Love the body you're in

Con oggi chiudiamo la serie dei post dedicati alle mie routine. Vi ho raccontato della skincare e dei capelli, mi sembrava giusto non trascurare quella del corpo. 

Anche qui, non sono nessuno per insegnarvi qualcosa, mi limito solo a raccontarvi la mia esperienza. Magari potrà essere utile a qualcuna di voi. 

Quello che posso dirvi è che ci ho messo anni, letteralmente parlando, per smettere di pensare alla cura del mio corpo come uno strumento utile a cambiarlo. Davvero. Per anni e anni la mia body routine è consistita in creme anticellulite, rassodanti, dimagranti. Tutto un mondo punitivo e mortificante. A guardarlo oggi, mi accorgo di quanta furia distruttiva e di quanto poco amore. 

Oggi la mia body routine è tutta concentrata sul piacere e sulla gratificazione. E' stato un processo lento e graduale, non so bene nemmeno io quando è iniziato. Ma ne sono comunque molto felice. 




Con questo non voglio dire che non ho creme "curativo-estetiche" nel mio beauty: ce le ho, ce le avrò sempre e lungi da me il gettare loro addosso una croce che non meritano. 



E infatti le vedete ben presenti: al momento sto usando l'anticellulite Somatoline e man a mano userò le altre. Sempre rigorosamente pre-allenamento, di modo che vengano meglio assorbite. Ho una wishlist ragionata per quando finiranno queste? Sì. Molto breve e di taglio decisamente diverso. Semplicemente nella mia routine non sono più l'aspetto principale, anzi. 



  



L'aspetto dominante oggi è quello epicureo e gaudente. Ho svariate creme corpo e un numero crescente di olii- che ho scoperto amare molto per quell'effetto vellutante in più, che per me aumenta la piacevolezza.

Ho diverse profumazioni e no, non è soltanto perché devo smaltire gli accumuli passati. Mi piace scegliere profumazione e texture a seconda del giorno, dell'umore e dell'occasione. Certo, più di quanto ho sarebbe eccessivo oltre modo. Ma non ho intenzione di ridurre... piuttosto di attenermi alla aurea regola di one out- one in.

Giusto per la cronaca, il mio preferito, imbattuto da anni, era e resta il Tranquillity della [ Comfort Zone ].

La cosa più bella? Assieme al cambiamento di finalità, guarda un po', è cambiata radicalmente la mia costanza. Fino a quando le creme erano uno strumento per cambiare, modificare, mortificare il mio corpo ero assolutamente incapace di attenermi a qualsivoglia routine oltre la settimana.

Ora che mi concentro sul piacere, non c'è giorno in cui non mi conceda questa piccola coccola.    

Anche se ho fatto tardi, anche se fa freddo, anche se ho sonno e in quel preciso momento mi pare fin troppo faticoso perfino aprire il dosatore: ormai so che dopo sarà meglio e non mi ferma più nessuno.

Parafrasando altri detti, ama il tuo corpo e non avrai fatto un solo trattamento in tutta la tua vita.   

11 commenti:

  1. Mi piace molto questo tuo approccio e penso che dovrei adottarlo di più anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me il passaggio da mortificante a gratificante è stato fondamentale! :*

      Elimina
  2. Il piacere è estremamente legato alla cosmesi o quantomeno dovrebbe esserlo. Condivido molto il tuo pensiero, anche se poi in estate ricado sempre in queste routine anticellulite che raramente riescono anche ad essere piacevoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho un olio della Cien (si intravede in foto) che mi piace moltissimo come consistenza e combatte la cellulite. Certo, miracoli non ne fa. Ma almeno resto nel campo gaudente:)

      Elimina
  3. Gaudente a rapporto. Anti cellulite non ne uso da eoni non perchè io sia liscia e priva di inestetismi, magari, ma perchè non fanno la vera differenza (attività fisica questa sconosciuta!) sul mio corpo. È ho scoperto che il momento della doccia arricchito da shampoo, bagnoschiuma e creme olfattivamente gratificanti mi soddisfa molto. Comunque cerco di rimanere nell'ambito di un prodotto aperto per tipo salvo shampoo e bagnoschiuma dove alterno due prodotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta amica gaudente:) Il tuo approccio moderato è sicuramente più saggio ma io amo tantissimo scegliere un profumo per ogni giornata e stato d'animo...e non riesco a rinunciarci!

      Elimina
    2. Non sono saggia, mi manca il posto in bagno...

      Elimina
    3. :D Pure mi pare un ottimo motivo! Comunque io prima ne avevo molti di più, infatti avevano invaso anche la camera da letto... (lo so, sono grave)

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Non sei grave, io in camera ho le scorte, solo che non apro i flaconi lì perché se no ne spargo in ogni dove, da quel punto di vista sono una frana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 che bello sapere che non sono sola!

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero