Chiamatemi strega

Non importa chi sono. Non importa come mi chiamo. Potete chiamarmi Strega.

Perché tanto la mia natura è quella. Da sempre, dal primo vagito, dal primo respiro di vita, dal primo calcio che ho tirato al mondo.

Sono una di quelle donne che hanno il fuoco nell’anima, sono una di quelle donne che hanno la vista e l’udito di un gatto, sono una di quelle donne che parlano con gli alberi e le formiche, sono una di quelle donne che hanno il cervello di Ipazia, di Artemisia, di Madame Curie. 

E sono bella! Ho la bellezza della luce, ho la bellezza dell’armonia, ho la bellezza del mare in tempesta, ho la bellezza di una tigre, ho la bellezza dei girasoli, della lavanda e pure dell’erba gramigna!

Per cui sono Strega.

Sono Strega perché sono diversa, sono unica, sono un’altra, sono me stessa, sono fuori dalle righe, sono fuori dagli schemi, sono a-normale…  sono io!

Sono Strega perché sono fiera del mio essere animale-donna-zingara-artista e … folle ingegnere della mia vita.

Sono Strega perché so usare la testa, perché dico sempre ciò che penso, perché non ho paura della parola pericolosa e pruriginosa, della parola potente e possente. 

Sono Strega perché spesso dò fastidio alle Sante Inquisizioni di questo strano millennio, di questo Medioevo di tribunali mediatici e apatici.

Sono Strega perché i roghi esistono ancora e io – prima o poi – potrei finirci dentro.

(Barbara Giorgi per Franca Rame)

  Ciao Franca, e grazie.
Saremo streghe anche per te.

 

28 commenti:

  1. bel post!!! molto coinvolgente.. sono una streghetta anche io! ^_*

    RispondiElimina
  2. Dobbiamo esser tutte un po' streghe.
    Grande Franca, ciao.

    RispondiElimina
  3. E' stata una grande donna.

    RispondiElimina
  4. Sapete una cosa che mi ha infastidito? I titoli di alcuni giornali "Muore Franca Rame, moglie di Dario Fo". Eccerto, perchè questo sarebbe il suo merito maggiore....

    RispondiElimina
  5. Una delle poche donne di spettacolo che non faceva spettacolo...lo era lei stessa.
    Grande testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Io a lei penso non tanto come attrice, ma come persona:)

      Elimina
  6. Wow.... beh che dire... Grazie per questo post... cade a fagiolo proprio oggi che ho avuto una giornata molto no e in cui ho pensato che forse sono io quella sbagliata...
    Invece no! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no!Non permettere a nessuno di farti pensare certe cose è_é

      Elimina
  7. Che donna, che BELLA donna.

    RispondiElimina
  8. Io penso che Fo durerà ben poco, ora :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho pensato alla Masina e Fellini...

      Elimina
    2. anch'io l'ho pensato... io però ho pensato a sandra e raimondo...

      Elimina
  9. Grazie Hermy per questo post.
    E grazie Franca, per tutto.

    RispondiElimina
  10. Poche hanno saputo dare voce e colore e sfumature e profondità a noi Streghe come questa donna eccezionale. Che mi mancherà davvero, anche se sembra una frase fatta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il dono dei grandi. Mancare anche a chi non li ha mai conosciuti di persona.

      Elimina
  11. Risposte
    1. Bravissima l'autrice del monologo, perfetto per la Rame...

      Elimina
  12. Siamo tutte streghe: ciao, Franca. Modello per tutte noi!

    RispondiElimina
  13. Sono BARBARA GIORGI, l'autrice del monologo CHIAMATEMI STREGA. Molti pensano che l'abbia scritto la grande FRANCA RAME, ma non è così. L'ho scritto io e l'ho dedicato a lei. Poi Franca Rame l'ha inserito nel suo blog, qui: http://www.francarame.it/node/1835
    Dario Fo mi ha telefonato per ringraziarmi.
    Ora il monologo è il primo dei 15 scritti sulle donne contenuti nel mio libro, intitolato appunto CHIAMATEMI STREGA. Dedicato a tutte le donne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara, grazie per essere passata di qui. E grazie per il tuo bel monologo.

      Elimina
    2. grazie a voi. Condividere i miei scritti e le mie emozioni.... è la cosa più bella.

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero