TAG: About Books

Dato che le vacanze appena concluse sono state, come sempre, all'insegna della lettura, questo tag mi sembra più che adatto per questa settimana di ripresa. 



E' uno di quei tag in cui mi sarei auto-taggata...per fortuna e per mio piacere però, ci ha pensato Miki a farlo. Grazie mille cara: so che in questi giorni sarai indaffarata in faccende molto più allegre, goditele (e saluta chi è tornato). Quindi, mentre Miki si gode altre cose, a voi vi toccano le mie risposte...la vita è ingiusta, lo so:)  


1) Come scegli i libri da leggere?

Se non mi sono consigliati da qualcuno, allora per puro istinto: la copertina, il titolo, un piccolo dettaglio. Però devono sempre superare la prova "incipit". Se il primo periodo non mi piace, li lascio lì senza rimorsi.

2) Dove compri i libri?

Soprattutto su Amazon (anche i tradizionali, hanno una splendida scleta di libri in lingua originale) e alla Feltrinelli. Ma posso prenderli in edicola, al supermercato, su una bancarella. Ovunque. 

3) Aspetti di finire un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?

Ho sempre una scorta notevole. Il punto è che bisogna essere nel giusto momento per leggere un libro. E quindi è bene avere una certa scelta, perchè l'incontro sia davvero felice. 

4) Di solito quando leggi?

D'inverno, a letto di sera. Ma i miei picchi sono d'estate, quando le mie giornate sono dedicate interamente alla lettura. Il paradiso.

5) Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?

Sì e no. Tendenzialmente un libro di molte pagine mi piace di più: se è un buon libro, mi farà compagnia a lungo. Ma a volte ci sono storie perfette nelle loro 50 pagine, che sarebbero rovinate anche da una sola parola in più. 

6) Genere preferito?

Romanzi. Le belle saghe familiari che ti trascinano nel tempo. Cent'anni di solitudine, I Buddenbrook, I Vicerè...capolavori così. 

7) Hai un autore preferito?

Più di uno. Cito Marquez, Saramago e Coe (sebbene il suo ultimo mi abbia delusa).  

8) Quando è iniziata la tua passione per la lettura?

Da sempre. Non ricordo di aver mai "scoperto" la lettura. E' un piacere che è sempre stato nella mia vita: come dormire o mangiare. Una parte essenziale della mia vita.


9) Presti libri?

Manco morta. Se un libro che ho ti interessa e mi sei amica, te lo regalo. Altrimenti fischietto indifferente. Su esplicita richiesta, dichiaro pubblicamente la mia incapacità a prestare un libro. Ho diritto a un tot di comportamenti non perfetti (intendo, di quelli di cui sono consapevole) e questo è decisamente uno di quelli che non ho intenzione di modificare. 

10) Un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?

Uno per genere. Posso leggerne uno di poesia, un romanzo e un saggio. Ma due romanzi allo stesso tempo no, mi sarebbe impossibile.
 
11) I tuoi amici/famigliari leggono?


Sì, è una "malattia" di famiglia. Non a caso, ad ogni trasloco le prime cose ed essere state sistemate sono state la cucina e la libreria... come dire, l'essenziale per sopravvivere.   

12) Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?


Sempre troppo poco. Io divoro i libri, leggo velocissimamente perchè sono presa dalla storia, dagli eventi. Il risultato è che dopo pochi mesi ricordo solo se mi è piaciuto o no, e poco altro. Mister Hermoso invece è un lettore lento: dopo anni, ricorda ancora la frase perfetta. Lo stupore verso i nostri modi di leggere è reciproco.


13) Quando vedi una persona che legge (ad esempio sui mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?

Sempre! Anche sfacciatamente, se è il caso. Così ho letto libri che mi sono piaciuti ed è un metodo che consiglio (no, quella volta non mi sono appollaiata sulla sua spalla tutto il tempo. L'ho comprato appena arrivata dal viaggio in bus che avevo condiviso con quello sconosciuto dalle buone letture. E il libro era 54 di Wu Ming)  

14) Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno solo, quale sarebbe?

E' un ipotesi tremenda, che non riesco davvero a concettualizzare. Vado nel panico al solo provarci.

16) Leggi libri in prestito (da amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?    


Ho letto in prestito dalla biblioteca solo quando vivevo in Spagna: lì avevo a disposizione delle biblioteche splendidamente rifornite, con le ultimissime novità. Qui ci ho provato: il libro più recente era del 1940. Anche no.          

17) Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?

Anna Karenina. Ma so che è un incontro che prima o poi avrà il suo lieto fine.

18) Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina e cosa ti attrae della copertina di un libro?

Ovviamente sì. E altrettanto ovviamente mi attraggono tutte le cose che le regole del buon marketing consigliano: colori vivaci, edizioni un po' vintage, grafica particolare. Odio invece le fascette che urlano "IL CASO LETTERARIO DELL'ANNO" e riportano la critica di tizio/caio. E odio quando rovinano una bella copertina con il prezzo: prendete queste edizioni Sellerio di Camilleri. Gli rifate il look, con una grafica decisamente carina e STAMPATE il prezzo in prima? Ma porca paletta....

  

19) C'è una casa editrice che ami particolarmente e perché?


Amavo Feltrinelli, un tempo. Ma da quando hanno iniziato a vendere anche posate per l'insalata nei loro negozi, non più. Mi restano Marcos y Marcos  (che ha un sito tanto brutto quanto edizioni tanto belle. E autori interessanti) e le E/O  (ma le edizioni vecchie erano moooolto più belle, graficamente). 

20) Porti i libri dappertutto (in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni al sicuro dentro casa?

Porto i libri ovunque: li rovino, li sottolineo, spacco la rilegatura. Li vivo. Per ora il Kindle invece resta a casa. Ma solo perchè ci ho caricato ancora poche cose:)    

21) Qual è il libro che ti hanno regalato che hai gradito maggiormente?

Credo "Tokyo Blues, Norwegian Wood", di cui vi dissi qui. E' un libro a cui devo molto, per un mucchio di  motivi.

22) Come scegli un libro da regalare?

Secondo la persona a cui devo fare il regalo. Ma se ha gusti troppo diversi dai miei, allora scelgo un regalo diverso. Per capirci: se legge Moccia, non sarò io a regalarglielo. 

23) La tua libreria è ordinata secondo un criterio o tieni i libri in ordine sparso?

Tasto dolentissimo! L'ideale sarebbe una libreria per autore, con sottosezioni per genere e lingua. Ma è una soluzione praticabile solo con un fondo chiuso a cui non sono previste aggiunte. Dopo lunghe discussioni siamo giunti alla conclusione- che attueremo a breve, tremo alla sola idea- che l'unica maniera per sopravvivere alla quantità di libri che acquistiamo io e Mister Hermoso è una sistemazione per autore, senza alcuna altra distinzione. I libri nuovi andranno in una libreria a parte e, di anno in anno, risistemati al loro posto "alfabetico".  Lo so, esiste il Kindle. Ma non è lo stesso (e no, non sono ammesse discussioni sull'argomento. Sono cose complementari).

24) Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?

Dipende: di solito se sono a piè di pagina le sbircio almeno. Se sono in appendice le salto allegramente, tranne quando proprio il senso mi resterebbe oscuro altrimenti. 

25) Leggi eventuali introduzioni, prefazioni e postfazioni dei libri o le salti?     

Che siano introduzioni o postafazioni o note finali le leggo sempre e solo alla fine. Troppe volte il gusto della lettura mi è stato rovinato da scribacchini incapaci che credono che commentare un libro sia farne il riassunto.Roba da picchiarli con tutta la trilogia delle sfumature (che no, non ho letto. E no, non leggerò).

Vi lascio con un'immagine di me, tra circa 40 anni e vi taggo tutte: non c'è nessuna delle vostre letture di cui non sia morbosamente curiosa.




 

20 commenti:

  1. mi è piaciuto davvero molto questo post :)

    www.nonsidicepiacere.it

    RispondiElimina
  2. Su 25 domande risponderei come hai fatto tu più o meno in 22 casi!! Wow!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, ma siamo gemelle separate alla nascita?? Abbracciami, sorella di letture virtuale!

      Elimina
  3. Io il tag l'ho già faaaatto. E commeeeeento per dire che la 12: OH quanto ti capisco! "Ma com'è sto libro?" "eh, bello" "sì ma di cosa parla?" "eh... Bello"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 <3 che bello scoprire di non essere sola!

      Elimina
  4. Anna Karenina..lo rimando da secoli,ha qualcosa di attraente,ma anche di respingente!
    Bel post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so che la incontrerò e non affretto i tempi: bisogna che sia il momento giusto, altrimenti potrei rovinarmi un incontro potenzialmente felice ;)

      Elimina
  5. Ma che bello questo tag e come sono sono in sintonia con molte delle tue risposte!lo farò prestissimo anche io :-)

    RispondiElimina
  6. Questo tag è meraviglioso e ti calza a pennello, forse addirittura più di quello sui rossetti XD
    Mia madre ha iniziato ad insegnarmi a leggere prima della prima elementare..ogni sera mi leggeva il libro e poi tentava di fare leggere me. I libri non mi sono mai mancati, c'era sempre qualche libro sotto l'albero di natale. Fino alle medie sono andata in biblioteca, dove per fortuna nella sezione ragazzi c'erano molti libri nuovi e in più era possibile ordinarli dalle altre biblioteche della zona tramite il prestito interbibliotecario (i libri venivano portati da una biblioteca all'altra, non c'era bisogno di andare a destra e a manca)..questo prestito comunitario gestito via computer è una delle cose che ricordo con più entusiasmo di quel periodo.
    Vado ogni tanto su amazon..mi piace che i libri costino meno e che ci siano tutti ma proprio tutti. Eppure non ho mai comprato e, alla fine, penso non lo farò. Mi piace girare per le librerie, essere attratta da mille copertine diverse, toccarle, studiarle. Aprire il libro e guardare come è impostato all'interno..vederne la lunghezza (i mattoni rimarranno sempre i miei preferiti..già li finisco troppo in fretta, se sono corti poi ciao..)..sentire l'odore di libro nuovo. Lo schermo di un computer non mi potrà mai dare niente di tutto questo. In più ho notato che anche se mi interessano guardandoli dal sito non mi convincono mai a fondo, solo dal vivo mi dirigo beata col libro sotto il braccio verso la cassa. Per questi motivi acquisto e acquisterò solo in libreria..perchè se mi piace così tanto andarci è giusto che dia il mio contributo per farle sopravvivere ;)
    Il kindle e aggeggi vari non mi piacciono sai? Li trovo freddi e impersonali. A moltissime persone piacciono perchè sono comodissimi e i libri costano meno etc..però il tenere in mano il libro, sentire la conistenza delle pagine. Anche il solo fatto di averli esposti, di riguardarli dopo anni e di notare quelli belli puliti e quelli più vissuti, perchè magari gli è toccato il "periodo spiaggia". Lo so non sono molto moderna, è che ad ogni lettura "rubiamo qualcosa al libro e lui lo ruba a noi"..non so spiegare..come uno scambio d'anime diciamo. Passo e chiudo con questo commento infinitamente lungo, se ti sei addormentata ti riassumo in breve: sono antica e sentimentale (e la sintesi non è il mio forte) XDXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella la scena di te e tua madre <3

      Io amo le librerie, moltissimo. Riesco ad amarle ancora oggi, quando alla cassa trovo gomme da masticare, posate per l'insalata e altre follie simili. Ma Amazon per me è diventata una scelta obbligata per i linbri in lingua straniera: trovare una minima scelta di libri in spagnolo da me è impossibile (e non è che nella capitale vada tanto meglio...). So anche che il cartaceo ha un fascino tutto diverso e ti capisco. Ma ahimè non ho una casa abbastanza capiente e io e Mister Hermoso siamo due lettori "forti". Avrà meno fascino (ma non credere che il fatto di avere un dizionario a portata di dito senza alzarsi o di ritrovare subito le parti che hai sottolineato ne sia privo) ma ha assolutamente senso. Ovviamente, qualche cartaceo lo comprerò ancora:) Ehm..scusa pippone: buongiorno!

      Elimina
  7. sbirciare i titoli dei libri sui mezzi pubblici è d'obbligo :) un modo rapido per cercare nuovi spunti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Credo sia un modo di condividere venuto molto prima dei social;)

      Elimina
  8. Mamma mia questo tag e' favoloso, oddiooooo!!!
    Ora mi apro un blog solo per rispondere, posso *_*???
    O magari ti arrivera' una mail, chissa'...XD
    Comunque, tra le tante, visto che e' l'ultima te lo dico: alla domanda 25 la pensiamo allo stesso modo! Evito come la peste anche solo di farci cadere un occhio a quelle cavolo di prefazioni che ti svelano il finale alla seconda riga, o i punti salienti alla quarta! Se ne riparla quando ho finito di leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tu apra un blog o scriva una mail, mi raccomando: fammi sapere!! E non potrei essere più d'accordo con te sulla 25:)

      Elimina
  9. Oddeo!!! Questo tag è semplicemente bellissimo. Probabilmente mi auto taggherò e chissenefrega perché devo-farlo-assolutamente. Anche io vorrei una libreria perfetta, immensa, dove catalogare tutto quanto (pensa che io mi son pure fatta un file excel dove ho catalogato tutti i libri che abbiamo in casa. E anche io ho dei seri problemi a prestare libri essenzialmente perché la maggioranza della gente li tiene male (male per le mie concezioni malate per cui librio=reliquia/reperto archeologico preziosissimo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei già stata taggata! Da me, alla fine del post:)

      (io volevo fare un database in Acces, poi ho desisitito. Per ora)

      Elimina
  10. -___-" ok che ero impegnata in faccende piacevoli, ma cavolo!, questo me lo sono proprio persa per strada!!!
    La 9)... Eh, dovrei prendere esempio prima o poi, invece ci ricasco sempre e puntualmente me ne pento.
    La 12)... Siamo uguali da questo punto di vista. Ma sai qual è la cosa bella? Riprendere un libro che mi è piaciuto tanto dopo un po' di tempo e riscoprirne i dettagli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, meglio tardi che mai no? Ancora grazie per avermi taggata:)

      Sulla 12...sai che forse è anche per questo che io sono una che rilegge spesso??

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero