Voglio 'o cocco ammunnato e bbuono*

Ci sono alcuni prodotti attorno ai quali circola una specie di alone mistico: amatissimi e osannati da tante da farti sentire quasi obbligata a provarli. E' il caso, per me, dell'olio di Cocco. Quello che ho deciso di  provare è l'Akamuti (preso allo stand BBCrema italia al Cosmoprof 2014 scontato, ma lo trovate anche su altri siti)    


E' 100% naturale, biologico e proviene dal commercio Equo e solidale. Estratto dalla polpa fresca del cocco attraverso la spremitura a freddo. 

Dicevamo, quest'olio sembra essere la panacea di tutti i mali: va bene per i capelli (come impacco o per proteggerli al mare), è ottimo per il corpo ed è infine uno struccante portentoso. Aggiungete in questo caso - mi dicono che non tutti lo sono- un delizioso profumo, leggero e non sdolcinato. Bisognerebbe essere veramente stupide per non amarlo, vero?

Ecco, allora datemi della stupida. Almeno un po'. Io l'ho preso perché volevo usarlo come struccante: non posso dire che non sia efficace ma lo trovo scomodissimo da usare. A seconda della temperatura infatti o è troppo solido o troppo liquido. I giorni dell'anno in cui ha la giusta consistenza sono davvero pochi- in tutti gli altri periodi prelevarne la giusta quantità senza fare macelli mi è davvero complicato. Senza contare che una volta struccato il primo occhio ho le mani sporche di make up e quindi devo pulirle prima di prelevare una nuova quantità per il secondo occhio. Insomma, un mini supplizio. 

Il prodotto in sé è delizioso: bello il profumo, ottimo il risultato finale (strucca ogni cosa, senza bisogno di eccessivi sfregamenti). Ed è piacevole pensare che anche nella filiera dello smaltimento sia totalmente innocuo.  Però non posso farci assolutamente nulla: trovo che sia terribilmente scomodo da usare come struccante. 

Se avete consigli, sono come sempre ben accetti ma credo proprio che lo userò al mare quest'estate (travasandolo: in questa confezione lo rovescerei tutto la prima volta, liquido come sarà): mi piace l'idea di non inquinare le acque con i miei prodotti e spero che sia tanto efficace come struccante ma più pratico da usare. Vedremo come si comporterà e solo allora mi sentirò di dare un giudizio finale complessivo (per questo trovate tre forse alle domande finali).  

Lo so, voglio tutto. Ma accontentarsi in fatto di prodotti di makeup non è mai stata la mia filosofia.

Lo ricomprerei: forse

Lo consiglierei: forse

Lo regalerei: forse       




*tipico detto campano, che si usa per indicare chi non vuol fare nulla ma avere tutto. 

33 commenti:

  1. Pensa che invece io, totale cretina ho preso la versione in bottiglietta, e in questo periodo prelevare il prodotto è un incubo. Devo prima scaldarlo e poi farlo uscire. Però l'olio di cocco in se mi sta piacendo molto come struccante. Diciamo che dovrebbero fornire due confezioni, come la tua per l'inverno e la bottiglietta per l'estate. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo tu lamenti la poca praticità anche in versione liquida. E mi confermi che è un po' un supplizio ecco :(

      Elimina
  2. Io ho preso da poco quello di Tea al profumo di monoi :). Posso dirtene poco perche' pure lui e' in bottiglietta, e quindi sono riuscita a usarlo 2-3 volte quando ancora avevo i termosifoni alla sera, e di metterlo a bagnomaria per due gocce ogni volta non mi va.
    Non mi e' sembrato male per quel pochissimo che l'ho usato. Come struccante, prova semplicemente a prendere il prodotto un po' su entrambe le mani, e massaggiare gli occhi insieme, no? Col barattolino verrebbe facile. Io penso che un po' lo travasero', e se lo ricomprero' in formato bottiglia, sicuro gli cambiero' subito confezione appena inizia ad addensarsi.
    Come olio corpo ho notato che si asciuga in un istante. Come struccante dovro' vedere sul lungo termine come va, perche' dopo qualche giorno gli oli mi fanno venire le borse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hhhmmm... se mi sporco entrambi le mani poi lascerò il delirio in bagno però.... Sai che mi incuriosisce stà cosa degli oli che ti fanno venire le borse? In che senso??

      Elimina
    2. Questione oli. Visto che non uso il contorno occhi di solito, ma che in tante leggo che con una goccina di olio si trovano bene, allora ci ho provato. Puo' essere benissimo che quello usato per le prove (di mandorle) non fosse adatto, troppo pesante, ma anche in quantita' davvero minima, dopo pochi giorni mi ritrovavo l'area sotto l'occhio gonfia, proprio dove in teoria si formano le borse (di cui fortunatamente non ho mai sofferto). Anche se lo uso per le ciglia, non posso farlo troppo a lungo, perche' quel minimo che cola mi fa lo stesso lavoro.
      Visto che l'olio di cocco pero' e' molto piu' leggero, magari la cosa non si ripresentera', non so. Provero' e vedremo.
      P.S.
      Il contorno occhi non lo uso proprio perche' ancora non ho capito come reagisca quella zona del mio corpo a queste cose...a me sembra che non gradisca che ci metta sopra qualcosa, tranne quel minimo di crema viso che ci finisce. Magari e' proprio caratteristica mia eh! E a te con l'olio non succedera' niente, come a tante altre :)!

      Elimina
  3. Anch'io trovo l'olio di cocco terribilmente scomodo per struccarsi, ci sono alternative molto più pratiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. E' un peccato però è la verità.

      Elimina
  4. Un mesetto fa ho acquistato per la prima volta l'olio di cocco di Tea Natura. A differenza di quello che hai tu, il mio si trova in una boccetta e, essendo ancora solido al momento dell'acquisto, ho dovuto metterlo sul calorifero e lasciarlo sciogliere, dopodichè metà l'ho travasato in una scatola di latta. In questo modo la metà nella latta l'ho riservata al suo periodo solido, mentre quella nella boccetta la userò quando sarà liquido. Se ti da fastidio prelevarlo con le mani, puoi usare dei dischetti di cotone sfregandoli direttamente sul prodotto e poi passandoli sugli occhi, così dovresti ovviare anche al secondo problema di cui hai fatto menzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente avere una doppia confezione è una buona soluzione ma resta comunque un po' scomodo no? Ora, so di essere noiosa all'estremo però: se sfrego direttamente il pad sul prodotto ci lascerò per forza dei piccoli residui, fili etc, all'interno. Non si rovina così? :D

      Elimina
    2. Mah, io uso le dita, coi dischetti sono scomoda... Ci ho provato all'inizio, poi sono tornata alle mani ;)

      Elimina
    3. Ci riproverò promesso.... ma tanto so che farò un pasticcio tremendo :(

      Elimina
  5. io ho l'olio di cocco non bio, non profumato, nulla di che, che costa tipo tre euro il barattolone giga al negozio etnico sotto casa... lo uso nei capelli e come struccante, come struccante è una bomba, ma hai ragione, è un procedimento più lungo... tuttavia quando mi sento paziente (e mi sono ricordata di lavare il panno xD) lo faccio e ne sono felice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ma io non l'ho preso dall'etnico solo perchè non si trova da me ;)

      Elimina
  6. Io l'ho amato come struccante e, immergendo le dita di entrambe le mani nel vasetto, struccavo entrambi gli occhi contemporaneamente, senza avere il problema di lavarle. Purtroppo però ho dovuto abbandonarlo perché la mia pelle non lo tollera e caccia fuori bubboni delizzzziosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma nuuuuuuuuuuuuuu... ma non doveva evitsare questi problemi??? :(

      Elimina
  7. Non sei l'unica, nemmeno io mi son trovata bene con l'olio di cocco come struccante, io sono una da risciacquo e viaXD Per nutrire il controrno occhi lo adoro, con una puntina di prodotto sulle dita è favoloso! Lo userò anche io come protezione capelli per il mare:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Al contorno occhi non avevo pensato. Magari lo uso anche così. Grazie per la dritta!

      Elimina
  8. Premetto che anche io ho un pessimo rapporto con gli oli per una questione di pigrizia, mi piace il risultato, ma in inverno doversi spalmare l'olio in faccia, poi sciacquarsi la faccia brrr... Per il tuo caso, però, quando il prodotto é in forma solida, non riesci a prelevare la quantità necessaria con una spatolina anche di riciclo (tipo un cucchiaino spaiato?). Poi l'idea di Lisbeth di suddividerlo mi sembra molto pratica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho provato: a volte era così duro che era una fatica anche così...

      Elimina
  9. Da poratcha quale sono io l'olio di cocco lo prendo al minimarket cinese. Costa poco, non sarà profumato ma fa il suo porco dovere. Uso una minitaglia di una boccetta dove travaso quello che mi serve. Il tappo è mediolargo, quindi quando è liquido è ottimo per metterci il dischetto da appoggiare poi sull'occhio invece quando è solido uso una spatolina per prelevare quanto mi serve per spatasciarmelo sulle dita, scaldarlo, e diventare un perfetto panda :3 per poi levarlo con la salvietta in microfibra che uso per struccare tutto il viso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi quando capita di riuscire ad andare al mare o in piscina (SEH, sogna che ci riuscirò quest'anno) lo uso come protezione.

      Elimina
    2. *protezione per i capelli naturalmente, se me lo metto sulla pelle è la volta buona che divento uguale al maialino sardo arrosto.

      Elimina
    3. Mi pare ormai ufficiale: la soluzione è dividerlo in confezioni diverse quando è iper liquido. (brava per la protezione. Mai correre rischi del genere)

      Elimina
  10. Io come struccante non lo uso in effetti... lo uso sui capelli e per il corpo... e quello alimentare me lo mangio! =)
    Lo uso nei biscotti e nelle torte e anche con pane e marmellata =)
    ... ma non ti fare venire strane idee questo non si mangia!!
    Ciao zietta! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco..stavo già per chiederti le ricette :D

      Baci alla ranocchietta bella <3

      Elimina
  11. io lo uso per il corpo o per ammorbidire una zona specifica. L'ho usato ad esempio alcuni giorni per far diventare morbide le sopraciglia e le ciglia o per le unghie. Però anche per me l'olio di cocco non è il Sacro Graal dei prodotti cosmetici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Diciamolo che non è un salvavita! <3

      Elimina
  12. Lo uso con soddisfazione da anni soprattutto per struccarmi e per fare impacchi pre-shampoo. Preferisco la consistenza solida dell'inverno perché posso prelevare più facilmente la noce necessaria a struccare entrambi gli occhi. Francamente non l'ho mai trovato particolarmente scomodo, anche se è vero che preferisco questo tipo di texture (come anche i burri) piuttosto che il classico latte detergente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io da sempre preferisco i prodotti a risciacquo. La detersione finale mi garantisce una bella sensazione di pulito a cui non voglio rinunciare. Forse anche per questo non amo tanto l'olio di Cocco come struccante?? Mumble rumble...

      Elimina
  13. Ma come??? Me lo smonti così??? Io devo ancora comprarlo e da quello che leggevo finora sembrava la panacea di tutto...
    In compenso sto usando una maschera per capelli al cocco dr organics che è la fine del mondo e non ha problemi di consistenza come l'olio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai...molte l'hanno comunque difeso qui.... mi sa che ti tocca provare lo stesso (magari scegliendone uno non troppo caro, come questo).

      Elimina
  14. Ma no Hermy cosa mi combini??! XD
    Ho comprato l'olio di cocco al natura si verso settembre/ottobre non ricordo bene, perché ero stufa dell'olio di jojoba. All'inizio non mi trovavo bene, il passaggio è stato traumatico..ma ora lo trovo perfetto!! Lo trovo anche più leggero del precedente.
    È in un barattolo e è sempre stato allo stato solido (ok ora inizia a rammollirsi): ho recuperato una scatola vuota di una crema (scatola di un burro corpo, ma per il beauty da viaggio ho recuperato quella di una crema mani la saponaria). Con un cucchiaino ne metto un po' nella scatola e fai conto che ci vado avanti mesi. In questa operazione l'olio solido si spezzetta in pezzi più piccoli (ho fatto anche fatica a prelevarlo col cucchiaio quando era inverno) e quindi sarà più facile prelevarlo al momento dello strucco. Per struccarmi faccio così:
    Bagno il viso, prelevo una quantità sufficientemente olio per struccare occhi e viso(si strucco tutto e la pelle non si lamenta o.O). Prelevo una punta e la metto su una palpebra, un'altra punta sull'altra e con quello che resta strofino le mani e poi mi massaggio tutto il viso. Alla fine massaggio quello sugli occhi. Con panetto umido o dischetto umido elimino tutto e poi sciacquo il viso con un detergente.
    Una volta presa la mano non è un metodo lungo, è più difficile tentare di spiegarlo. Non ci metto meno di quando uso un latte detergente o un'acqua novellare, anzi in quei casi finisco per dover fare più passate.
    Il segreto secondo me è proprio "travasarlo e sgranarlo". Perché appunto non puoi rimettere le mani sporche dentro:(
    Sui capelli e sul corpo non ho ancora provato..d'estate al mare di sicuro ci provo (anche perché non penso di usarlo come struccante anche d'estate..difficile gestirlo da liquido!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hmmm... forse hai ragione tu. Ci riproverò, ma ormai credo che il nostro rapporto sia destinato ad essere estivo :)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero