Faccia da venerdì#7

Lo so, speravate di arrivare senza nemmeno un mio faccione fino a Natale. Invece, con lo spirito dei migliori Grinch, eccomi a rovinarvi questo venerdì mattina.... 

Il motivo è molto semplice: dopo aver passato un fine settimana con Laura - aka Tentazione Make Up- ho imparato nuove techinche che sto cercando di mettere a frutto e non potevo non parlarne con voi. 

Sono lontana mille miglia dal padroneggiarle, sia chiaro, ma mi piacciono moltissimo... e direi che dal sorriso "oh mamma niente meno ce l'ho fatta davvero" si nota. 

Viso:   

Naked Skin Weigthless Ultra Definition Liquid Makeup in 5.0*  
Palette Blush Cinecittà 

*no, non ho preso un nuovo fondo, ne ho chiesto un sample. Quanto crudele è scoprire che potrebbe nascere un grande amore con un prodotto che era in sconto al 40% pochi giorni fa???

Occhi:
 
Nars: Smudge proof eyeshadow base
Tarte: Tartellette  (Bombshell sulla palpebra e rima inferiore esterna, Natural beauty come crease, Super mom come punto  luce e Force of nature sotto l'arcata sopacciglia )
Laura Mercier Mascara
Eveline Comsetics Eyebrow corrector in brown

Labbra:
 
Nars: Velvet Matte Lip Pencil Provocative Red



Ora, magari a voi questo makeup non pare quanto differente dagli altri, lo so. Ma per me è a diro poco epocale. Ho osato finalmente delinerare l'occhio, utilizzando lo stesso ombretto della palpebra. 

Per cimentarmi la prima volta in questa impresa ho volutamente scelto la Tartellette: questi ombretti sono burro, lavorabilissimi e con zero spargimenti. E, sempre fedele al criterio di armonio e del sentirsi a proprio agio, ho lavorato per sottrazione,  senza fare  nemmeno quel po' di counting che faccio di solito e scegliendo un rossetto che quasi dimentico di avere per comfort e colore.  

So che può sembrare folle detto da una che usa i rossi a colazione, nel vero senso della parola, ma per me questo è un trucco forte, che temo sempre sia troppo e che possa risultare volgare.  E quindi qui di nuovo tocca a voi: che ne dite? Sono riuscita nella rara arte dell'equilibrio? Ho osato troppo o troppo poco??

9 commenti:

  1. Sarà che per me contornare l'occhio, soprattutto la rima inferiore, è uno step imprescindibile (occhi e pelle chiara mi costringono a farlo diversamente risultò slavata), ma approvo in pieno. Al massimo, se vuoi abituarti all'idea, perché non passi per gradi e con colori più soft? É un'idea come un'altra, l'importante é sentirsi bene in prima persona. Il rossetto mi piace un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari sì, porovo con qualche tono più chiaro...ma nella rima inferiore del mio occhio potrebbe clamorosamente non vedersi, olivastra come sono :) A me il Nars inizialmente aveva deluso come colore, mi pareva poco rosso e poco provocative...ma ora lo amo:)

      Elimina
    2. Magari lo fai già, ma se vuoi conservare lo stesso colore, potresti usare il pennello scaricando il colore battendo il pennello o passandolo su una mano prima dell'uso (Lisa Eldridge?) poi stratificando. È dopo aver dato un consiglio inutile e non richiesto e detto che comunque stai una favola, mi taccio ;-))

      Elimina
    3. A volte lo faccio, sai? Però in linea teorica mi piace di più l'idea di giocare per contrasti..poi la fretta del mattino vince;) (in ogni caso, sempre grazie)

      Elimina
  2. Secondo me non c'è niente di disequilibrato, questo trucco mi piace molto :) e dalla tua espressione si vede proprio che sei contenta del risultato ottenuto :D
    Un bacio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ero felicissima di esserci riuscita, è vero:)

      Elimina
  3. Non ho capito una cosa del trucchetto però: prima la matita e poi il balsamo o viceversa?

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero