Le guide di viaggio di Hermosa - Vademecool#1: Siviglia

Mentre voi mi leggete, io sono nella mia amata Sevilla. E con quale città avrei potuto dare il via, dopo i consigli pratici della scorsa settimana, alla nostra rubrica di viaggi? 





Siviglia è accogliente, calorosa- e calda- e un po' caciarona. Evitatela da metà luglio a metà settembre: le temperature sono proibitive e limitanti. Per il resto dell'anno è sempre gradevole da visitare. Io la preferisco in autunno, ma inverno e primavera hanno il loro fascino comunque. Brutalmente? Scegliete in base alle vostre ferie e ai prezzi di volo più convenienti. 

Potrei scrivere per giorni e giorni su Siviglia. Ho deciso però di limitarmi (e sarà sempre così, per tutti i Vademecool prossimi) a consigli "insoliti". Di guide, di come scegliere dove dormire etc ne avrete già le tasche piene. Mi auguro che queste possano essere chicche più interessanti. E se mai ne approfitterete, per favore per favore per favore, venitemelo a dire!  

1) Siempre hay tiempo para una caña

Siviglia è piena di musei, chiese, attrazioni, concerti: troverete sempre qualcosa di interessante. Non dimenticate mai di inserire nel vostro programma quotidiano il tempo per una birra al bar (ossia una caña: alla spina)



Ve la serviranno ovunque perfettamente fredda e sarà, nel 99% dei casi, una Cruzcampo. Se proprio non amate la birra chiedete una Blanca (birra e gazzosa) o un Tinto de Verano (vino rosso e aranciata). Tenetevi lontano, por el amor de Dios, dal caffè. Tutte le piazze, piazzette e stradine vi offriranno posti adatti. Io vi consiglio i due baretti in Plaza de Salvador, proprio di fronte alla chiesa: ci saranno turisti? Certo, come dappertutto. Ma anche la coppia chic sivigliana appena uscita da lavoro.  


2) Come in un film

A Siviglia girano molti, moltissimi film. Ci hanno girato tra l'altro Star Wars e Game of Thrones. Se proprio avete pochissimo tempo assicuratevi di visitare Plaza de Espana e l'Alcazar. Non solo avrete visto due dei posti più belli della città, architettonicamente e storicamente parlando. Ma avrete anche visitato la città di Theed del pianeta Naboo e la Reggia di Dorne. 



3) Si no hay en el Cortes Inglés, es que no existe

Il Cortes Inglés è IL supermercato per eccellenza. Cercate i filati del Kyrgyzstan? L'edizione del 1850 della grammatica babilonese? La lampada di design? La risposta per una spagnolo è sempre la stessa: el Corte Inglés. E questo vale anche per il turismo cosmetico: ci trovate Bourjois, KatVond, Bobbi Brown, Aussie e molti altri. Curiosate tra gli scaffali e saccheggiate. Poi scendete al reparto alimentari/supermercato e scoprite come fanno la spesa nel quotidiano (io lo faccio in tutti i posti dove vado). 


Uscite da lì ci sono altri due negozi tappe obbligate per una beauty addict: il Primor in Calle Sierpes, dove troverete moltissimi brand coreani e Makeup Revolution (che io dal vivo non l'avevo mai pucciato prima), e Sephora in Calle Tetuán: le maschere TonyMoly qui costano poco più di 1€ e hanno tutte le referenze Queen Lipstick. Lo so, le vostre finanze non saranno felicissime. Ma voi sì.     


4) Mercados, flamenco y Triana. Olè pa tì, mi alma 

I mercati al coperto sono diffusi in tutta Siviglia, da sempre. Da pochi anni è stato aperto quello della Lonja del Barranco: è una via di mezzo tra il mercato e i chioschi gourmet. Ci potete mangiare di tutto, dal pesce fresco ai piatti italiani (evitate!) e del sano jamón. Ovviamente accompagnate il tutto con della birra fresca. E' un posto elegante di fascia medio alta ma, come dappertutto o quasi, nessuno si scandalizzerà se arrivate in jeans e maglietta. Se lo trovate troppo pieno o cercate un'esperienza diversa, superate il Barranco, attraversate il ponte Isabel II- godetevi il panorama, è il mio preferito di tutta la città-  e andate al mercato di Triana: fermatevi alla Casa Fundida e godetevi la serata. 




Arrivate a Triana, non fermatevi al mercato. Triana è un quartiere popolare e vivacissimo, che ha dato i natali a moltissimi toreri e ad ancora più cantanti e ballerini di flamenco. Il mio bar preferito è il T de Triana, sul lungofiume e da qui con un solo colpo d'occhio vedete tutta Siviglia: la Torre de Oro, il Giraldillo, Plaza de Toros. In questo stesso quartiere trovate anche El Callejón de la Inquisiciónanticamente faceva parte del Castillo de San Jorge ed era da qui che passavano i condannati/processati della Santa Inquisizione. E' un stradina piccola e angusta: non si fa molta fatica a sentire l'angoscia di chi ci è passato.... Ed è sempre in questo quartiere che ci sono ben sei confraternite della Semana Santa: direi che quanto a devozione mista a folclore non potete desiderare di più.  

E se per caso vi torna fame, fermatevi al Sol y Sombra: correte il rischio che vi diano dei rotoloni come fazzoletti di carta, ma anche di mangiare le migliori tapas di pesce della vostra vita. Oppure andate allo Zaguan e sperimentate una cucina di ricerca e tradizione deliziosa. 


5)  Di pesci, funghi e altre meraviglie. 

Il Metroparasol, che a Siviglia tutti chiamano La Setas (i funghi, appunto), il nuovo Acuario Sevilla  e la Spa Aire de Sevilla. Sono tre posti decisamente turistici? Sì. Valgono la pena? Sì, sì e sì. Come vi dicevo all'inizio: Siviglia è accogliente, tratta bene e coccola i suoi turisti. Abbandonate il timore- spesso giusto- di essere polli da spennare. Godetevi l'esperienza senza timore. 

E, soprattutto, camminate a piedi quanto più potete. Vivete la città, intrufolatevi senza timori: i patio delle case sevillane per esempio sono semplicemente meravigliosi. 

Lussureggianti e pieni di verde, raccontano di una città che al caldo ha risposto con il verde, con l'affacciarsi all'esterno e renderlo un po' casa, nel vivere il fuori come un estensione del dentro. 


Per me le case in Paradiso hanno tutte ingressi così. 


Ecco, con questo è tutto. Mi auguro davvero di avervi fatto venire voglia di visitare Siviglia: come dicono loro "Si sólo vas a ver unas pocas ciudades españolas durante toda tu vida, haz de Sevilla una de tus visitas"*



*se vedrai solo poche città spagnole durante la tua vita, fai di Siviglia una di queste

10 commenti:

  1. avevo già voglia di visitarla ora ancora di più!!!! purtroppo devo vedere quando perchè di solito solo d'estate riesco a ritagliarmi le vacanze ma mai dire mai :)

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, estate è anche Giugno. O i primi di Settembre. Dai dai dai (sono decisamente di parte, lo so)

      Elimina
  2. Se volevi partire col botto, missione compiuta! Ho visitato Siviglia nell'ormai lontanissimo 1999, in pieno agosto (del resto non potevo scegliere le ferie diversamente) ed è vero, faceva un caldo assassino. Però sarà che sono abituata al caldo umido delle mie parti sarà che in vacanza sopporto quasi tutto, ma non mi hanno stroncato neanche i 50 gradi. Una cosa per tutti: Alcazar... Una meraviglia... E poi è stato il primo viaggio in Spagna, quindi hai toccato anche un aspetto sentimental nostalgico della sottoscritta, un bel regalo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendo vissuto due anni a Siviglia, posso perfettamente capirti quando mi dici che ho toccato un punto nostalgico sentimentale ;)

      Elimina
  3. che bellezza!!!
    soprattutto sapere che sono stata quasi ovunque tranne al corte ingles... ma provvederò andando a Madrid appena posso!!!
    il volo da milano è difficile trovarlo a poco anzi è il volo che ho pagato di più negli ultimi 2-3 anni mi sa... ma ne è valsa la pena, io ero a dicembre con 27 gradi mentre i colleghi a Milano in mezzo alla nebbia e al freddo... hahaha!!
    e comunque le tony moly io le ho prese su amazon a poco più di un euro, ma vuoi mettere prenderle dal vivo chissà che soddisfazione!!! bea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che dal tuo commento traspare a pieno l'entusiasmo? Felice di averti ricordato cose belle:)

      Elimina
  4. mi sa che ti ho commentato con l'account di youtube ma l'importante è che sono riuscita a postare!! questa rubrica è stupenda mi hai fatto venire troppa voglia di tornarci!!!

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero