Quel che (non) resta del mese #39

Novembre è stato un mese complicato, pieno di tentativi di infilare impegni di una settimana in 24 ore, ovviamente senza riuscirci (che strano eh?). Dicembre si prospetta anche peggiore, visto il delirio festivo-natalizio all'orizzonte. 

In tutto questo, una delle mie poche certezze resta il post dei finiti del mese. Eccomi quindi che arrivare puntuale.  



Lo vedete bene, ci sono un bel po' di grandi classici: la linea Ultra Dolce Garnier all'Avena, lo struccante bifasico Alverde, il deodorante Dove (stavolta al cetriolo, in assoluto tra quelle provate finora la profumazione che preferisco) e delle salviettine struccanti -che io uso per correggere imperfezioni del makeup.

Anche quei prodotti che non sono stra-presenti trai i finiti, sono comunque molto ovvi: due creme mani- la Balea però l'ho usata per il tatuaggio sul piede essendo riuscita nell'incredibile impresa di essere la prima profumazione agrumata al mondo a non piacermi, un levasmalto Wjcon-assolutamente ordinario.

Degni di nota restano quindi due prodotti due: l'Hedera dell'Erbolario- comprato per curiosità, l'ho finito in pochissimo e pur essendomi piaciuto non credo che lo riprenderei salvo offerte strepitose- e il primer occhi Nars . 

Questo primer è stato un nemicamico del 2016: ai primi usi, l'ho preso a fine 2015, credevo che fosse amore vero e totale. Negli ultimi mesi invece la resa è decisamente diminuita. Forse perché era aperto da tanto? O perché la mia palpebra è cambiata? Non so bene. Nell'indecisione sono tornata al sempre amato Primer Potion -che però ha cambiato packaging e questo nuovo lo detesto e insomma sì, mi sento un po' orfana. 

Tornando ai finiti: come sempre, sono la cartina tornasole perfetta della mia vita. In questo periodo frenetico e caotico, sono riuscita a tenere fede agli impegni imprescindibili ed essenziali. Sotto ogni aspetto, incluso quello cosmetico.

Mi auguro che Dicembre sia, nonostante gli inizi non scoppiettanti, frivolo e pieno di glitter e che i prossimi finiti includano un tripudio di creme corpo e scrub e maschere e smalti -segno evidente di auto-coccole realizzate. 

E voi? Siete state più brave di me? Travolte anche voi? Raccontatemi, sapete che sono curiosa.  

6 commenti:

  1. Hedera è una delle fragranze L'Erbolario che preferisco. Invece, proprio come te, detesto la nuova confezione del Primer Potion con l'applicatore, lo trovo scomodissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che è il male??? Tra l'altro c'è uno spreco di prodotto spaventoso e l'applicatore è meno igienico..

      Elimina
  2. devo provare quel profumo erbolario, ho molti loro profumi ^^

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi fammi sapere. A me i loro profumi piacciono anche perchè pur non essendo super economici permettono di cambiare spesso senza fare bancarotta!

      Elimina
  3. Anche io a novembre non sono riuscita a terminare tutto quel che volevo...spero di essere più brava a dicembre ;-)
    Comunque anche a me è capitato che alcuni primer occhi diminuissero la loro efficacia nel tempo... chissà come mai!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse una volta aperti hanno una durata minore di quanto poi dichiarato? O forse passato l'effetto wow abbiamo bisogno di prodotti sempre più performanti??

      (in bocca al lupo per lo smaltimento di dicembre)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero