Aggrappati al desiderio. Perché è reale.

Come vi raccontavo lunedì, oggi vi parlo di un libro di Coe. Non vi dico deL libro di Coe solo perchè di questo autore ho amato tante delle sue opere che mi riesce pressocchè impossibile scegliere la mia preferita. Questo però è stato il mio primo suo libro, per cui gli sono particolarmente affezionata, senza dubbi. Oggi vi parlo di "La casa del sonno


Se come me avete dei leggeri disturbi legati all'ossessione del controllo, sarete anche voi  spaventate dalla nota dell'autore all'inizio. Ve la riporto tal quale:

"I capitoli dispari di questo romanzo sono ambientati per la maggior parte negli anni 198384.

I capitoli pari sono ambientati nelle ultime due settimane del giugno 1996."


Quando lessi questa nota ne fui tremendamente infastidita (ecco, e ora? Dimenticherò sempre in che periodo siamo. Sarà complicato. Farò avanti e indietro con le pagine e mi rovinerò il piacere della lettura) e affascinata allo stesso tempo (Come avrà fatto a rendere fluida la narrazione? Perchè questi salti temporali continui?).

Ma la verità è che dopo 20 pagine nemmeno me la ricordavo più la nota. Ero totalmente, profondamente, decisamente dentro il mondo creato da Coe e mi ci muovevo perfettamente a mio agio, senza alcun desiderio di uscirne. E certe domande  mi sembravano assolutamente futili, rispetto a quelle che la storia mi aveva messo davanti.

La casa in cui vivevano alcuni studenti diventa 12 anni dopo una clinica in cui si cura la narcolessia. Questo libro racconta la loro storia, allora e ora. Io vorrei dirvi di più, ma come sempre non lo farò, nella speranza di invogliare almeno una di voi a leggerlo. In questo libro si parla di desideri che sono reali e di realtà da cui ci si può svegliare. 

Però questo posso dirvelo, da ora: ha uno dei finali più belli, e romantici, e sorprendenti che io abbia mai letto. E dimenticate Liala, qui si parla di amore vero. 

2 commenti:

  1. il libro più bello di Jonathan Coe. :)
    meravigliosi anche la famiglia winshaw e la banda dei brocchi, ma la casa del sonno non si batte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meravigliosi tutti, vero. Per me è difficile sceglierne uno su tutti, sai? <3

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero