Come diventare la ragazza di fuoco (senza passare per gli Hunger Games)

Abbiamo convenuto abbastanza sul fatto che Settembre è il vero capodanno. E quando inzia l'anno siamo sempre prese da sacri furori di miglioramenti e novità. E, non so voi, ma per me questo passa spesso anche per i capelli. A maggior ragione dopo l'estate e gli inevitabili strapazzi a cui sono stati sottoposti. A maggiorissima ragione se l'ultima volta che sei stata dal parrucchiere ne sei uscita tra il convinto e l'entusiasta e ancora non avevi ancora deciso da quale lato pendesse la bilancia. 

Insomma, quando da casa Davines mi è stato proposta una coccola da rientro per provare il loro Flamboyage non ho avuto nemmeno un picosecondo di esitazione nel dire sì, entusiasta. E sabato scorso, mente fuori pioveva, mi sono concessa la mia coccola (e infatti vi ho tempestato ovunque di foto, qui trovate il riassunto di Google+Stories).

Dice "vabbè, ti sei fatta un colore, che sarà mai". Tzè. Il Flamboyage è una tecnica esclusiva, creata da Angelo Seminara, il direttore artistico di Davines. Loro la definiscono così: 

"un rivoluzionario servizio colore, che mette in risalto le sfumature naturali anziché coprirle, creando ricchissime trame di riflessi per tutta la lunghezza dei capelli.  La Flamboyage® Meche seleziona una quantità casuale di capelli, minimizzando in questo modo anche gli effetti della ricrescita."

Mumble rumble...vediamo un po'. Io ho avuto la possibilità di toccare con mano (e sentire con la mia testa). Tra l'altro il Salone in cui sono andata - non tutti hanno questo servizio, se cercate nel loro store locator dovete filtrare per Flamboyage, appunto- è il mio parrucchiere storico. Non quello che mi ha fatto aspettare 40 minuti etc, che avevo scelto per mera comodità logistica- ma quello che 15 e passa anni fa accettò di tingermi color magenta [momento vanità on: io lo facevo già allora, quello che oggi è moda. momento vanità off], con un risultato strepitoso. Uno di cui mi fido, senza esitazioni. 




Passato il momento carramba, ci siamo messi subito in azione. Io, influenzata dai colori Pantone per questa fine 2014 e dal caschetto della collezione Woodland volevo un color sangria che fosse allo stesso tempo naturale ma visibile. Quotidiano ma non banale. Scuro, ma luminoso. Ho chiesto poco eh?  

Alessandro non ha fatto un plissè e siamo partiti con il Flamboyage vero e proprio: una volta applicate le strisce, partendo non dalla base, ha lasciato che i capelli aderissero molto naturalmente. Ecco spiegato perchè l'effetto ricrescita è scongiurato. 





Non ho avvertito nemmeno lontanamente alcun bruciore e pizzicore- tipico di certe tinture. Però, confesso, ho pensato: oddio, sai che dolore quando devono levarle. Sarà tipo ceretta. In realtà, vengono lavate al risciaquo e l'acqua fà si che la striscia si stacchi da sola, senza dolore. E questo riduce anche lo stress per i capelli e i i traumi meccanici , tipici della rimozione.

Qui, un piccolo intoppo: ricordate il mio Indigo di mesi e mesi fa? Alla domanda se avessi i capelli tinti io ho risposto di no, senza farne cenno. Non si sa come, invece, ne avevo ancora traccia nel fusto del capello. Insomma, una piccola tonalità di verde/blu ogni tanto faceva capolino dalla mia testa. Di nuovo, Alessandro non ha fatto un plissè. Addirittura in fondo ci fa fatto gioco, visto il colore finale scelto. Ma se voi decidete di provare questo trattamento, ricordate di raccontare vita, morte e miracoli dei vostri capelli, anche quello che vi pare inutile. 

A questo punto è arrivato il Violet della linea Pure Colour a dare intensità e tonalizzare il mio Flamboyage (sì, fatemi fare la profescional ogni tanto). Un prodotto senza ammoniaca, anzi, dal profumo splendido. Anche stavolta, nemmeno un pico secondo di fastidio, bruciore etc.  

Lo strepitoso colore finale- stavolta so benissimo da che lato pende la bilancia, non so se si nota,  per cui devo dire grazie a Davines e al Salone Hair&Hair e alla maestria di Alessandro, è questo





Ma non fidatevi della foto- e non fatevi distrarre dal mio naso. L'effetto finale è semplicemente impossibile da catturare dalle mie limitate capacità fotografiche, come da collage qui sotto (in alto il prima e il dopo. In basso, tentativi vari di foto) . 




Ho un colore camaleontico, che gioca con i riflessi della luce in mille modi diversi. Ci sono momenti in cui in fondo sembro uguale a prima, altre volte sono castana per poi ritrovarmi rossiccia o, ancora, violetta. Un gioco di riflessi e luci che non smette mai, presente ma discreto. Una di quelle cose che obbliga chi ti guarda a riguardarti almeno una seconda volta, e ancora non avrà capito bene. Il tutto senza sembrare nemmeno un pelino artefatta o finta. Semplicemente bellissimo. 

Sono la "ragazza di fuoco", e non ho patito gli Hunger Games per diventarlo.

Anzi, non ho patito per niente. Perchè la cosa forse più bella,  e interessante, è che anche dopo aver subito tutti questi trattamenti i miei capelli non sono per nulla sciupati. Anzi. Uscita dal parrucchiere non facevo altro che toccarmeli e ritoccarmeli perchè era come se fossero seta mista a velluto (e no, non mi ha messo alcun prodotto fissante alla fine, per lasciare il movimento libero).  Vedremo la resa nel tempo, ma se tanto mi dà tanto...

La prova provata che un colore che protegge e illumina senza rovinare, naturale ma visibile, scuro ma luminoso esiste. 

Si chiama Flamboyage e l'hanno inventata quei geni della Davines.



 



Disclaimer: Ringrazio l'azienda per questa opportunità. Nessuna condizione è stata posta e la recensione rispecchia il mio reale giudizio.

20 commenti:

  1. Wow che colore particolare^_^Dal vivo deve essere favoloso!

    RispondiElimina
  2. Guarda, e' davvero spettacolare, e per dirlo io che amo i capelli naturali..! Poi a te sta' benissimo, sei una figa! Mai visto un risultato cosi' in giro, e' una tecnica bellissima. E devo dire che evitando il problema ricrescita, la cosa diviene allettante elevando alla millemila :P! E poi mi piace che non sia su tutti i capelli, ma faccia proprio effetto riflesso. Hanno fatto proprio centro, si capisce che approvo XD??
    E riguardo il tuo naso: ascolta una tua compagnuccia ben dotata, e vanne fiera perche' e' l'espressione esteriore della tuo super carattere interiore ;)!! Io ormai lo apprezzo proprio per questo :D! E devo dire che tra gli ometti ha il suo successo, sai ;)??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tyta, anche io erano anni che non facevo colori...ma ha conquistato anche me!

      Del mio naso vado fiera. E' quello che è, ma è mio :)

      Elimina
  3. Sono veramente felice che tu questa volta sia uscita felice! Vai sempre da loro..anche se è un po' più lontano..io faccio così da molti anni ormai;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, sono davveor felice anche io. Del risultato e di aver ritrovato un Salone in cui andare senza problemi!

      Elimina
  4. Colore spettacolare!!!! *____*

    RispondiElimina
  5. Oddio ma che figataaaaaaaaaaa *_* Sono bellissimi!! E lucidissimiiiiiiii <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno conquistato una luce strepitosa, e onestamente non avrei mai creduto.

      Elimina
  6. Che luminosità! Che riflessi! Mi piace anche la piega liscia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhh..la piega così bella non saprò mai farla. Ma oggi li ho lavati e mi pare siano più disciplinati:)

      Elimina
  7. Il risultato è incredibilmente bello, sono davvero luminosi e adoro anche la piega, ti sta d'incanto! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che è davvero bello uscire dal parrucchiere pienamente soddisfatte. E stavolta è stato proprio così :) (grazie mille!!)

      Elimina
  8. Penso che tu abbia avuto un risultato stupefacente. Bello bello! E' davvero una tecnica differente e innovativa. Mi piace molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai una delle cose più belle? E' che è un colore vivo: interagisce con la luce ed è in costante cambiamento:)

      Elimina
  9. questo effetto è uno spettacolo, davvero!!! *.* e i tuoi capelli sono meravigliosi, così setosi... viene voglia di accarezzarli!!! ^.^

    e per quanto riguarda il naso, mica è così grosso!!! fidati!!! pensa che qualche giorno fa ero in giro con mia zia... zia che adoro... lei è bellissima, indipendente, magra, alta e soprattutto molto intelligente, saggia, matura... insomma, secondo me è perfetta... non ci somigliamo molto fisicamente... tranne forse per la forma degli occhi e per il naso, dato che abbiamo entrambe una gobbetta abbastanza (anzi molto!! XD) pronunciata... insomma stavamo passeggiando insieme quando mia zia incontra una sua conoscente... ci fermiamo a parlare un po' e mia zia ovviamente fa le "dovute" presentazioni... insomma, questa tizia fa: "bè dai, un po' vi somigliate, il naso è quello"... -.-" no dico... ti sembra una cosa carina da dire? la gente (quella stupida, le altre persone no) nota sempre le imperfezioni degli altri e non le proprie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a distanza di settimane, continua a piacermi e ad essere così squisitamente indefinibile e presente :)

      Della conoscente nemmeno mi interesso, ma fatti dire che è bellissimo leggere quanto è bello il tuo rapporto con tua zia.

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero