Faccia da venerdì#3

Vi avviso: questa cosa dei faccioni mi mette in seria difficoltà. In parte perchè  mi pare davvero un po' cattivo farvi inziare il fine settimana con un mio primo piano e in parte- sorpattutto- perchè sono incapace di fare foto decenti. Dopo i tentativi di questa settimana sono arrivata alla conclusione che davvero, non fa per me. Tutto sommato, se chiedete a un pesce di scalare un albero non ci riuscirà mai, giusto? Ecco, i close up mi rendono pesce, e sono il mio albero. 

Per cui siate buone, e ricordate che tanto io non proporrò mai capolavori da imitare e che la visione d'insieme è quella che il 99% delle persone vede di un makeup. E ora, il faccione


Ho finalmente osato usare la palette Guerlain Petrouchka regalo di Mister Hermoso. Non ditemi che sono la sola che lascia i prodotti intonsi lì a ci sospira sopra per quanto sono belli, che tanto non vi credo. 

La tecnica, sebbene parlare di tecnica con me sia usare parole grosse, è quella si sempre: un colore chiaro sulla palpebra mobile, uno scuro come (cercare di fare) crease e il tentativo di avere una pelle da 15enne con 30 e passa anni di più.

Ho usato poi due colori diversi per le sopracciglia per dare loro un po' di movimento e leggerezza: il frangettone che porto felicemente mi pareva avesse bisogno di essere alleggerito. 


Viso:  

Tarte Colored Clay CC 


Occhi:
Guerlain Petrouchka primo in alto chiaro**
Guerlain Petrouchkapenultimo in basso scuro (piega palpebra mobile)**
Eveline  Eyebrow corrector in brown
Tarte Lights, camera, Lashes
Kiko Deep gel eye pencile 03


** i colori non hanno nomi. Io almeno non li ho trovati.

 
Labbra:

Lip Stain: NYC Lip Stain 16H Champagne Satin 

Rossetto: Bourjois Aqua Laque Viens si tu roses


La cosa davvero tragica di questi miei faccioni è che mi sono accorta che mi trucco quasi sempre nello stesso modo: cambiano un po' i colori, magari c'è un tocco di matita- come oggi- ma l'impianto generale resta invariato. Capita anche voi? O sono io di una monotonia imbarazzante?


  

16 commenti:

  1. Si chiama Comfort Zone.
    Non l'azienda, ma come ti trucchi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...troppo buona...secondo me, si chiama imbranataggine:D

      Elimina
  2. Anche io generalmente faccio sempre la stessa cosa, cambia solo il colore di base. Ogni tanto faccio cose diverse, ma solo quando ho tempo. Se poi mi fisso con qualcosa sono capace di andarci avanti anche settimane.
    Comunque sembri davvero giovanissima..o.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confesso: io se ho tempo faccio le stesse cose, ma con più cura.... sono un caso patologico! (grazie)

      Elimina
  3. Credo sia assolutamente normale ripetere infinite variazioni sullo stesso tema, sono davvero poche le persone che sperimentano quotidianamente con il make up. Anche io sono decisamente monotona coi miei look e, soprattutto, non sono in grado di realizzare autoscatti decenti. Sob.

    RispondiElimina
  4. Non credo proprio che sia così facile sperimentare tutti i giorni, se non per i colori. E poi, al mattino, con i tempi contingentati, la sperimentazione può equivalere alla catastrofe. Sul discorso dei trucchi intonsi, il cassettone della mia scrivania potrebbe raccontare molto, é quasi uno scrigno dove pescare nei momenti in cui sono un po' triste o per premiarmi per qualche motivo (così raddoppio i momenti piacevoli, prima lo shopping e poi l'utilizzo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, voler sperimewntare con 5 minuti a disposizione non è la migliore condizione.....

      (confesso: a me no. Quando riscopro qualcosa nei cassetti penso subito a quanto poco la volessi , se l'ho dimenticata...)

      Elimina
    2. Mi riferivo solo ai trucchi mai aperti, su quelli in uso mi impongo con abbastanza successo il turnover. Su i trucchi ancora intonsi, semplicemente non voglio mettere tutto in uso subito in modo da scaglionare anche le scadenze o l'inutilizzabilità di un prodotto (soprattutto rossetti, sulle polveri sono meno attenta), inoltre, ogni tanto vado a rimirare le mie gioie e in momenti particolari, o solo per il mio piacere o perché mi serve qualcosa, vado e scelgo tra ciò che ho comprato. È un mix sconclusionato di comportamenti, ma, per me, funziona o almeno mi sembra

      Elimina
    3. Okay..a un certo punto mi sono persa :D Battute a parte: la vera cosa importante è che tu abbia un tuo equilibrio :*

      Elimina
  5. Le foto di te che ho visto mi son sempre piaciute però capisco il tuo discorso. Anche io non mi so fotografare e se poi incluso anche una buona dose di timidezza...ecco spiegato il motivo per cui lo evito con gioia :D

    PS=Bellissimo quel gufetto sul collo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se tu fai dei close up BELLISSIMI <3

      Elimina
  6. Abbella :D mi scuso per il saluto non contenuto,ma stai veramente bene! Abbiamo gli stessi obiettivi nel make up,per i risultati devo ancora imparare molto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abellissimaaaa :) Sui risultati: se ci sono riuscita io, ci può riuscire chiunque, credimi:)

      Elimina
  7. Sembra che hai 15 anni di meno.
    Comunque anche io ho seri problemi ad aprire ed usare ogni tipo di trucco, dalle palette ai rossetti, anche quelli più brutti. Lo so, ho seri problemi.
    Di solito abbino il makeup ai colori dei vestiti per cui d'estate sfoggio i colori dell'arcobaleno, ma d'inverno... sempre i soliti colorini neutri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, troppo buona <3 Ma soprattutto: meno male che sei come me!!!

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero