Il rossetto magico

Inizialmente, quando ho visto il lancio pubblicitario di questo rossetto, vista la modella, non volevo nemmeno sentirne parlare.

Poi un pomeriggio da Sephora, luogo di perdizione per eccellenza, c’era la brava commessa per il lancio del prodotto che ha insistito perché lo provassi: un po’ per curiosità, un po’ per l’angolino allestito taaaanto caruccio (da leggere con voce querula) mi sono lasciata convincere.

Ora, io sono una labbrona e la commessa aveva una specie di fessura al posto delle labbra. Questa fondamentale differenza credo sia stata importante: ci mise tanta buona volontà, ma mi truccò male, malissimo, malissimissimo. Per di più scegliendo un colore francamente bruttino (a sua discolpa, va detto che ci sono ben 44 colori, per cui può essere facile sbagliare scelta).
Alla fine sembravo un pagliaccio, e pure truccato male.

Motivo per il quale, ringraziai sentitamente, feci incetta di gadget stupidissimi e salutai. Eppure sapevo che quel rossetto aveva un potenziale migliore di quanto fino a quel momento dimostrato. Lo conoscevo già, nella sua vecchia versione, di cui per ben due volte ho preso il numero 857.



Potevano mai averlo peggiorato e non  migliorato??

Sulla porta, mentre stavo per andare via, tornai indietro: chiesi alla commessa di farsi da parte, scelsi da sola il colore e da sola me lo applicai: miracolo!!!!
Dal pasticcio arraffazzonato di prima a un colore elegante e sofisticato che mi conquistò.

Questa volta mi sono portata a casa il n° 991, dal modesto nome di Perfecto.


La Maison Dior lo definisce come “una tinta intesa, quasi ribelle, un prugna rock sinonimo di impertinenza ultra-sexy”.
Su di me però l’effetto è come quando si è bevuto un po’ tropo vino rosso e le labbra si tingono: un cremisi profondo e luminoso al tempo stesso; un colore teatrale, forse un po’ invernale, sicuramente non adatto per venire a lavoro.

Ora dovrei parlarvi della consistenza, dell’INCI, della resistenza e della nuova confezione, e ne direi solo bene.

Ma vi dirò solo questo: ogni volta che lo indosso mi sento immediatamente l’eroina bella e maledetta dalla storia tormentata e intensa (di solito penso alla Carmen, ça va sans dire) e ha il potere di farmi sentire più bella, più potente, più seducente.

Si può chiedere di più a un rossetto???

2 commenti:

  1. E anche questa volta posso dire: io c'ero! :-D

    RispondiElimina
  2. Mia cara, insostituibile compagna di scorribande frivole;-)

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero