La ragazza di fuoco...di paglia.

La settimana scorsa abbiamo parlato del primo film della saga degli Hunger Games. E vi avevo già accennato che, proprio dopo aver visto il film, ho letto l'intera trilogia.   


Mi aspettavo una buona fedeltà al libro, onestamente. Molto spesso capita che davvero le differenze siano poche. A differenza del film, che è raccontato da una prospettiva più esterna, il libro è tutto scritto dal punto di vista di Katniss. Che però è abbastanza diversa, soprattutto nel secondo e terzo. 

Come sempre cerco di di non spoilerare nulla, ma davvero: tanto era interessante come personaggio nel primo film tanto è gatta morta, eternamente indecisa, incapace di decisioni autonome e coerenti nei libri, soprattutto i successivi. 

La ragazza di fuoco mi è sembrata una specie di pupattola, in balia degli eventi e delle decisioni altrui. Perchè gli altri- buoni o cattivi che siano-  hanno un carattere e una personalità definita, eccome. Gli altri, tutti, hanno idee proprie, decidono che reazione avere, da che parte stare e fanno le loro scelte. Lei no. A lei le cose capitano e continuano a capitare. Sembra perennemente una che è stata appena catapultata in un mondo nuovo, appena risvegliata da un sonno eterno. Una debole che passa il tempo a preoccuparsi- apparentemente- per tutti senza mai fare niente- in prima persona- per loro. 

Una il cui unico merito è essere così malleabile, così neutra, così priva di caratteristiche proprie vere da poter essere, con pari successo, usata come simbolo dal Regime e dai Rivoluzionari. Un bel contenitore, che sa lanciare frecce e con un bel visino, da riempire a piacere con i contenuti che si preferisce. 

Fino all'ultima pagina ho sperato in un guizzo finale, in un momento in cui finalmente decidesse da sola, capisse le cose senza nessuno che la imbeccasse sibillinamente, un momento in cui fosse, finalmente, autonoma e indipendente, davvero.  Niente.

Sarà pure di fuoco questa ragazza, ma è un fuoco di paglia. 




p.s. sì, ho preso un Kindle. Lo volete un post in cui apriamo la diatriba eterna libri veri/ digitali?? :D  



15 commenti:

  1. Io ho i libri ma non mi decido mai a leggerli. E veramente questa recensione non mi incoraggia molto. XD

    P.S. Sarei curiosa di sapere qualcosa sul Kindle, io avrei la possibilità di prenderlo con un forte sconto con i punti accumulati alle librerie Giunti ma non riesco a decidere quale scegliere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm..in effetti non è esattamente un post a favore..però si fanno leggere facilmente e con piacere eh..

      Io ne ho due: un vecchissimo modello e l'ultimo il Paperwhite. Il vecchissimo modello non bastò a farmi passare al digitale, questo sì...(poi arriva post eh)

      Elimina
  2. Non ho mai letto i libri perchè non ho voglia di piangere (e già con i film inizio a piangere al primo minuto, con i libri non mi va di farlo), ma dai film Katniss sembrava davvero una con le palle. Tanto da aver pensato: finalmente una protagonista donna interessante. E invece mi dici che non è così? Allora complimenti al regista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho percepita come moooolto diversa tra libro e film. E in effetti sì, il film mi piace molto di più dei libri, sotto tutti gli aspetti eccetto la scelta di Peeta (l'attore per me è affascinante come una patata lessa)

      Elimina
    2. E' carino eh, però sembra proprio il ragazzo della porta accanto, un ragazzo semplice e non bello impossibile. Il che probabilmente ci sta con la storia, ma nei film fanno diventare strafigo anche Topo Gigio, per cui ci si aspettava di meglio.

      Elimina
    3. Va bene non essere bello e impossibile, non era il suo personaggio. Ma a me lui piace molto, durante tutte e tre i libri, e quindi, nonostante avessi visto il primo film, ho preso a figurarmelo molto più affascinante e interessante dell'attore che lo impersona. Per cui sì, che diamine, un po' di strafigaggine in più male non avrebbe fatto! :D

      Elimina
    4. Concordo... Peta è una pagnotta! In tutti i sensi -__-"

      Elimina
  3. Quoto per la diatriba libri veri o digitali! Questi libri mi stanno aspettando, ma dopo questa stroncatura ho ancora meno voglia di leggerli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriva la diatriba, promesso:)

      Come detto anche a Ery, i libri si leggono con piacere. E' Katniss che è odiosa (per me):D

      Elimina
  4. Peccato perché nel film appare tutta un'altra ragazza, forte, determinata :/
    PS: mentre leggevo il tuo post la mia mini pupattola (leggasi gattina di tre mesi ) stava allegramente ciampettando la coda del tuo Fru Fru!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *_* la puppattola che gioca con Frufru!!!<3 <3 <3

      Elimina
  5. Non c'è dubbio, sui libri la pensiamo diversamente! XD
    Io la diatriba tra libri cartacei/libri digitali non l'ho ancora risolta nemmeno con me stessa!! Le mie due personalità diranno entrambe la loro se dovessi procedere con un post sul tema... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non l'hai trovata una insopportabile gattamortaimmobilistaoddiononsochiamo/sceloquellochesopravvive??? :D

      Ma sai che sarebbe un post bellissimo quello tra le due te????

      Elimina
  6. La differenza tra il primo e gli altri due libri, per quanto riguarda il personaggio di Katniss, è notevole e, per un certo verso, la vedo come te, ma non in senso così negativo.
    Alla fine si tratta pur sempre di una ragazzina (sarà che l'immagine della Lawrence inganna un po'), che ha visto tanta sofferenza, è cresciuta troppo in fretta per sostituirsi ad una madre assente e poi è stata catapultata in un mondo che le ha fatto sembrare la sua vita precedente una fiaba Disney! Il trauma che ha subito è, secondo me, incomprensibile e devastante. Sì, sarebbe stato "più bello" se lei fosse stata una con gli attributi, carismatica, decisa ecc ecc, ma io ho trovato che la sua forza stesse proprio nella confusione, nell'indecisione, nell'umanità ed imperfezione di questa ragazza, che sì, si fa trascinare, ma che comunque sceglie sempre di stare dalla parte del bene (o "del meno male").
    E tutto questo si riassume in un finale per nulla lieto, ma anzi piuttosto triste, nonostante tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse, e dico forse, se non avessi prima visto il film avrei potuto condividere il tuo punto di vista. Ma il primo film, e il primo libro, hanno costruito una Katniss "cazzuta" che poi mi è molto mancata nella continuazione....

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero