Less is more. Beauty travel edition

Prima di partire non sono riuscita a farvi vedere cosa avevo infilato in valigia, cosmeticamente parlando. Siccome nel Giveaway in corso mi avete detto che vi piacciono i post haul- preparatevi, arriveranno anche quelli- e siccome per l'ennesima volta mi sono accorta dell'abissale differenza tra quello che porto con me e quello che effettivamente poi uso, ho pensato di ragionarci assieme a voi. 

Parto con il dire che alla partenza ero estremamente soddisfatta del mio beauty: rispetto al mio viaggio precedente ho ridotto ulteriormente i prodotti e ho cercato di eliminare quelli considerati "liquidi". Il risultato eccolo qui in foto 

 

Ovviamente travel size come non ci fosse un domani e una percentuale di Bourjois in fatto di make up altissima. Lo so, ho portato con me un solo prodotto labbra, il Dizao: volevo protezione, comfort e colore e che fosse applicabile anche a occhi chiusi. Questo gioiellino che costa meno di 3€ sa farlo. Ci sono due matitoni occhi e un primer, niente meno che due mascara diversi, la crema mani, quella piedi, la polvere per le sopracciglia, il blush, il correttore, due tipi diversi di siero capelli- il Nashi e l'Aveda- un siero viso Aveda e una crema uccidi-brufoli. 

Pronte a scoprire cosa ho davvero usato??

  
Esatto: 7 prodotti in tutto, e quello per i capelli nemmeno tutti i giorni.  

Al secondo giorno di viaggio, ho sperimentato una decisa sensazione di libertà/ribellione: non avevo tempo nè voglia di stare lì ad applicare i vari prodotti. Sapevo che ci avrei messo meno di 5 minuti, sia chiaro, ma sapevo anche che nel corso della giornata avrei perso tutto e non avrei ritoccato nulla. E mi sono ricordata che la possibilità di lavarsi il viso a metà giornata è un vantaggio non da poco quando sei in viaggio.  

La mia routine dunque è stata questa: crema viso, cipria, matitone kiko come base e quello HM a fare un po' di crease, mascara e Dizao. Al Dizao, che se non si è capito è un burro cacao che secondo me TUTTE dovreste avere, farei una statua per quanto mi è stato utile. Soddisfazione suprema infine, voi anonime cosmetiche mi capirete, perchè ho anche finito la travel size del mascara Dior.

Tutto il resto poteva rimanere in Italia, cosa che succederà al prossimo viaggio: se alcune cose sono state sostituite in corso d'opera (la crema piedi, per esempio: quella che ho portato io era solo deodorante ma- con una media di 15 km al giorno- avevo bisogno di qualcosa che mi desse anche sollievo) di altre non mai sentito la necessità.

Capita anche a voi? O sono io un animaletto strano che in viaggio cambia tanto le sue abitudini?? In ogni caso, io questo post devo ricordarmi di ri-leggerlo al prossimo viaggio: per ridurre ancora e creare il beauty da viaggio perfetto. 

Anche perchè, più riduco all'andata, più spazio resta al ritorno.....


16 commenti:

  1. Secondo me sei fin troppo brava tesoro! Io il "dono della sintesi" non l'ho mai posseduto ed infatti il mio beauty ogni volta straripa di cose che,effettivamente,utilizzo poi pochino.
    Fatti davvero un appunto (e me lo dovrei fare pure io) a questo post,così la prossima volta sarai perfetta ed ancora più leggera (e io sempre più in ammirazione per questa tua capacità di portare in maniera concreta solo l'essenziale!).Un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono bravina, ma devo dire che è una cosa che ho imparato con gli anni e i viaggi. E i rigidissimi regolamenti sui voli hanno aiutato molto :D

      Elimina
  2. In passato mi portavo in viaggio beauty case che sembravano trolley, Adesso non mi porto mai più di sei-sette pezzi essenziali come te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Io lo sapevo che è una questione di età .... dici che è un buon segno vero?????

      Elimina
  3. Io pure negli anni ho iniziato a portare sempre meno... ed è troppo lo stesso!
    Il mio beauty ideale a livello di make up è formato da 1 mascara, non più di 2 ombretti, la dipbrow per le sopracciglia e qualche rossetto (2 o 3 max); se vado in un posto al freddo posso aggiungere 1 bb cream e 1 cipria, se no via pure quello.
    A livello di skincare, 1 crema idratante, 1 struccante (meglio se in salviette) e 1 tonico.
    Fine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io gli struccanti li porto sempre in salviette.... <3

      Elimina
  4. Io non ce la faccio... le mie due palette in viaggio le devo sempre portare, anche se sto fuori un solo week end... Per non parlare di tutto il resto, con cui riempio 2 beauty.
    E alla fine uso quasi tutto, anche se sto fuori un solo week end.
    Non ce la posso fare... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però se usi quasi tutto sei giustificata sai? Ha un senso diverso. Non so come fai a non slogarti le spalle per il peso valigia ma per il resto per me fai bene ;)

      Elimina
  5. Questa estate ho ridotto il mio beauty decisamente rispetto all'anno prima, anche perché, la Spagna in agosto mi ha fatto pensare che mi sarei potuta squagliare e, con me, anche il makeup. Alla fine i prodotti che ho veramente usato sono stati i più ovvi e necessari: bagnoschiuma, shampoo, deodorante, crema solare, idratante per il corpo, acqua termale e un chubby lipstick di Clinique. Poi mi sono portata anche ben altro, ma, oltre al caldo, mi sono lasciata cullare dall'illusione (aka pigrizia) che un colorito meno giallognolo potesse ampiamente sostituire il trucco e che vedere cose belle avesse reso occhi e bocca più affascinanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so dirti quanto l'idea che vedere cose belle ci renda più affascinanti sia coinvolgente... ti adoro!

      Elimina
  6. tu sei andata al freddo e io al caldo (32 gradi percepiti) perciò le mie scelte sono state opposte. per idratare il viso in questi casi uso come crema notte la maschera viso e contorno occhi creme fraiche della nuxe, una botta di idratazione dopo sole, sale e vento, la pelle sembra come nuova!! (questa idea è merito tuo ovvio).
    Come make up avevo portato mascara, gel sopracciglia e un blush in gel. ma il blush in gel è poco scrivente di suo, figurarsi con l'abbronzatura quindi non l'ho mai usato. al suo posto porterei la terra abbronzante..o addirittura nulla. Sì, partirei anche con solo due prodotti o.O (e non avevo problemi di bagaglio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Makeup a parte sei stata bene? Mi auguro di sì :) Mi fa piacere leggere che l'uso della Nuxe ti è stato utile <3 e sì, anche io ho l'ambizione a partire con sempre meno;)

      Elimina
  7. Quando vado via mi vengono sempre in mente millemila makeup da sfoggiare ed alla fine mi porto dietro il MONDO -.-" adesso sto cercando di minimizzarmi po' ed il fatto di vivere via di casa e tornare ogni tot mi da la possibilità di sperimentare e portare sempre meno prodotti con me :)
    Questa cosa del prima e del dopo, di cosa si è usato e cosa no è molto utile :D la prossima volta lo farò anche io per rendermi meglio conto di quello che non uso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io trovo utilissimo il prima/dopo: aiuta davvero molto a capire per bene dove abbiamo scelto male (e vale per tutto, mica solo per il make up)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero