Un anello per trovarli...

Per questa settimana, contraddico il classico gioco di citazioni: questo post è una chiara ed evidente allusione a quello di domani ;)

Come da titolo, vi beccate un'ennesimo post sulla trilogia de "Il Signore degli Anelli"



Stiamo parlando della serie cinematografica più premiata di sempre: 17 Oscar e 30 nomination. E stiamo parlando della creazione visiva di un universo che ha segnato un preciso prima e dopo. Sono stati già scritti oceani di parole sul tema per cui non ho la pretesa di raccontare nulla di nuovo. 

Anzi, qualcosa sì: come io ho vissuto questi film e cosa della loro visione ancora oggi è rimasto nella mia vita. E direi che le tracce sono evidenti, anche solo rimanendo al blog... basta pensare che uno dei  miei tag è la Smeagol Attitude e che il titolo dei post haul è "Benvenuti miei tesssori".

Io avevo già letto la trilogia quando il cinema arrivò nelle sale, e ho quindi faticato ad accettare che Gandalf avesse le fattezze di Ian McKellen o che Frodo fosse Elijah Wood.  Lo spaesamento inziale è durato molto poco però: le scelte fatte mi sono piaciute molto ed oggi non posso pensare a un Gandalf diverso.  

E mi sono affezionata agli attori che hanno interpretato quei personaggi, al punto che se sono che sono presenti in un altro film, già sono automaticamente ben predisposta verso quel nuovo titolo. E uno, Aragorn, mi piaceva tantissimo. Diciamo pure che non dispiaceva nemmeno ai miei ormoni.

Su, non mentite: lo so che tra voi ci sono quelle che, come me, sono andare in sollucchero per il personaggio e per la scelta dell'attore. Io a uno che mi guardasse così, difficilmente riuscirei a negare qualcosa e acui facilmente potrei dire che "preferirei dividere una sola ora con te che affrontare tutte le ere di questo mondo da sola"



Il problema è stato quando l'ho visto fuori dal set, questo Viggo Mortensen. E l'ho trovato banaaaaaleeee da morire di noia. Belloccio, ma senza alcun "sapore" ecco. E poi l'ho rivisto in altri film, e di nuovo mi è piaciuto. 

Ho finito con l'apprezzare il suo essere così "normale" fuori dal set: è come se fosse una pagina bianca su cui scrivere un nuovo capitolo ogni volta. Anche se come Aragorn, non ce n'è.

Su, ditemi: sono la sola a cui capitano queste cose??

14 commenti:

  1. Affezionarsi ai personaggi ? agli attori? nuuooo,mai capitato XD
    Tra l'altro sono in trepida attesa del 3o Hobbit ^^

    RispondiElimina
  2. A me piace solo ne Il Signore degli anelli!!! Io mi innamoro da sempre di personaggi di libri, film, serie e quando le storie terminano mi dispiace un po'. Piccola digressione, non ho letto 50 sfumature di grigio, ma credo che la storia sia ben chiara a tutte... Quando ho visto l'attore scelto, son rimasta a bocca aperta.... Per me ha il sex appeal di Topo Gigio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Definizione perfetta anche secondo me. Ma ho letto di molte che lo trovano interessante: a ognuna i suoi gusti. In fondo sono contenta che abbiano scelto "Topo Gigio" per questo film: un attore minimamente più interesasnte mi avrebbe forse fatto capitolare per curiosità verso questo "evento" dal quale mi sono tenuta lontana-volutamente e non per pudore-fin'ora.

      Elimina
  3. Frodoooooo *_* XD ovvero Elijah Wood <3 me ne ero perdutamente e follemente innamorata! E dire che non è un "bello" per definizione, come può esserlo un Brad Pitt...Lui ha anche la "Finestrella " tra i denti XD invece no, a me piaceva, eccome! Però ho visto altri suoi film e mi ha convinto meno, tutt'ora sono convinta che la trilogia di jackson sia stata la sua interpretazione migliore...Per quanto riguarda la Trilogia in sé e tutto ciò che concerne il mondo di Tolkien ti dico solo una cosa per darti un'idea della mia "ammirazione": mi ero scaricata gli "appunti" e le "lezioni" per imparare l'elfico.....XD mwahahahaah. *torna nella sua tana hobbit* :P
    Baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che questo film abbia avuto il grande merito di riuscire a tradurre un universo fantastico in "realtà", cogliendone perfettamente lo spirito e inqualche modo amplificandolo.

      Tu pensa che io un anello con l'incisione lo comprerei. So che esiste in rete, mi trattengo dal googlarlo perchè insomma...Ma prima o poi lo avrò. Assieme al Giratempo.;)

      Elimina
  4. io dico solo una parola: thranduil.
    chi ha visto il mio tumblr capirà <3

    RispondiElimina
  5. Aragorn è molto affascinante e credo che Viggo Mortensen ne dia un'interpretazione molto credibile. Non so se hai avuto modo di vederlo in "Delitto perfetto" con Michael Douglas e Gwyneth Paltrow, lì è ancor più affascinante...era qualche anno fa quindi era più belloccio :D
    Confesso che quando vidi il film la prima volta persi la testa per Elijah Wood, lo trovo tutt'ora un bel ragazzo ma fuori dal contesto di Frodo non mi ha convinto pienamente, devo comunque approfondire, ho visto solo un paio di film con lui oltre alla triologia LOTR. Il problema dei colossal è che spesso gli attori non riescono a scrollarsi il ruolo che li ha resi famosi, a me capita con Emma Watson, non la trovo credibile al di fuori di Harry Potter, trovo anche "divertenti" i suoi tentativi di fare la sexy, non la riesco ad immaginare in ruoli diversi e non è un bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi segno il film, così recupero: grazie!

      Concordo sul fatto che ci sono attori che restano per sempre legati a un "loro" personaggio anche se mi capita di più con le serie TV. Ultimamente ho visto Ross di Friends in un ruolo serio e da cattivo. Ridevo ad ogni scena :D

      ..sai che è proprio bello riaverti in giro? Bentornata <3

      Elimina
  6. Io ai tempi mi innamorai (così come molti ani prima sulla pagina scritta!) dell'elfo Legolas, peccato che Orlando Bloom sia un attore di un'inespressività quasi totale -.-.
    Una mia amica mi trascinò fino a teatro a Londra per vederlo recitare e sentirsi dire che era senza speranza, la stessa che era follemente innamorata di Viggo dai tempi di Witness (io a parte H.Ford non avevo notato nessun altro in quel film :D)!
    Devo dire che a me Mr. Mortensen non ha mai detto nulla, nonostante debba ammettere che, visto dal vivo, ha un notevole impatto fisico (e una totale incapacità di trovare un completo adatto ad una premieré! :D), ma in altri film (anche se ben fatti), non mi ha ispirato le stesse emozioni di Aragorn... credo che in LOTR entrassero in campo sentimenti ed emozioni covati in anni sul libro e riversati nell'accuratezza della realizzazione(soprattutto il primo film)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo.. Davvero credo che questa saga cinematografica sia riuscita a potenziare e ben convogliare il potenziale enorme dei libri;)

      Elimina
  7. Il signore degli anelli è stato uno dei libri che più mi è piaciuto leggere. Un mattone enorme..che però mi sono divorata un'estate al mare..non riuscivo a smettere di leggerlo, dovevo sapere assolutamente cosa succedeva dopo (sembravo drogata..e non scherzo). I film mi sono altrettanto piaicuti e questo è strano. In genere evito di leggere il libro e poi di guardare il film: rimango sempre delusa dalla scelta dei personaggi, dallo scenario o dalla selezione degli eventi importanti da presentare (perchè alla fine il film ha una durata limitata..qualcosa dovranno pur tagliare). Ma con questi film non è successo! Sono ancora tra i miei preferiti..ben fatti, hanno ricreato perfettamente mondo e personaggi. Aragorn è sempre stato il mio preferito..sia nel libro che nel film (e sì, l'hanno scelto bene!). In genere non mi interesso della vita degli attori fuori dal set..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo molto i libri/mattone: quando sono belli, vuol dire che mi farà compagnia a lungo ed è un bel pensiero. La differenza libro/film è inevitabile: sono due linguaggi narrativi diversi. Di solito io preferisco i libri, perchè li faccio più miei con la mia fantasia, anche se a volte capita il contrario. In questo caso, però, mi piacciono entrambi:D

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero