Quel che (non) resta del mese #28

Un po' in ritardo a causa dei post-haul (ma tanto so che siete sopravvissute serene, che vi credete?) arrivano i finiti di Ottobre. Tra la pausa legata al mio viaggio e il fatto che molti prodotti sono da poco in uso, di certo questo non è stato un mese trionfale. Ma, tutto sommato, nemmeno pessimo.  





Dei cinque prodotti che vedete in foto, ben tre sono finiti durante il viaggio: terminare la travel size del mascara Dior è stato un piacere (su di me ha un pessimo risultato) mi è spiaciuto invece finire le salviette struccanti Bourjois e il deodorante Dove. Per fortuna almeno quest'ultimo posso ricomprarlo facilmente.

Ritorna invece la "maledizione dell'introvabile" con lo shampoo Oway: ottimo e più che gradito ai miei capelli è purtroppo  distributo solo da Roma in su e non ha uno shopping on line. 

Mi consola invece pensare che lo Scrub viso alla Rosa di Natura House posso ricomprarlo: è decisamente un prodotto che ritornerà ad essere presente sui miei scaffali. 

Fin qui, insomma, tutto nella norma. Ora arrivano le note dolenti ma necessarie. Ho dovuto liberarmi di due fondotinta, entrambi da me molto amati. 



Il Like a Doll della Pupa, lo foto lo testimonia, si è rovinato. Hai voglia ad agitarlo perchè riprendesse la sua consistenza liquida e leggera, non c'è stato verso. E' stata sicuramente colpa mia, per non averlo protetto in frigo come ho fatto con altri fondotinta e cosmetici durante la scorsa estate, ma ci sono ugualmente rimasta male. Una parte di me spera in una loro nuova promozione per poterlo riprendere, ecco. 

La CC Cream 123Perfect della Bourjois invece è ancora in ottime condizioni e usabilissima (e usatissima, infatti credo non ce ne fosse più di un terzo). Ma è definitivamente, inequivocabilmente e assolutamente troppo chiara per i miei gusti attuali. Avevo scelto questo referenza tenendo conto del fatto che era quella subito precedente a quella usata da Drammetta e per molto tempo mi ha enormemente soddisfatta. 

Chiedetemi come sia stato possibile e vi giuro che non lo so. Oggi, prenderei la tonalità più scura, senza esitazioni. Non so come abbia fatto ad usarla, davvero. E siamo a metà novembre, la storia del colorito abbronzato non regge più. Ho semplicemente sbagliato. La cosa veramente preoccupante però è un'altra: se io devo usare le referenze più scure, una ragazza di colore è destinata a non poter usare i prodotti Bourjois? 

Detto questo, vi prego, consolatemi: ditemi che anche a voi è capitato di aver cambiato radicalmente gusti e che non sono la sola ad amare un fondotinta da cui però ha dovuto separarsi... 

6 commenti:

  1. Guarda io sono sempre in conflitto coi fondotinta -.- una volta son troppo scuri, una volta son troppo chiari, o troppo leggeri o troppo pesanti...è un incubo >.< al momento mi sto trovando bene col fondo Sublime di PuroBio ma sto cozzando un po' coi colori....sono chiarissima così ho pensato di buttarmi subito sulla tonalità n°01, ma è risultata troppo chiara, così ho provato la n°02 ma forse è già troppo scura -.- finirà mai questa lotta eterna?!? Dx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..temo proprio di no :( Senza contare tutte le varibili di sottotoni etc che complicano ancor di più la ricerca, come dice Fransis qui sotto.... Guardiamola filosoficamente: è il monito a ricordare che tutto è sempre perfettibile ;)

      Elimina
  2. Sono d'accordo con ludovica qui sopra..a volte me sono anche troppo rosati o arancioni. Tra l'altro sono stata recentemente truccata da varie makeup artist e ho fatto la scoperta dell'anno: sono chiara..ma non chiarissima -.-" io che pensavo di essere super pallida, invece non lo sono così tanto. Forse ho anche un sottotono olivastro..va beh.
    Che strano comunque che il fondo pupa non abbia resistito nemmeno un anno però...un po' scarso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè... io ho mi sono sentita dire di ogni da chi mi ha truccata: che avevo il viso tondo, che l'avevo rettangolare, che ero un sottotono freddo, che no ero caldo... Alla fine ho deciso di giudicare in base a un solo parametro :"Mi piace come mi sta?".

      Sul fondo Pupa, dai no: i PAO di questi prodotti sono sempre di circa 12/18 mesi e tenendo conto della sua texture non mi sento di riimproverargli nulla.

      Elimina
  3. Consolati, io son stata capace di prendere un fondo dal tono sbagliato pur potendolo vedere di persona -.-. Piu' che tono, e' il sottotono il problema: un po' troppo rosatino su di me, anche se di per se il colore e' neutro. Tra l'altro, e' un pessimo prodotto per i miei gusti, ale'! Vabe', mi consolo dicendomi che dopo anni di fondi minerali, riapprocciarsi ai liquidi e cercare di capirne l'effetto senza provarli e' difficile -belle scuse-.
    Ma tu il fondo di Sephora con la boccetta come il like a doll l'hai mai preso in considerazione :)? Non so se poi si somiglino, ma a me intriga (ed era quello che volevo prendere, trovandomi poi ad avere un colpo di testa e comprarne uno appena visto in giro: bene, i colpi di testa e Tyta non vanno d'accordo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, è capitato anche a me! I prodotti Sephora non li prendo mai in considerazione: hanno poco appeal su di me e visto il loro costo finisco sempre per preferire altro. Se costassero di meno, ecco, mi convincerei a provarli. Ma alla fine mi trovo sempre a pensare che aggiungendo pochi euro posso prendere altro....

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero