Finding my frame

Ci sono film che sanno essere più di un film. Anche se sono pensati per essere "solo" degli sbancatutto e dei blockbuster. Perchè li vedi nel giusto momento o perchè sanno toccare punti che ti sono particolarmente cari. The secret life of Walter Mitty lo è per me. 


Non solo perchè all'improvviso ho realizzato che Ben Stiller ha saputo invecchiare benissimo e diventare incredibilmente interessante, ma per la bellissima storia di viaggi, scoperte, coraggio e quotidianità che racconta. Che è un remake di una storia ancora più vecchia, chè di viaggi e sogni si nutre la letteratura da Odisseo in poi...

Credo che noi tutti ogni tanto siamo "zoned out": magari in forma meno evidente di quanto capiti a lui nel film, ma sono sicura che tutti sogniamo a occhi aperti. E anche se una parte di me sa che esistono persone a cui viaggiare non piace, continuo a credere che il motto Life sia uno dei più belli che abbia mai letto

    

E credo anche che  le sfide più belle possano nascondersi dietro l'angolo, o nella tasca del portafogli. Bisogna solo guardare bene e non smettere di cercare il perfetto negativo che a volte sentiamo mancare.

E a volte no, a volte le grandi sfide sono davvero i viaggi, le valigie e le avventure scomode e polverose che non avevi messo in conto. E gli abbracci e le nuove domande che trovi alla fine di tutto.

p.s. no, non è un caso che questo sia il post con cui torno da un viaggio.

    

10 commenti:

  1. Ho amato anche io questo film: ricordo che scoppiai in lacrime nel momento in cui lei intona "space oddity". davvero, ogni volta che ci ripenso sento il cuore che si gonfia di emozione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a quella canzone sono legata anche per altri motivi per cui.... ;)

      Elimina
  2. Questo film non se lo sono filati in molti ma io l'ho letteralmente adorato! L'ho visto due volte, una in italiano e una seconda in inglese, meraviglioso e a tratti surreale! Ha anche una bella fotografia ...hai gusto Elena! Un bacione da quel di Londra :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ha un che di surreale. Ma a me piace molto anche quell'aspetto lì (grazie bellezza londinese)

      Elimina
  3. Non l'ho - ancora - visto, ma adesso ne sono ancora più attratta. Inoltre concordo con le tue riflessioni su Stiller.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sbilancio: secondo me ti piacerà :)

      Elimina
  4. Mia madre continua a chiedermi se c'è un film carino da guardare stasera..se è ancora disponibile lo propongo!!^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avete poi visto? Su, che sono curiosa!

      Elimina
    2. Sisi che l'abbiamo visto!!!! Bello! Poi di quei paesaggi cavoli, invidia pura! All'inizio tra l'altro pensavo che sarebbe stato tutto un sogno il viaggio ahahah..
      Invece avevo indovinato il finale..avevo capito quale sarebbe stata la foto!:)

      Elimina
    3. Ma sai che invece io no?? E' vero che però non ci avevo nemmeno provato, mi sono fatta portare dal racconto..Felice vi sia piaciuto :)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero