Donna baffuta, sempre piaciuta.

Quando ho letto questa notizia  ci sono davvero rimasta male.

L'intenzione, secondo questa blogger, era quella di chiedersi come sarebbe stata Frida Khalo se fosse andata in un centro estetico. Un po' come chiedersi come sarebbero i personaggi di Botero se dimagrissero. O l'urlo di Munch se fosse allegro.

Un concetto che, personalmente, mi ha disturbato moltissimo. Non perchè io creda che ci sia arte "intoccabile", anzi. Ma perchè il tentativo non era affatto artistico ma tutto incentrato su certi predeterminati canoni di bellezza.

E infatti:  a sinistra vedete una donna vera, trasfigurata così come l'artista ha meglio ritenuto. A destra, una delle tante ragazzette carine, perfettamente uguali ad altre mille mila. 


Tra l'altro, beata ignoranza, Frida ebbe una vita sentimentale e amorosa intensa e pienissima. Sebbene fosse baffuta. 





E' un'artista che amo molto. Non perchè l'abbiano fatta studiare o perchè qualcuno mi abbia detto che era brava. Perchè anni fa mi sono imbattuta in una sua mostra a Roma, senza sapere niente di chi fosse, e mi emozionò tanto. 

Da allora, certo, ho letto e studiato e imparato a conoscerla. Ma quadri come questo continuano ad essere emozionanti, per me, senza bisogno di spiegazioni.


Direte: E tutto questo con il film della settimana che c'entra?" C'entra.

Perchè se ancora non conoscete Frida e la sua storia, e se vi ho incuriosito almeno un po', potete sempre vedere Frida , film sulla sua vita, prodotto e interpretato da Salma Hayek


Ci troverete una storia abbastanza fedele alla realtá, sebbene io trovi che la Hayek si sia trasformata troppo poco e abbia ceduto alla vanitá tradizionale. Ma se non avete mai sentito parlare di lei, è un ottimo punto di inizio. 

Vi lascio con una scena del film. Ovviamente, è sicuramente "romanzata" eppure non stento a credere che la vera Frida sia stata tanto sensuale (e sì, pare che ebbe davvero una storia d'amore con Tina Modotti, ma anche con Trotsky. Alla faccia dei baffi). 


40 commenti:

  1. Come te penso che bisogna vedere le opere attraverso gli occhi del tempo, e non "modernizzarla", per capirla appieno... ora sono curiosa di vedere il film... :)
    Timeless MOde

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi fammmi sapere..ha qualche eccesso hollywoodiano,ma non è male!

      Elimina
  2. Non c'entra nulla, me ne rendo conto...ma ho trovato incantevole la musica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'entra eccome! In un film tutto contribuisce a creare l'effetto finale, e la colonna sonora è un elemento importante:)

      Elimina
  3. Secondo me non è stata lei a non volersi trasformare, probabilmente sono state scelte di regia... Comunque io l'ho visto e mi è piaciuto tanto, davvero bello. Trovo che fosse una figura di donna fantastica, forte e (a modo suo), indipendente... Nonché più brava del marito più famoso di lei :) L'iniziativa della blogger è frivola, ma non la trovo da condannare troppo: in fondo oggi ce le facciamo tutte le sopracciglia, no? E pure i baffi, e molte di noi sono intelligenti lo stesso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Selli, io sono la più acerrima nemica dei baffetti, così come del monociglio. Ma quella è un opera d'arte, ed è per questo che trovo inopportuno il ritocco;)

      Elimina
    2. Soprattutto perchè non è un tentativo di re-interpretazione di un capolavoro, ma - ai miei occhi-una banalizzazione.

      Elimina
  4. Sai che sono anni che voglio vedere questo film ma non prendo mai il via?! Me pessima.
    Comunque brutta brutta questa idea di abbellire le opere, ma si fa?!? E che senso avrebbe, per dire, l'urlo di Munch allegro? No, no, no.

    RispondiElimina
  5. se Frida Kahlo non si depilava pelurie varie e sopracciglia, era per scelta, non per sciatteria o altro. era una delle mille espressioni della sua personalità. se le ragazzette carine sono tutte uguali le une alle altre è perchè di personalità non ne hanno affatto.
    (scusa ma questa cosa della blogger che ha trasformato Frida Kahlo mi da veramente fastidio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica! Artefice del mio lento e costante dimagrimento!! (sapevo che avresti apprezzato)

      Elimina
    2. ah, sta andando bene!!! che bello!!! mi fa piacere assai :D

      Elimina
  6. Lo stile di Frida Kahlo era questo e quindi c'è poco da dire e tentare di trasformare. Ma da una come me ke vive con la ceretta sempre accesa e la pinzetta a portata di mano il detto " donna baffuta sempre piaciuta" non è da seguire. Trovo i peli adatti solo per fare capelli, ciglia e sopracciglia... ttt il resto è superfluo e lo ritengo anke un fattore di trascuratezza (e a volte purtroppo sì, anke d poca igiene)! scusate ma sn una maniaca della depilazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ebbe a dire la mia estetista storica io sono "il nemico del pelo". Peró il punto è esattamente quello che dici tu all'inizio: lei era così, e non va trasformata:)

      Elimina
  7. L'immagine di Frida Khalo nella nostra cultura ha assunto un importante ruolo di simbolo dell'affermazione femminile. Giocarci con questa superficialità lo trovo davvero sgradevole, oltre che irrispettoso nei confronti di una donna incredibile e di una grandissima artista. Chi sa cosa passava per la testa della blogger, bah.

    Baci
    Sarah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Splendida sintesi..ovviamente sono del tutto d'accordo con te!

      Elimina
  8. Grazie di cuore per questo post, per me Frida è magnifica, lei e Dalì sono 2 degli autori che più mi coinvolgono! Hanno uno stile talmente personale che non cambierei nulla di loro, sono da ammirare per tante cose, ma in primo perchè erano "Se stessi"!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irina, ma grazie a te per avermi letto:)

      Dalì non è tra i miei preferiti, in compenso ma capisco perfettamente quello che intendi: quando qualcuno riesce ad emozionarti con un quadro, va rispettato. Così com'è.

      Elimina
  9. è una delle femministe più importanti di questo secolo, con una vita piena di emozioni e di dolori di cui trasudano le sue opere d'arte! E' vero che siamo Beauty blogger ma la bellezza è anche interiore e Frida per scelta era bella così. Semplicemente. Naturalmente.
    Paola M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..chè poi Frida alla belleza ci teneva molto: i suoi corsetti ricamati, i suoi gioelli etnici ma ricercati. Solo, aveva un canone diverso di riferimento:)

      Elimina
  10. ho visto il film appena uscito proprio perché anche a me la figura di Frida Khalo sia come artista, sia come donna, mi ha sempre attirato ed ispirato. Una che nonostante non rispettasse i canoni di bellezza convenzionali è riuscita a far si che la sua personalità soppiantasse l'estetica nell'arte della seduzione, e proprio per questo non riesco a capacitarmi come questa sedicente blogger abbia avuto il coraggio di "appiattire" tale personaggio per fare in modo che rispettasse i canoni estetici del nostro tempo; trovo questo gesto privo di rispetto sia nei confronti di Frida Khalo sia nei confronti dell'arte in generale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Punto centrato, colpito e affondato!

      Elimina
  11. A me sembra una polemica sul nulla. Se Duchamp non avesse fatto l'operazione inversa non ci sarebbe mai stato L.H.O.O.Q. A volte dissacrare è uno spunto per una nuova riflessione.
    Ovviamente ho visto il film, un'ottima Salma Hayek!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io su questo sono d'accordo. Come ho scritto, non credo che esista "arte intoccabile". Ma ai miei occhi dietro questo tentativo non c'è nuova arte, non ci sento emozioni, non ci vedo un progetto. Mi sembra più vicino, invece, alla mercificazione totale e devastante che si è fatta di ceerti artisti, o certe opere. Ci sono generazioni che credono che la Carmen sia solo il jingle dell'Aiax o che Klimt sia un disegnatore di borse..Ecco, questo tentativo mi sembra più vicino a questo che a Duchamp:)

      Elimina
  12. mi è sempre piaciuta moltissimo e sono d'accordo con te riguardo i canoni di bellezza e quanto sia molto più importante essere se stessi. Comunque anche io dipingo se ti va fai un salto qui: http://www.equilibriarte.net/member/12189

    RispondiElimina
  13. Salve Hermosa, sono una nuova lettrice del blog :)(approdata qui grazie a LaDama Bianca ;) )!
    Come già ricordava Siboney, di interpretazioni di grandi classici ce ne son state. Personalmente però, questa di togliere i baffi a Frida mi ha lasciata con l'amaro in bocca...Non si tratta di reinterpretare. Quella blogger avrebbe potuto prendere una qualsiasi foto di donna col pelo ascellare vissuta in quegli anni, perchè penso volesse solo dire "depilati è meglio". Oggi chi lo mette in dubbio? Però lascia il tempo che trova intervenire sui canoni vigenti in anni così lontani (specialmente parlando di una Donna come la Khalo).
    Per quel che riguarda la sua vita amorosa, è presto detto: gli uomini sì guardano alla bellezza, ma siamo spesso noi a intenderli come esseri superficiali. Loro guardano all'essenza di una donna molto più spesso di quanto si pensi, e l'essere ardenti e sensuali è la massima gloria per una donna, come lo era Frida, e non una bassezza. Lei sapeva bene come usare la sua femminilità, c'è solo da imparare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tyta, grazie del bel commento e benvenuta. Trovo bellissima la tua riflessione finale. Spesso molte di noi si dannano per cose di cui gli uomini, quelli veri, quelli davvero interessanti, nemmeno notano.

      Elimina
  14. Anche io voglio vedere il film!

    RispondiElimina
  15. Se come iniziativa non fosse stata indirizzata solo al mero lato estatico, non mi sarebbe dispiaciuto, nel senso che come reinterpretazione poteva anche starci. Peccato continui a trovare il quadro decisamente migliore e soprattutto più espressivo con tutti i suoi pelli annessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente. Se dietro avessi intuito un progetto, un ragionamento vero, probabilmente l'avrei apprezzato anche io. :)

      Elimina
  16. Anche io amo alla follia i quadri di Frida! mi fanno emozionare ogni volta che li vedo.. io l'ho conosciuta proprio attraverso il film!
    Non ho parole per il "progetto" di questa blogger... mi viene in mente una sola parola: superficialità.
    Bel post ;)
    Miss Piggy di insanebazar.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vengo da una formazione artistica "classica": le sculture etc etc. A lungo, l'arte moderna o contemporanea non mi è sembrata arte vera. Finchè un giorno non ho capito che la definizione di arte che usavo era limitativa e ristretta. Da allora, quello che cerca in un opera d'arte è l'emozione. Se mi emoziona, se mi piace, se non mi stanco mai di guardarla, se mi fa pensare a cose che sembrano apparentemente opposte al soggetto dell'opera, allora per me è arte. E Frida lo è senza dubbio: l'ho amata senza conoscerla. E la amo ancora tantissimo.

      Elimina
  17. Ciao Hermosa:) Bè, anche nel film è stata reinterpretata l'estetica del personaggio: infatti la Hayek mi pare che non abbia i baffi. Diciamo che Frida è bellezza pura, quello che saremmo tutte noi se fossimo veramente naturali(senza toglierci un pelo intendo). Mi chiedo se si lasciasse pure i peli sulle gambe:). Io non riesco a stare con i peli. Mi danno proprio fastidio e mi sento la pelle più secca..aaaaa!
    Mi piace la tua osservazione e, a mio modesto parere, la trovo in parte giusta. Magari è superficialità della blogger, ma se fosse semplice curiosità? E' un pò come vedere la trasposizione umana dei personaggi delle nostre favole. Dovrebbero rimanere intatti nella loro purezza disegnata e invece, con le serie tv e i film, li rendono umani. E' pura curiosità secondo me. Io stessa ho la mente aperta a varie ipotesi e a varie idee. Non credo che la blogger in questione abbia voluto, con la foto, affermare un'ipotetica bruttezza di Frida solo perchè baffuta e pelosa. Credo invece che abbia semplicemente voluto vedere come sarebbe stata se si fosse adattata ai nostri canoni di bellezza. Per me è solo curiosità ;) Frida era pura, non sarebbe potuta essere come noi^^ E' un esempio di sensualità senza eguali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apely, magari hai ragione. Anzi io spero tu abbia ragione, per quanto riguarda la blogger. Per quanto riguarda Frida invece, non lo spero: lo so che hai ragione. :D

      Un bacio!

      Elimina
  18. beh si,l'idea di spelacchiare Frida è piuttosto assurda...il film mi manca,intanto il tango è sempre splendido,da vedere e da ascoltare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Pensa che io volevo andare a scuola di Tango con Mister Hermoso...poi però gli orari dei corsi non si coniciliavano con il resto della mia vita :(

      Elimina
  19. è fondamentale essere se stessi, baffi o non baffi!

    Ho "conosciuto" il personaggio o meglio l'artista Frida a scuola perché ci fecero studiare alcuni suoi quadri, personalmente non rientrano nei miei gusti, preferisco tutt'altro genere però apprezzo il fatto che aveva la propria individualità e quindi tutt'oggi non va "ritoccata" lei era in quel modo ed è giusto ricordarla in quel modo.

    Tra l'altro nel periodo in cui è vissuta lei se ne fregavano altamente del pelo, anche le nostre nonne e bisnonne andavano in giro in quel modo eppure erano considerate belle; il cambio c'è stato dal momento in cui si è diffuso per così dire il gossip e quindi si sono iniziate a vedere le attrici americane tutte perfette, senza peli e splendidamente truccate. Se non fosse stato per quello penso che in Italia saremmo tutte ancora come Frida e a pensarci qualche volta manderei a quel paese la persona o le persone che hanno deciso che la donna doveva essere sempre perfettamente depilata altrimenti sarebbe stata zitella e cessa a vita, perché avremmo tutte una preoccupazione in meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patry, che fortuna che hai avuto: ti hanno fatto studiare Frida a scuola!!! Io è già tanto se sono arrivata a Canova....

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero