After all this time? Always

Questa è stata senza ombra di dubbio l'estate di Harry Potter per me. Non che non avessi già visto tutti i suoi film e letto tutti i suoi libri, sia chiaro. Ma in questi mesi mi sono dedicata a un ripasso serio e completo (che non è ancora concluso, sono solo al 6 libro). Per questo ho deciso di dedicare la prima rubrica del #tiraccontounastoria del rientro al "the boy who lived". 


Siccome fiumi e fiumi di inchiostro sono stati versati e verranno versati su questa incredibile saga, che posso mai raccontarvi di originale e ancora non detto io? Probabilmente, anzi, sicuramente nulla. E se altre volte in cui ho parlato di libri stra noti potevo addurre l'alibi del fatto che, magari, non fossero noti a voi gufette in questo caso nemmeno questo è un ragionamento che regge. Sono quasi certa che tutte voi ne avete sentito parlare, avete visto almeno un film, letto almeno qualche passo. E se tutto il clamore attorno a questa saga non vi ha convinte a leggerla, dubito di riuscirci io. 

E insomma, io stavo quasi per non scriverlo questo post. Però io avevo- e ho- davvero voglia di fare due chiacchiere con voi su Enrico Vasetto (Mister Hermoso, op. cit) e spero che ne abbiate anche voi. 

Per prima cosa, sia messo agli atti: io aspetto ancora la lettera da Hogwarts. So bene di essere ben oltre gli 11 anni canonici, ma magari per i 41 potrebbe arrivare. E ovviamente sarò una Gryiffindor (lo dice anche Pottermore). Ribadito l'ovvio ed essenziale, andiamo avanti. 

Dei mille mila aspetti di questa saga e della sua storia che mi piacciono due sono quelli che forse più di tutti mi hanno colpito: il fatto che ci sia un intera generazione, in tutto il mondo, che è letteralmente cresciuta con questi libri e, ancora di più, le splendide figure femminili. 

Esatto. C'è un intera generazione che ha imparato- anche- ad amare i libri grazie alla Rowling. Spesso mi capita di dire che, per quanto scadenti, certe saghe hanno comunque il merito di avvicinare alla lettura: spero sempre che poi il lettore sappia evolversi da solo. In questo caso però il merito è tanto maggiore perchè la storia è bella, avvincente e ben scritta. E' un po' come avere i primi consigli di make up da Lisa Eldridge, no?

E poi ci sono i personaggi femminili: Hermione, Ginny, Molly Wesley, la McGonagall e Luna Lovegood sono tra i miei preferiti- assieme a qualche altro milioncino di persone, lo so, non sono certo originale. Ma come non amare donne così diverse tra di loro ma tutte tremendamente lontane dallo stereotipo e  tutte strepitosamente interessanti? Come non essere grata a chi ha volutamente creato modelli lontani galassie dalla donna dolce e co-protagonista. 

Hermione rompe tutti i clichè: è bravissima ma non noiosa, romantica ma non melensa, intelligente ma non superba. E ha un gatto.




Ma più di tutto, quando il suo ragazzo (anche qui, stereotipo non rispettato. avrebbe dovuto essere la fidanzata del protagonista no? E invece*...) la lascia, non si rintana a piangere, non si dispera affermando che il mondo è finito. Raccoglie i pezzi e va avanti per la sua strada. Tristissima, ma va avanti. 




(questa è una delle mie scene preferite in assoluto)

Lo so. Dovevo parlarvi dei libri e sono finita postarvi una scena del film. Vi prometto che riparleremo dei film, lo giuro. E ovviamente allora vi parlerò dei libri, perchè li amo molto di più. Ci sono talmente tante storie e personaggi e amore e risate e racconti nel libro che non si può non preferirlo. Da tutto quello che è stato lasciato fuori si potrebbero girare almeno altri 8 film. 

Perchè quello che ha fatto la Rowling con questi libri non è stato solo raccontare una storia. Ha creato un intero universo. Non lo ha accennato confusamente e di sfuggita, gli ha dato corpo: ha costruito uno sport e le sue regole, gli ha dato le sue favole per bambini, i suoi animali, le sue abitudini domestiche. Eppure, ha lasciato un enorme spazio alla fantasia e all'immaginazione dei lettori.  

Un equilibrio pressochè perfetto: un mondo "solido", che puoi percepire come reale ma a cui interno resta lo spazio per poter sognare e immaginare avventure meravigliose e magiche.  Forse è questo il motivo vero del suo grande successo.

Ora, ditemi: amate anche voi i libri più dei film? Qual è il vostro preferito?  La linea di pigiami di Harry Potter è il principale motivo per cui desiderate l'apertura di Primark in Italia? Volete anche voi questa tazza? 




Siete d'accordo nel giudicare la Rowling più crudele di Martin, avendo ingiustificatamente ucciso alcuni personaggi che DOVEVANO restare in vita? Trovate anche voi insopportabilmente lungo l'Ordine della Fenice?? Dai, raccontatemi.








 *faccio finta che qualcuno non sappia chi sia davvero il suo ragazzo
 

17 commenti:

  1. Anche io appartengo alla generazione che è cresciuta con Harry Potter.. Credo di ricordare tra i miei momenti più belli dell'infanzia quelli quando mia mamma si ritirava dal lavoro con il nuovo capitolo tra le mani e ben impacchettato. Ammetto di aver pianto alla morte di Silente e Piton.. quest'ultimo è il personaggio che mi piace maggiormente.. senza alternative.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso solo immaginare la gioia del nuovo capitolo, ma davvero credo sia stata una cosa molto bella :)

      Snape mi piace, ma non riesce ad essere tra i miei preferiti- noonostante tutto.

      Io ho pianto spesso, ma come con Dobby credo con nessun altro.

      Elimina
  2. Aaaaah <3 quando ci vediamo (cosmoprof? si? si!) parliamo due ore solo di harry potter.
    A me i film non hanno fatto impazzire, devo dirlo. Ciò non mi impedisce di riguardarli ogni volta che li becco su Sky...
    Io da Pottermore ho scoperto che sarei Serpeverde, dopo l'iniziale sconcerto l'ho presa molto bene ahhaha

    Voglio migliaia di gadget di Harry T___T

    p.s. la Rowling è cattivissima MA la amo troppo su twitter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (e CERTO che ci vediamo al Cosmoprof <3). Io credo che avrei rifatto il test millemila volte pure di non essere in Serpeverde :D

      -vero, su twitter è fantastica-

      Elimina
  3. Temo di essere una delle poche a non aver letto la saga, anche se da come la descrivi la tentazione di iniziare a leggere almeno il primo libro mi attira parecchio. Visto che citi Martin: sono arrivata al quarto libro e mi sono bloccata a metà, non so se per la violenza ridondante delle pagine, ma a un certo punto mi ha quasi nauseata. So che molti lodano la mancanza del cd lieto fine, ma, per me personalmente e lo sottolineo, per me solamente, é stato troppo. Adoro, invece, la trilogia dell'anello che sono stata indotta a leggere dopo aver letto un racconto in cui veniva citato un passo lirico in cui si parlava della creazione degli anelli, come solito sono stata logorroica....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se proprio vuoi leggere un solo libro della saga (cosa che onestamente si può fare, sono costruiti in modo che- volendo- è possibile) ti sconsiglio di scegliere il primo: è quello più "da bambini", per ovvi motivi. Il mio preferito è forse il terzo, dove il mix di spensieratezza da "mondo magico" e storia tragica trova forse il suo equilibrio migliore. Per Martin devo dirti che io non amo la violenza per nulla, ma non mi ha inquietato più di tanto ....forse perchè ero talmente tanto presa dalla storia da non percepirla fino in fondo?

      La Trilogia dell'Anello è un capolavoro:)

      Elimina
    2. Grazie per il consiglio, ne farò tesoro. Su Martin é un limite mio, non era certo un giudizio negativo su chi lo legge e lo apprezza, ci mancherebbe. Buona serata

      Elimina
    3. Se poi ti decidi, fammi sapere. Su Martin, ti confesso: io a volte salto certi paragrafi troppo violenti;)

      Elimina
  4. Io faccio parte della generazione che ha cominciato a leggere Harry Potter a 11/12 anni, quindi praticamente ci sono cresciuta.
    Ho la stessa età del Potter cinematografico (mentre mia sorella, quella del Potter letterario, nato nel 1980), quindi mi ci sono sempre sentita "un po' più" vicino.

    Tra l'altro, quest'estate, oltre al ripasso film (e al ripasso libri appena iniziato), sono andata a Londra, e tra le varie cose sono andata a visitare gli Studios a Leavesden, che tra l'altro, se sei fan della saga, TI CONSIGLIO DAVVERO TANTO *_____*

    E boh, mi sono ritrovata a piagnucolare un sacco per qualsiasi cosa, dai filmati di Harry Piccino, all'animatronic di Edvige, al mega modellino di Hogwarts.

    E basta, che se continuo a parlarne, non la finisco più ^_^

    ps: Hai sentito dello spettacolo teatrale che ci sarà a Londra il prossimo anno? "Harry Potter and the Cursed Child", ancora non si sa molto sulla trama, ma pare sarà incentrato su Harry prima che scoprisse di essere un mago ... La Rowling non si sbottona, maledizione >___>
    (comunque i biglietti dovrebbero andare in vendita da Ottobre, pare il 19 *-*=

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto raccogliendo varie notizie sulla Londra Harrypotteriana e prima o poi il viaggio "a tema" arriverà. Se ci riesco a infilare anche lo spettacolo, sarebbe perfetto no? *corre a googlare*

      Elimina
  5. Adoro Hermione, è indubbiamente il mio personaggio preferito. E se voglio bene ad Emma Watson è proprio grazie a lei.
    Mi piace questa saga. Iniziai a leggerla dal secondo libro. Un mio cugino lo aveva regalato a mio fratello che non ne voleva sapere di leggerlo. Io che ero già una lettrice accanita iniziai a leggerglielo la sera e se ne innamorò anche lui. Anno dopo anno li abbiamo comprati e letti tutti. Ho dei ricordi vividissimi di alcune scene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver condiviso questo ricordo bellissimo<3

      Elimina
  6. Io non lo so chi è il suo fidanzato e non voglio saperlo perchè spero ancora di finire di vedere tutti i film (ne ho visto solo uno per colpa del marito allergico ai film troppo lunghi...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiuuuuu...meno male che non l'ho scritto! ;)

      Elimina
  7. Ho scoperto sullo scaffale della biblioteca harry potter a undici anni, giusto in tempo per iniziare il nuovo anno scolastico ad hogwarts! In quel periodo erano usciti solo 2-3 libri al massimo, perciò per tutti gli altri dovevo aspettare le nuove pubblicazioni! Non vedevo l'ora,vappena avevo in mano il nuovo libro lo divoravo in 3-4 giorni al massimo, non facevo nient'altro, stavo su la notte a leggerlo e me lo portavo dietro ovunque.
    Uno dei mondi inventati meglio creati proprio come dici tu, costruiti con attenzione e in modo approfondito...eppure è proprio vero che c'era ancora spazio per l'immaginazione del lettore! I film non sono paragonabili..ne avevo visti tre, poi avevo abbandonato perchè mi dava sui nervi che in alcuni casi non solo mancassero i pezzi (ok non ci può essere tutto tutto...ma alcune cose erano importanti!) ma addirittura cambiassero alcune parti della storia :( in generale comunque amo molto di più i film e in genere cerco di non vederli se posso (signore degli anelli escluso). Se dovessi scegliere un film direi il primo, forse quello che più ha saputo trasmettermi l'atmosfera del libro. Invece la scelta dei capitoli letterari è più difficile: sempre il primo, perchè è un ricordo e ci sono legata a livello sentimentale, e poi il terzo e il quinto.
    Il momento peggiore di tutti..la morte di sirius...per non parlare di quando lui a fine anno trova lo specchietto:( male male
    Il mio personaggio preferito è in assoluto hermione **__** e poi mi faceva tenerezza neville paciock :D
    Ps: non ho capito l'asterisco sulla storia del fidanzato di hermione! -.-"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah li ho visti tutti alla fine i film..ma non ho cambiato molto idea.

      Elimina
  8. Vedi? Tu sei una di quelle che è letteralmente cresciuta con Harry Potter. Io un po' vi invidio, sallo.

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero