non è un processo facile e davvero credo che gli anni passati mi abbiano molto aiutata. Poi oh, c'è bisogno anche di musoni nel mondo eh: purchè siano come te, mi stano BENISSIMO;)

      Elimina
  9. anch'io :-), come te :-)
    e mi dispiace da morire di non aver partecipato al concorso ç_ç non so perché, ma mi è sfuggito ç_ç sono una distratta cronica!!!!

    RispondiElimina
  10. E' proprio vero che "c'è un mondo di dolore e sofferenza là fuori e abbiamo il compito morale di ricordarlo sempre e di mantenere le cose nella giusta ottica e proporzione".
    Trovo così bello e coraggioso il messaggio di questo post che voglio condividerlo subito :)

    RispondiElimina
  11. La penso esattamente come te!

    #iosorridoconte <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 <3 Come dicevo, quando qualcuno sorride con me è ancora più bello..

      Elimina
  12. Penso che se tu avessi partecipato, avremmo votato tutte per te :-)
    Condivido anche io il tuo pensiero, anche se ci sono arrivata solo in tempi relativamente recenti e dopo una bella "botta". Ma si sa, quando uno cade poi si deve rialzare ed io l'ho fatto sorridendo!! Figuriamoci che c'è ancora chi pensa che mi comporto così perchè non ho mai provato dolore e sofferenza nella vita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esagerataaaa...Comunque sì, anche pensando a quello che ha detto Serena forse questo tipo di sorriso viene con gli anni e le batoste (il tuo sorriso è bello bello, lo sai sì?)

      Elimina
    2. Grazie!! Sono molto contenta che il mio messaggio sia passato... è già una vittoria per me!! :-*
      Ora vado a votare anch'io, ce l'ho fatta a trovare il tempo di scegliere la mia preferita in questi giorni frenetici...

      Elimina
  13. Hermosa ,complimenti per questo post !Con semplici parole sei riuscita a spiegare un mondo..io a volte mi scordo che davvero è proprio quel sorriso che chiude la porta alle cose brutte e spiacevoli che ci succedono e che siamo costretti a passare..non serve a nulla piangersi addosso o essere duri con sè e con gli altri quando tutto va storto...certo,quello è un riflesso incondizionato,ma si deve reagire positivamente,lo dobbiamo a noi stessi!
    sei stata più che vera,autentica in tutto quello che hai detto e in come lo hai detto.Grazie Hermosa ,anche #iosorrido !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per queste tue belle parole :)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero