Democracy is so overrated



Non è la prima volta che sostengo che ci sono serie tv che hanno la dignità di un film, e anche di un film bellissimo. Personalmente trovo che a volte il confine tra film e serie sia veramente labile: per House of Cards, per esempio, mi pare seriamente riduttivo non pensare di essere di fronte a un opera magistrale (ehm…no, non voglio in alcun modo anticiparvi  il mio giudizio…)





So di non essere la sola ad aspettare la terza stagione e so che in tante avete amato la prima e la seconda. Io ho iniziato a guardarla per Kevin Spacey e ho continuato a farlo per…tutto.



Mi piace la storia, cruda e dura, che non fa sconti a nessuno. Mi piace la coppia formata da Frank e Claire: due manipolatori, privi di scrupoli, ambiziosi oltre ogni dire eppure incredibilmente legati e splendidamente a loro agio con quello che sono. Mi piace la continua tensione che scorre lungo tutta la narrazione, tra salotti ovattati e fatali sorrisi gentili.



Mi piace lo stile di Claire Underwood: provate a googlare, troverete decine e decine di immagini come quella che vi posto qui sotto.



credits




Ma più di tutti e tutto mi piace Kevin Spacey e il suo Frank: è semplicemente GIGANTESCO in questo suo ruolo. Un cinico idealista, politicamente scorrettissimo nel tempio del political correct. Ho tifato per lui sempre. Mentre piegava donne giovani e intelligenti ai suoi disegni, mentre umiliava- apparentemente lodando- i suoi nemici e ridicolizzava le giuste lotte sindacali. Tanto più era ambiguo e spietato, tanto più nel momento in cui parla verso la camera il coinvolgimento e l’adrenalina erano potenti e il lato oscuro era incredibilmente brillante.





L’ultima puntata della seconda stagione è stata semplicemente perfetta. L’ho vista già tre volte – due di seguito, passando su Atlantic+1 immediatamente dopo e registrandola allo stesso tempo- e sono certa che la rivedrò. E gli ultimi trenta secondi mi regalano sempre un brivido perfetto di trionfo assoluto. 



8 commenti:

  1. Mi sono persa la seconda stagione, devo rimediare al volo!!

    RispondiElimina
  2. Anche io ho iniziato a seguire House of Cards per lui, io lo adoro e Key Pax rimane uno dei miei film del cuore. Concordo con tutto e non vedo l'ora di gustarmi la terza stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che un piccolo- non tanto- dettaglio del finale venga smentito....;)

      Elimina
  3. Non ho mai visto questa serie..in generale ammetto di non avere più tempo per vederle, ne quelle vecchie che seguivo ne quelle nuove. Mi piace però quando i personaggi sono veri e mostrati a 360 gradi, in tutte le loro sfaccettature..anche quelle non positive. In fondo nella realtà non c'è una distinzione netta tra bianco e nero, siamo tutti un po' grigi..chi più chi meno!!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui c'è una tale quantità di grigio che altro che 50 sfumature.... ;)

      Elimina
  4. Se ti piace il genere ti propongo anche Suits: un po' più leggero (ma non troppo) parla di uno studio di avvocati di New York (e no, non è come Ally Mcbeal, questo è più serio), ma forse lo conosci già. Io adoro letteralmente i dialoghi, sono molto sottili e pungenti, e mi piace anche perchè è logico e non surreale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. invece no, non lo conoscevo! Grazie per il suggerimento:)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero