La straordinaria eccezionalità della normalità

Alcune di voi ricorderanno il conflittuale rapporto che mi lega alla Nars. Tanto mi piacciono alcune loro campgne o scelte, tanto mi stizziscono alcune loro scelte di marketing o distribuzione. Insomma, è un odio/amore irrisoluto e continuo che, vi avverto, con questo post si rinnova. 

Parliamo della loro NARSissist Dual-Intensity Eyeshadow Palette: la desideravo ma pareva introvabile e avevo sdegnosamente optato per il gran rifiuto. Per poi cedere quando me la sono trovata di fronte in una Sephora a Roma. 



Ve lo confesso senza timori: uno dei motivi per cui quando ho finalmente visto di persona questa palette ho esitato nel prenderla non è stato il mio precedente gran rifiuto annunciato pubblicamente (solo gli stupidi non cambiano mai idea, e solo quelli ancora più stupidi non lo fanno solo per timore del giudizio altrui) ma il fatto che le referenze presenti fossero colori non originalissimi. 

Ancora oggi, nel guardarla, mi paiono normali. Lo so che ora ci sono decine di Beauty Blogger serie che staranno ululando all'eresia, ma pazienza. Io la guardo e ci vedo dei bei colori normali. 

Dove però questi 6 ombretti non sono per nulla normali è nella resa e nella qualità: durano a lungo, si sfumano che un piacere e hanno una pigmentazione strepitosa, da asciutti come da bagnati. E' uno di quei prodotti che, se non siete malate come me, potete valutare come il grande acquisto: compri una palette come questa e non hai , ma per davvero, bisogno di altro per i tuoi occhi o quasi. 

Detto francamente: magari fosse questa la normalità del mondo cosmetico. Magari tutti i colori che ho giudicato "ordinari" fossero così.  Posso trovare una sola pecca a questa palette ed è la leggera ripetizione delle due cialde a sinistra. Ovviamente la mia foto è quanto di più infedele possiate trovare in rete, ma anche se date una sbirciata a quella ufficiale del sito, vedrete che sono colori molto simili. Avrei preferito un teal o un viola scuro, ecco. Questo l'avrebbe resa per me ancora più completa e versatile. 

E poi certo, l'ormai vexata questio della reperibilità e della distribuzione. Che vi posso dire? Questa volta Nars si è fatta decisamente amare. Forse il segreto sta tutto qui: nell'amarla così com'è, senza aspettarsi che sia perfetta in tutto. In fondo, è lo stesso che pretendo per me stessa. 


Li ricomprerei: sì

Li consiglierei: sì

Li regalerei: sì 




  

10 commenti:

  1. L'amante dei rosini che e' in me ti dice: ma no Hermy, quei due ombretti a sinistra sono diversissimi, non si puo' stare senza uno dei due! Seriamente eh XD. Svolgono funzioni diverse -per l'amante dei rosini che ti parla-.
    A mio gusto eliminerei senza pieta' il grigio invece, gh D: (a Tyta non piacciono i grigi...).
    In realta' mi piacciono solo 4 colori su 8, quindi per me stessa non potrei definirla come unica palette occhi :). Soprattutto, amo troppo i colori per limitarmi cosi' (ma son malattie, l'hai detto XD), ma concordo che per chi vuole un unico prodotto di qualita', potrebbe andare.
    -comunque si, ricordo tutta la vicenda su questa palette XD-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tyta, sarà che io i rosini li amo poco ma mi sembrano lo stesso troppo simili.... Mentre il grigio (che è un colore che amo, elegante e sobrio) mi pare sia quasi obbligatorio in una palette che aspira ad essere passepartuot ;)

      Elimina
  2. Ho guardato più volte anche io questa palette nella Sephora della mia città e credo proprio di trovarmi d'accordo con te su di un aspetto.Ho swatchato i colori in diverse occasioni e la texture così burrosa,l'alta pigmentazione e la luminosità stessa degli ombretti mi hanno fatta vacillare!Sono ottimi prodotti senza ombra di dubbio e varrebbero l'acquisto.Poi però guardo il prezzo e non me la sento mai di spendere così tanto per dei colori obiettivamente banalotti,che sicuramente possiedo in altre mille-mila palette.
    Un forte abbraccio Hermy,buon proseguimento settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì e no. Dipende molto da che acquirente sei: per noi malate è vero- in parte: perchè ho millemila grigi ma di questa qualità no- ma per le consumatrici "sane" di makeup varrebbe la pena valutare un solo acquisto ma ottimo. Anche perchè se lo godrebbero molto di più.

      Elimina
  3. dalla rete non mi ha mai convinta fino in fondo, però ne ho sentito parlare sempre bene! Peccato (o per fortuna) che non l'abbia mai vista dal vivo :( la sephora più vicina che tiene nars mi è un po' scomoda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fransis, dai retta a me: è una fortuna per il tuo portafogli;)

      Elimina
  4. Anche a me paiono molto normali come colori e, complice il prezzo, non ne sono tuttora attratta... Ma avrei una curiosità: dal momento che io considero gli UD come i migliori ombretti mai provati in assoluto, come sono questi in confronto a loro? Uguali? Migliori? Se non ricordo male abbiamo entrambe la BOS IV...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordi bene;) Gli UD sono decisamente più particolari come colori ma come qualità secondo me siamo più o meno lì. Anzi, forse questi un cincinino la superano, sulla mia palpebra.

      Elimina
    2. Eh no, ma se mi dici così li devo almeno provare... :-) Soprattutto ora che sto finendo alcuni colori della BOS IV e altri mi stanno iniziando a dare prurito... Immagino sia il caso di testarli per bene e in caso buttarli via, d'altronde sono passati diversi annetti dall'acquisto...

      Elimina
    3. Stai finendo una cialda. Hai TUTTA la mia invidia (buona!)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero