Anche questo non è poco

Qualche tempo fa impazzava su Facebook un tag sui 10 libri preferiti. Ho partecipato anche io, ovviamente, ma ho soprattutto letto curiosa i 10 preferiti degli altri: un libro si ripeteva spesso, che non avevo mai letto. 

E' così che ho letto "A un cerbiatto somiglia il mio amore"  di David Grossman. Ed ho capito perchè in tanti l'hanno inserito.




E' un libro difficile, per molti  punti di vista. 

Lo stile è complicato: il discorso indiretto non è mai indicato, i salti temporali sono improvvisi e continui, resteranno zone d'ombra volute e verrete catapultate immediatamente al centro della storia. Persino la voce narrante cambia improvvisamente senza nessun preavviso, spiazzandovi. C'è stato per me un unico modo di leggere questo libro: entrandoci dentro fino ai capelli, totalmente. Non potevo avere spazio per altri pensieri mente leggevo, pena l'essere cacciata via dal mondo in cui stavo tentando di entrare e non ritrovarmici più. Mi ha richiesto un'attenzione totalizzante.  

Non c'è nessuna introduzione, nessuna descrizione iniziale, nessun modo di conoscere i personaggi, nessun contesto generale dato a rendere più agevole la lettura: strapperete a fatica le informazioni, rigo dopo rigo, e conoscerete i personaggi mentre la storia è già in corso.

Non potrete scegliere a priori chi vi piace e chi no: dovrete viverli, e provare a capirli, con tutta la fatica che questo comporterà.

E' un libro difficile: mica solo per lo stile. C'è una tensione profonda, che non vi abbandona mai: nemmeno quando certi nodi - che vi sembravano gordiani- vengono sciolti. Perchè subito ne nasce una nuova, ancora più dolorosa e urgente da affrontare. 

E pure, è un libro che mi ha fatto sorridere, e molto, ed è forse il più sottolineato del mio Kindle (no, non ho dimenticato il post dedicato...). E' pieno di dolore e di speranza. Di rimorsi e soddisfazioni. Di conferme e dubbi. 

E' pieno, più di ogni cosa, di amore.  



p.s. il finale, dopo il finale, mi ha commossa. Non posso dire altro senza rovinare la lettura per chi non l'ha fatto ancora, ma per quelle che l'hanno giá letto: voi dite che a Ofer succederà lo stesso che a Uri? Io ho fortemente, tassativamente deciso di no. Ma la testa dice di sì.
 

16 commenti:

  1. Subito tra i libri da leggere! Di questo autore tra l'altro vorrei leggere anche "Qualcuno con cui correre" e "Che tu sia per me il coltello"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho "Che tu sia per me il coltello" ma non è ancora arrivato il "suo" momento... Però mi sa che arriverà a breve :)

      Elimina
  2. curiosissima *_* a me piacciono quei libri un po' complicati, quasi quasi... lo prendo subito!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Posso dire che mi mette sempre un po' d'ansia quando mi dite queste cose? Poi vivo nella paura che non vi piaccia!

      Elimina
  3. Mmmm.. mi incuriosisce!
    (per quanto riguarda il gioco dei 10 libri io mi sono annotata diversi titoli dati da Roberto Saviano su fb;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli di Saviano li intravidi...ma poi la mia bacheca fu invasa da non mi ricordo quale lancio cosmetico e me li sono persi :D

      Elimina
  4. Ok devo leggerlo.. A me piace non capire nulla fino all'ultimo..essere spiazzati è intrigante..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti avverto: è un finale aperto e potenzialmente doloroso....

      Elimina
  5. Non avrei saputo parlarne meglio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 <3 tu sei una di quelle che lo citò all'epoca, per cui grazie per averlo fatto!

      Elimina
  6. Che tu sia per me il coltello e questo libro sono i ricordi di un periodo molto tormentato della mia vita, i simboli, perché letture condivise, di un amore impossibile. Libri non banali, ricordi indelebili. Questo libro in particolare mi aveva talmente coinvolto e fatto male per la dose di dolore latente in ogni parola che non l'ho mai terminato. Forse oggi può essere un buon momento per riprenderlo. Kiki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kiki, grazie per aver condiviso questo tuo ricordo con noi. Commenti come il tuo sono il motivo per cui questo blog lascia accesso agli "anonimi" :)

      Elimina
  7. Ora mi toccherà leggerlo devo sapere come finisce!! Poi se c'è Amore sicuramente fa per me!!

    un baciotto
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo ripeto eh...c'è anche tanta trsitezza.

      Elimina
  8. Ennesimo input alla lettura di Grossman che ancora mi manca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensando ai libri di cui hai parlato e che ti piacciono, azzardo a dire che l'amerai :)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero