Be Kind(le)

Vi avevo promesso un post sul Kindle, ed eccomi qua. La premessa è ovvia e doverosa: per quanto mi riguarda niente può battere il sano vecchio libro di una volta. Perchè è uno dei pochi oggetti così perfetti da aver attraversato millenni senza subire nessuna modifica. Gli amanuensi medievali usavano lo stesso formato e lo stesso concetto che usiamo noi oggi. Mica cotiche, signore mie.






E quindi vi aspetterete che vi dica che non vale nemmeno la pena prendere in considerazione l'acquisto di un Kindle. E invece no. Invece io credo sia assolutamente consigliabile e utile e sono felicemente proprietaria di un modello Paperwhite.

Il motivo per cui l'ho preso è stato, come penso per molti altri, di spazio: siamo  una famiglia di lettori cosidetti forti e gli spazi in casa iniziano a scarseggiare. Su questo cosino grande quanto un quadernetto ci stanno dentro circa 1000 libri. E vengono tutti con me ovunque vada. Per una che si è mandata un pacco di libri in vacanza per non partire troppo pesante ma non dover rinunciare alle letture desiderate, un punto a favore di tutto rispetto.



Poi ho imparato ad amarlo per altri aspetti: il vocabolario integrato, che, soprattutto quando leggo in inglese,  mi permette di imparare davvero nuove parole senza interrompere la lettura. Ma vale anche a rinfrescarmi lo spagnolo e il francese, che non fa mai male. Ma anche la funzione "evidenzia" che, dato che stiamo parlando di un supporto elettronico verso il quale non ho alcun rispetto se non quello funzionale, utilizzo a piene mani. E la comodità estrema di ritrovare subito la mia sottolineatura nel libro " i miei ritagli" con tanto di fonte citata. E anche una certa economicità: i libri in formato digitale costano di meno (anche se indegnamente pagano IVA più alta) e certo non mi dispiace.

Insomma, sì, io il Kindle lo consiglio. Non è un libro, esattamente come la televisione non è il cinema o un rossetto non è un gloss ma mi piace molto. Trovo sia semplicemente sbagliato pensare che debba o possa sostituire il libro. Lui è perfetto così com'è e sopravviverà ancora altri millenni senza aver bisogno di nessuna modifica e/o nuova release. 





Il Kindle invece è uno strumento per vivere meglio una passione, e adesso che si sono inventati il Kindle Unlimited (10€ al mese per avere accesso  a oltre 15.000 titoli in italiano e 700.000 in altre lingue : se ne possono prendere in prestito 10 alla volta. Un abbonamento come quello alla palestra, solo che qui allenate il cervello), è uno strumento che mi piace ancora di più.

Vi assicuro che se vi tirate fuori dalla diabolica tentazione di paragonare due cose diverse, sarà tutto molto chiaro. Io il Kindle me lo immagino esattamente come nella foto qui sotto, a leggere libri nel suo tempo libero!




31 commenti:

  1. Tizi della Kindle, assumete questa donna. Tipo adesso. Perche' ha avuto il potere di fare un post perfetto.
    Guarda Hermy, non avresti potuto parlare meglio. Non e' facile trovare persone che sappiano spiegare cosi' bene i pregi di questo affare elettronico, senza urtare chi come me e' sempre stato abbastanza integralista sulla faccenda. Anzi...Sinceramente me lo stai facendo vedere in altra prospettiva. Per es. quando viaggio in treno il libro e' d'obbligo, ma non fa bene alla mia schiena, specialmente perche' sono un'amante di mattoni, che in borsa capisci bene dopo un po' ti pesano da morire. E poi sono il tipo che li tiene di gran cura, non li porterei mai in posti dove potrebbero rovinarsi; cosi' come ho il blocco della sottolineatura. E questa frase "stiamo parlando di un supporto elettronico verso il quale non ho alcun rispetto se non quello funzionale" mi ha illuminato. Cavolo Hermy, per la miseria, tu saresti il genio dei geni del marketing. Perche' si', quando potro', ci faro' un pensiero serio; mi hai cambiato le prospettive, in parole povere. Perche' per convincere chi ama leggere libri, la strada giusta non e' denigrarli facendoli sembrare obsoleti, ma far capire che un aggeggio come un Kindle puo' offrire il piacere della lettura unito alla tranquillita' di trattare con un oggetto, che preso in se' per se', non ha bisogno di grande rispetto; detta meglio: tenetelo un gradino piu' giu', perche' non soppiantera' mai un libro di carta, e non andrete ad urtare violentemente i sentimenti dei lettori, che poi prendono ad odiarvi. Almeno nel mio caso l'arroganza di un'affermazione diversa non vincerebbe mai; mentre Hermy tu hai fatto centro XD.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tizi del Kindle, ascoltate questa donna qui: assumetemi :D

      Battute a parte, mi fa piacere leggere che sono riuscita a farti vedere il Kindle da un punto di vista diverso, era quello che speravo di fare. Però non lo tengo un gradino più su: sono cose diverse, e non li paragono ;)

      Elimina
  2. In casa mia ce ne sono due. Uno è mio, vecchissimo modello, uno è di mio padre, più recente, regalatogli per il compleanno. Non se ne separa praticamente mai e quando vedo lui allora penso che ci possa essere speranza per tutti. Che questo aggeggino venga apprezzato per tutte le sue potenzialità.
    Io sono del partito della "non vedo alcuna differenza", perché per me è la parola quella che ha importanza, che sia scritta su tavoletta d'argilla (se la vediamo da questo punto di vista il Kindle è un ritorno alle origini), rotolo di carta igienica, libro o ebook reader non importa, l'importante è che sia scritta bene.
    Splendido post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche noi in famiglia ne abbiamo tre: uno vecchissimo mio, uno altrettanto vecchio ma che usa mio padre e l'ultimo arrivato. Ma sai che il fatto del ritorno all'origine lo trovo bellissimo??

      Elimina
  3. bel post !!!
    http://justnaturaltouch.com/

    RispondiElimina
  4. Quoto tyta!! Sei stata capace di ribaltarmi il pensiero...
    Sono una ragazza abbastanza tecnologica, ma la lettura per me e sacra.
    L'odore dei libri nuovi e quelle pagine così lisce.. E poi non hanno paura di nulla quest'estate al mare ha vissuto con la sabbia la crema l'acqua il sale ed è ancora li un po' maltrattato ma vivo, e può raccontare una duplice storia!!
    Ma questo tuo post mi ha fatto ripensare all'utilità che questo dispositivo può avere, non ti serve spazio in valigia, puoi ricordarti frasi che ti hanno colpito, hai con te tutti i titoli che vuoi, senza sentirti troppo in colpa di avere ancora dei libri da iniziare!
    Grazie chissà potrei metterlo nella letterina!! :)

    un baciotto
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie mille! Io ti consiglio tantissimo di inseririlo in letterina...vedrai che qualche bello sconto Natalizio Amazon lo farà;)

      Elimina
  5. Fantastico questo post, la penso esattamente come te!
    All'inizio ero molto indecisa, poi ho comprato un Kindle e ora non lo lascerei più, come continuo a non lasciare i libri classici. Sono due cose diverse, bellissime entrambe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il riassunto della mia stessa esperienza;)

      Elimina
  6. hai scritto tutto benissimo!!!
    Io ho il kobo, me l'ha regalato il mio ex ragazzo, e nei viaggi è qualcosa di fantastico! Adesso purtroppo riesco a trovare meno tempo per leggere, e quasi tutto il tempo in cui leggo è quando sono sul treno.. con lui nella borsa perché è davvero piccolo e comodo!!
    però i libri che mi piacciono davvero poi me li devo comprare di carta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono accorta che ormai prendo su carta solo i fumetti o i libri di stampe/arte... E credo che continuerò a fare così

      Elimina
  7. Che bel post! Sono book addicted ma appunto..perchè non immaginare una felice coesistenza con il parente tecnologico? Inutile dire che voglio uno di questi "cosi",ma per adesso è in sospeso.
    Le vignette sono meravigliose XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: abbiamo famiglie allargate di ogni tipo, perchè non questa?

      Elimina
  8. sono d'accordo. non si può paragonare.
    io sono passata da un bokeen al kindle normale e poi al paperwhite (tutti regalati da Fede) e posso anche dire che il kindle non lo batte nessuno! non ho provato quello della mondadori di cui mi sfugge il nome ma rispetto all'altro è proprio un pianeta diverso in termini di affidabilità e prestazioni.
    Io lo presi per la comodità di poter leggere in inglese e spagnolo senza dover spendere molto per i libri (allora amazon.it non li vendeva ancora e li prendevo da uk o da fr).
    Unlimited poi è davvero una figata. mi sono iscritta subito per la prova gratuita però in questo periodo non lo sto sfruttando molto... non ci avevo pensato e mi ci sono buttata a pesce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al primo acquisto considerai vagamente altri ereader..ma Amazon mi ha convinta per praticità, comodità e affidabilità anche nel post vendita e non me ne pento. L'Unlimited crea un iniziale momento di esaltazione, perchè apre possibilità infinite...col passare dei giorni però passa la smania e torna ad essere quella magnifica possibilità che è: una biblioteca bellissima.

      Elimina
  9. Il Kindle lo uso da quasi due anni. Me lo regalò il mio compagno a Natale 2012 e non c'è stato giorno in cui mi sia pentita di aver ceduto al suo fascino.
    Il libro cartaceo è ancora il top per me. Ma spesso pesa e fatico a portarmelo dietro. E soprattutto, qui nella casa nuova di spazio per i libri non ne ho. Ed io che sono una lettrice accanita non posso di certo privarmi di questo piacere. Quindi io dico si al kindle che non vuol dire abbandonare totalmente il cartaceo, ma solo affiancarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. Opporre due cose che sono in realtà complementari è un errore. Sinceramente, non ho ancora incotrato qualcuno che ha preso il Kindle e se n'è pentito :)

      Elimina
  10. Perfettamente d'accordo con te! Anche io posseggo un ebook reader da un paio di anni (regalo del mio fidanzato ipertecnologico) ma ancora ho il mio bel cartaceo sempre sul comodino ;)
    E' stato un piacere leggerti!
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio: è bello scoprire come questa complementarità sia condivisa;)

      Elimina
  11. Io penso di prenderne uno più avanti, avendo un certo sconto alle librerie giunti, però sono fortemente indecisa tra il paperwhite e quello base.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non è un problema di prezzo, tifo Paperwhite. Ma anche quello base è più che onorevole eh...

      Elimina
  12. Io non ho mai avuto pregiudizi verso il kindle nonostante sia una grande amante della carta. Anzi, penso proprio che un giorno me lo regalerò!

    RispondiElimina
  13. ....ammetto che hai eliminato i miei preconcetti. Totalmente. Non correrò a comprarlo perchè ora come ora non mi serve, ma se un giorno lo riterrò una buona scelta non mi farò problemi. Mi piace l'idea dell'abbonamento e quella dello spazio. Mi piace soprattutto la spiegazione per cui libri e dispositivi elettronici sono due dimensioni parallele che hanno vita propria. Last but not least, mi piacciono le immagini del post! Una migliore dell'altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un mondo di gif/disegni/foto se googli ebook vs libro...evidentemente è un tema sentito;)

      Elimina
  14. Ho un Kindle e lo trovo comodissimo, utile per risparmiare spazio in casa (e in valigia) e per risparmiare un po' nell'acquisto di libri però, personalmente, faccio molta più fatica a leggere utilizzando il Kindle che il libro: il libro ce l'ho sempre tra le mani mentre con Kindle è come se il gesto del leggere non mi venissi spontaneo, devo quasi sforzarmi di leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gesto di girare la pagina manca un po' anche a me. Però quando sono a letto a leggere un tomo da 800 pagine e ho in mano solo pochi grammi, mi consolo...:D

      Elimina
  15. Io invece non ho il kindle e stranamente è un oggetto tecnologico che non mi attira. Non so, avendo l'ipad che ha molte più funzioni, lo reputo un oggetto per me superfluo.
    Casomai trovassi del tempo libero (forse in un altro sistema solare :-) ) per leggere un libro, so che con un'app l'ipad si trasforma in una specie di kindle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ho preso l'Ipad mi dissi che potevo evitare il Kindle. In realtà no. Sebbene l'App funzioni bene, l'Ipad è molto più grande e pesante e io proferisco il Kindle :)

      Elimina
  16. Io ho un semplice ebook reader, non si collega ad internet, è senza touchscreen e quant'altro ma da quando ho moltiplica a livello esponenziale la quantità di libri che leggo perché con il cartaceo, che adoro e condivido la tua opinione, riesco a leggerne massimo un paio al mese, con il reader invece, sempre a seconda del genere scelto al momento, sono riuscita anche a leggerne sette o otto, li divoro letteralmente perché ce l'ho sempre con me, vado allo posta e leggo, sono dal mio ragazzo e leggo, sto in fila dal dottore e leggo, cavoli anche quando sono in bagno ce l'ho sempre con me ahahah.
    Inoltre come hai detto anche tu, quando si è lettori seriali e si accumulano libri, arrivi ad un certo punto che o esci di casa tu o elimini i libri, ma visto e considerato che i libri non si possono buttare ma al massimo regalare, comprare un reader e leggere ebook è la soluzione più pratica ed in alcuni casi anche più economica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che sia "semplice" non vuol dire che non sia efficace, come dimostri tu :)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero