La valigia che non si può disfare

Si può amare immensamente un libro e allo stesso tempo ritenere il suo autore una persona piccola e quasi mediocre? Non so se sia permesso dal sentire comune, ma so che è quello che è capitato a me con "Le parole sognate dai pesci" di Davide Van De Sfroos.


Tanto il percorso letterario e musicale di Van De Sfoors (nome d'arte, che in dialetto comasco significa "vanno di frodo) mi ha interessato poco - e anzi qualche volta deluso- tanto questo suo piccolo libro, di meno di 100 pagine è una pietra miliare assoluta della mia vita, non solo come lettrice.

E' un libro di rara poesia e perfezione, malinconico e dolce, allegro e disperato. Un libro da comodino, da rileggere e rileggere ancora perchè fa compagnia e scalda il cuore. Raramente lo troverete esposto negli scaffali in bella mostra- che è come fortunosamente lo trovai io e decisi di prenderlo, incuriosita dal titolo e dalla quarta di copertina, senza sapere altro nè dell'autore nè del libro - ma voi cercatelo e compratelo: anche se costasse molto più del suo attuale prezzo (6,50€) ne varrebbe sempre la pena.  

Non so raccontarvi questo libro: è così incredibilmente pieno di magia e delicatezza che tutte le definizioni che mi vengono in mente sono riduttive.  E' un libro che regalo spesso e che stasera stessa rileggerò. 

Fatevi raccontare delle "piccole storie non come la realtà le ha pescate, ma come i pesci le hanno sognate" perchè ognuna di quelle storie è un gioiello prezioso e un mosaico che si unisce, in un finale perfetto.  


12 commenti:

  1. Oddio, l'hai descritto in un modo...<3!
    Lo cercherò sicuramente, sento il bisogno di libri del genere. Spero possa rivelarsi così pregno anche per me :).
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro davvero: tutti quelli a cui l'ho fatto leggere, fin'ora, l'hanno amato. Spero sia così anche per te:)

      Elimina
  2. caspita lo hai descritto in un modo tale da farmi venire voglia di leggerlo immediatamente! Lo cercherò, sono troppo curiosa ^_^

    RispondiElimina
  3. Lo ammetto: la copertina è un fattore decisamente importante per me e, a vederlo, probabilmente non mi sarei mai soffermata a sfogliare questo libro. Ma adesso mi hai messo una grande curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La copertina non è un granchè è vero: è come un gioiello ben nascosto, un diamante grezzo.

      Elimina
  4. Non sapevo che quest'uomo scrivesse...però mi hai incuriosita, proverò a guardarmi in giro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro che la tua ricerca sia fruttuosa ;)

      Elimina
  5. Mi hai incuriosita. Non sapevo che avesse anche scritto un libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' più noto per la sua attività musicale, ma ha scritto anche alcuni libri (l'altro che ho letto io però mi ha lasciata abbastanza tiepida...)

      Elimina
  6. non avevo idea dell'esistenza di questo libro, ma sono sempre in cerca di nuovi libri da leggere perciò ho già segnato il titolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, lo dico sempre perchè è sempre vero: poi fammi sapere:)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero