Un fondotinta (troppo) brillante

L'ultima volta che avevo usato un fondotinta della Max Factor risale a molti anni fa ed era il Lasting Performance : smisi di usarlo perchè lo trovavo un po'  troppo pesante per la mia pelle (e perchè amo molto cambiare), ma ne conservavo un buon ricordo in generale.

Quando ho visto l'annuncio del nuovo Ageless Elixir 2 in 1 ho pensato fosse a volta buona per riprovarci. 


Mi sembrava potesse essere il giusto alleato per questa primavera estate.


Arrivata in profumeria peró ho scoperto che le tonalitá erano solo sei. Il che di primo acchitto non mi ha scoraggiato, anzi: confesso che quando ci sono 48.534 tonalitá diverse,  mi sento persa....

Il problema è che nessuna delle sei presenti si sposava bene con il mio incarnato: o erano troppo scure o troppo chiare. 

Alla fine, ho scelto la Golden (n.75): per circa 20€ ho portato a casa una colorazione non perfetta ma che poteva andare bene.



Quello che promette questo fondotinta è di unire siero e colore, risparmiando tempo e denaro. La protezione 15 lo renderebbe adatto anche ai primi caldi.

La consistenza è liquida, con una profumo fiorito che non sono riuscita meglio a identificare ma che ho trovato piacevole. 

Se non so dirvi come sia come siero è perchè come fondotinta su di me non funziona: ho smesso di usarlo dopo nemmeno una settimana.

La mia pelle lo divora in meno di un paio d'ore. Hai voglia a mettere cipria per fissare il risultato: niente. 

Passate al massimo tre ore sono lucida e brillante, e non della brillantezza di cui ci si complimenta. E se ho avuto quest'effetto ora, figurarsi cosa potrebbe succedere con un po' di caldo vero.... 

E' un peccato perchè avevo un buon ricordo dei fondotinta Max Factor e questo era potenzialmente il prodotto della mia primavera.

Dell'INCI non c'è traccia: non sulla confezione [a me è stato dato esattamente quello che vedete in foto, ovviamente sigillato, senza cartone esterno, potrebbe essere lì], non sul sito. 

Personalmente non ne faccio un dramma, lo sapete bene: così come continuo ad usare e adorare i loro Lipfinity pur non essendo mai riucita a sapere cosa contenessero [i miei sono pre-blog e attenzione all'INCI quindi gettai la confenzione e in rete non se ne trova la formula] , ho smesso di usare questo.

Magari è pieno di ottimi ingredienti, ma resterebbe comunque il problema che la mia pelle non lo gradisce (o lo gradisce tanto da mangiarselo subito, fate voi...)

Lo ricomprerei? No

Lo consiglerei: Sì, a pelli tendenti al secco

Lo regalerei: A pelli secche, e con abbinato il loro Lipfinity

4 commenti:

  1. Non mi piace però questa tendenza a non esplicitare l'inci. Le persone allergiche a determinati e precisi ingredienti come fanno?

    RispondiElimina
  2. ma poi, non è un obbligo di legge mettere i componenti?

    RispondiElimina
  3. Si ma in molti non lo fanno, però solitamente basta scrivere alla casa cosmetica e loro dovrebbero esplicarteli, anche se è una rottura, farebbero meglio a metterli e basta

    RispondiElimina
  4. Ragazze, io non ho provato a scrivere loro (sul sito non ho trovato il classico contatti e non avevo troppa voglia di giocare a cerca l'indirizzo). Va detto che a me è stato dato senza il cartone esterno, quando parlo di confezione parlo proprio del tubo che vedete in foto. Magari invece è correttamente riportato sullo scatolo esterno e io vi sto sviando...adesso aggiorno il post, và.

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero