Quel che (non) resta del mese #25

Era più che ovvio e prevedibile: arrivato il caldo vero, la mia routine cosmetica è cambiata del tutto.

La prova provata? I finiti di questo mese. 


Nessun cosmetico vero e proprio: non è una vera novità in questa rubrica ma visto che ormai è oltre un mese che mi limito alla mia cipria Vita Liberata, mascara e rossetto devo riconoscere una volta di più che non sono in procinto di terminare qualcosa....

Un ennesimo Ultra Dolce: riuscirò a resistere al loro richiamo e a disintossicarmene davvero? Visto che molte di voi mi hanno detto di subirne lo stesso fasciano perverso, è una sfida che si è fatta ancora più interessante per me... 

Un discorso simile si può fare per il duo Shampoo/detergente+ Balsamo della Human+Kind. Presi a Milano avevo enormi aspettative e mi hanno molto delusa: lo shampoo lasciava i miei capelli secchi e sofferenti, il balsamo non leniva alcuna pena. Avevo sempre pensato di voler provare il loro detergente viso e, a maggio ragione visto il risultato infelice, mi chiedo perchè non presi quello allora....

Parlando di detergenti viso, ne ho terminati due: il  Panetto di non sapone alla Bardana de L'Erbolario e quello della Lavera. Il primo è stato una delusione: troppo aggressivo per la mia pelle, mi sono ridotta ad usarlo come sapone normale... alla faccia del suo essere non sapone. Il secondo può rientrare a buon diritto nei "senza infamia e senza lode". Funziona, è delicato e piacevole all'uso, ma non ha suscitato in me nessun entusiasmo particolare. E se anche per la maggioranza delle persone sulla faccia della terra un detergente viso non suscita in alcun caso entusiasmi particolari, noi sappiamo che non è così, vero? 

Infine, un evidente poker estivo: due oli corpo, quello al Monoi Yves Rocher e quello Roger&Gallet all'arancio. Stento ancora a capire come sia possibile, ma sto applicando l'olio ogni giorno. Non solo a fine giornata dopo il mare, ma anche quando vado in ufficio. Un po' perchè sento che la mia pelle lo reclama, un po' perchè mi piace proprio. 

L'Olio di Cocco Akamuti invece è stato usato per proteggere i capelli in spiaggia: questo per me è il suo uso perfetto e, col senno di poi, mi spiace averne usato tanto provando ad amarlo come detergente viso....

Infine, la crema solare NuxeSole SPF30*: qui parliamo di un prodotto dal profumo e consistenza deliziosi, come è ben noto, che mi ha protetta stupendamente anche nei primi giorni (applicato nel tardo pomeriggio, quando il sole è meno forte. Per le ore di punta in cui sono al mare, scelgo sempre un SPF50. E comunque non mi espongo mai tra le 14 e le 17. Sì, sono "leggermente" fissata).

Non posso fare a meno di chiedermi, di mese in mese, come sia possibile che non termini  mai una crema viso o un rossetto o un ombretto. Di mese in mese, mi riprometto di interiorizzare al meglio questa consapevolezza, di smettere di accumulare senza criterio.  Di mese in mese, ci riesco per un tempo sempre più lungo. Stavolta, per esempio, ci ho creduto fino a che non ho finito di scrivere questo periodo.  

16 commenti:

  1. Sai cosa sto usando io da 2 settimana a questa parte?? Un unico prodotto.. l'acqua micellare.. Prevedo il prossimo smaltimento non prima del 2016!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Se non altro ne siamo consapevoli....

      Elimina
  2. Ahahahaha l'ultima frase mi ha stesa!! Come fai a non finire creme viso?
    Di human kind vorrei provare la crema piedi..la vedo ogni volta da sephora e mi chiama come una sirena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse per quello che dice Tyta: me ne basta poca. E poi perchè sono una sciuaguratella e ogni tanto non la applico....;)

      Elimina
  3. Mi sa che sono tra le poche che in estate si trucca esattamente come in inverno, alla faccia di afa e tutto :).
    La cosa che hai detto sul detergente e' verissima! Mai scordero' che coccola stupenda era l'aloe e azulene di Fitocose: spero proprio di riprenderlo un giorno!
    Riguardo le creme non crucciarti. Io, dopo un anno, ancora non finisco il siero Biofficina e la crema Antos: pur utilizzandoli tutti i giorni, la mia pelle ha bisogno di quantita' minime di prodotto e dunque i tempi sono questi, specialmente se i prodotti si rivelano grassini. Magari per te e' lo stesso. Mentre per i cosmetici...eh, se ne hai tanti e' quasi impossibile, bisogna ammetterlo con tranquillita' e farsene una ragione. Dai che c'e' di peggio :)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se tanto ti piace riprendila SUBITO no?

      (certo che sto parlando di firts world problems, lo so...)

      Elimina
  4. Il Panetto di Non Sapone l'ho odiato con tutta me stessa! Lo scorso anno avevo anche scritto una recensione al riguardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. I danni di essermela persa....

      Elimina
  5. Ma si sa che i rossetti non finiscono! Non è colpa tua!

    RispondiElimina
  6. L'olio di cocco a me fa appannare gli occhi. Magari strucca eh, ma questa sua caratteristica mi infastidisce non poco... Proverò come olio capelli: tu lo usi anche come maschera prima dello shampoo o solo per proteggerli prima di andare al mare? Ne serve tanto in questo caso?
    Scusa la domanda, ma a che ore vai al mare? Sapevo che il sole più forte da evitare è fra le 12 e le 15...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo uso prima di andare al mare, come protettivo. Come ho scritto evito sempre le ore tra le 14 e le 17: trovo che gli orari vadano pensati anche tenendo conto delle zone in cui si è e alle 15.30 il sole in Calabria batte senza pietà, molto più che alle 12.30 ;)

      Elimina
    2. Ho sempre pensato nella mia ignoranza che fossero orari validi un po' dappertutto... Io in genere vado verso le 15, ma appena arrivo mi spalmo la crema e mi metto a mollo nell'acqua per almeno mezz'ora :-)

      Elimina
    3. Ehm.... non per essere pignola (ma sì, lo sono): alle 15, se tieni conto dell'ora legale, qui sono le 14. Essere in acqua riduce ovviamente la sensazione di caldo ma in realtà aumenta l'esposizione (superficie riflettente) e aumenta il rischio scottature proprio perchè lo percepisci meno. Infine, poi non scoccio più, perchè la protezione abbia effetto c'è bisogno che sia assorbita: se la spalmi e ti tuffi la rilasci in acqua. *corre a nascondersi nell'angolo delle rompine*

      Elimina
    4. Hermy hai perfettamente ragione, non sei rompi, sono io poco attenta. Purtroppo ogni anno la possibilità di andare al mare è sempre meno (quest'anno la prima volta è stata sabato e forse sarà l'ultima...). Considera comunque che ho usato la protezione 25, riapplicata più volte dopo i bagni, e il sole non l'ho preso per niente, tranne sulla schiena perchè la protezione lì me l'ha messa un marito distratto... :-(
      E poi non ti immagini la sofferenza di sentire ogni giorno mia mamma "come sei bianca, stai male, non ti vergogni, sono tutti neri tranne te...". Inizialmente le rispondi, poi la ignori, poi comincia ad essere pesante... Considera che lei ha pure problemi di pelle e al sole non dovrebbe neanche tanto esporsi (a causa proprio delle ustioni di quando era giovane...). Proprio capire zero.
      Io non ho mai voluto un'abbronzatura intensa, anche perchè più di tanto non mi abbronzo, ma un bel colorino sano mi piace averlo. Speriamo solo che la settimana di ferie a settembre, ci sarà il sole...
      E scusa se ti ho scritto un papiro, come vedi io sono più rompiscatole di te :-P

      Elimina
    5. Ma infatti mi stupivo proprio perchè conoscendoti ti so attenta e dalla carnagione chiara (che è bellissima e très chic). Speriamo che settembre sia buono con te <3

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero