La chimica della cipria

Uno di quei prodotti di cui non so più fare a meno è la cipria bianca. Sono passata dall'ignorarne uso e senso ad adorarla profondamente: per me che sono una pelle mista tendente al lucido nella zona T, è una manna dal cielo.

Quella di cui vi parlo oggi è della Alverde, compratami su commissione da Mister Hermoso, la Puder Camouflage (che non riesco a ritrovare sul sito...).
  

Come vedete dalla foto non è perfettamente bianca ma ha un leggero sottotono rosato: questo per me è assolutamente un vantaggio. Mi capita di non dosare bene le quantità durante l'applicazione: quando mi è successo con la Cannes, l'effetto mascherone era, ahimè, facile da notare. Con questo prodotto invece anche se la mano mi scappa (nei limiti, ovvio) il rischio "ciao, sono la sposa cadavere" è evitato. 

Purtroppo, a differenza delle altre che ho usato, il suo effetto tampone anti-lucido dura di meno: già prima della pausa pranzo avverto quella fastidiosissima sensazione di unto e la mia untuosa zona T trionfa...

Non è certamente un problema legato al suo INCI verde: anche quella della Neve ha un INCI perfetto e la sua durata è notevolemente migliore. Anche quella della Bourjois (che non è esattamente un brand eco-bio) ha una bella durata. Per cui no, l'inghippo non sta nel suo essere verde ed ecobio o nel suo INCI. 

L'unica spiegazione che mi sono riuscita a dare è che c'è una infelice alchimia tra me e lei: capita. Lei è una buona cipria, io una buona persona ma non siamo fatte per andare d'accordo. Come si dice nei casi di separazione consensuale "non è colpa di nessuno". 

Non me ne faccio un grande cruccio: finirà e non avrò il patema di riuscire a procuramela di nuovo. 

Anzi, le sono comunque grata: quando comprerò la mia prossima cipria bianca, cosa che non succederà a breve avendone altre due intonse: una sempre Alverde e poi un'altra Bourjois, non mi dispiacerebbe riuscire a trovare un prodotto che abbia la durata della Neve, il packaging della Bourjois e l'INCI e il prezzo della Alverde. Uhm...chiedo troppo?

La ricomprerei: no

La consiglierei: no

La regalerei: no  

30 commenti:

  1. ce l'ho anche io e la odio. Non c'è più nel sito perché non la fanno più, probabilmente perché fa schifo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Effettivamente, un ottimo motivo per smettere di produrla...

      Elimina
  2. Infatti sul sito non l'ho vista!! Sarà uscita di produzione perché magari hanno visto che non ha avuto un gran successo!! ^_^...eh, certo che avere una buona cipria come la Neve, dall'INCI Alverde e dal packaging di Bourjois sarebbe il massimo davvero!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che quel mix sarebbe delizioso?? :)

      Elimina
  3. se ti piace rosata io ne ho usata una fantastica anni fa, prima di aprire il blog, di LeClerc...donava al viso un aspetto radioso (se non pensavo però a quanto l'avevi pagata) ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...copriva il pallore da "oddio-quanto-l'ho-pagata"?? :D

      Elimina
  4. Ah, ce l'ho anch'io questa sciagurata! Pensa, a me sottolinea un casino quanto la mia pellaccia sia piena di dermatite! :'( e non mi capita mai con la mia solita cipria Elf... chissà perchè!! Insomma, l'ho smerciata senza troppi rimorsi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendola presa senza aspettative per la coprenza/copertura a questo aspetto ho dedicato poca attenzione...certo che se addirittura una ELF la batte....

      Elimina
  5. è carina, ma vorrei tanto provare la bourjois :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la trovi, io te la consiglio davvero;)

      Elimina
  6. Io sto amando la cipria della Kryolan Antishine. Quella sì che merita un oscar!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diritta diritta nella wishlist. Grazie!

      Elimina
  7. Ah, queste ciprie siano benedette *__*!
    Magari non lei in particolare però :P.
    Forse, nonostante il buon inci, è questione di ingredienti nel senso che non sono abbastanza tamponanti.
    Sull'inci perfetto della Cannes (e della Hollywood), avrei qualcosa da ridire. Sono silica pura, anche se di granulometria diversa. Il fatto è che, informandomi un pò, ho letto pareri molto negativi sull'uso della silica in una cipria in polvere libera e quindi altamente volatile. Il problema è legato all'inalazione, che può portare alla silicosi. Verissimo che si ammalano minatori che rimangono a contatto con questi polveri per anni e anni, ma sinceramente io non me la sento di correre rischi (perchè so che se mi piacesse, la userei giornalmente senza staccarmene). Insomma, la solita storia del 'bollino verde=sicuro sempre e comunque'?
    Io vorrei fare prove con gli amidi (riso, tapioca ecc) invece, tu ci hai mai pensato ;)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tyta, ti ho già detto che i tuoi commenti sono sempre uno spunto interessantissimo di riflessione? No? Ecco, #sallo.

      Agli amidi non avevo pensato perchè temo siano - perdonami la battutaccia - farinosi. Tu dici che è fattibile?

      Elimina
    2. Me imbarazzata >///< *-*!

      Da quel che ho letto, gli amidi che si prendono al super poi vanno nuovamente polverizzati, con un grinder o col mortaio, quindi immagino perdano la farinosità e diventino proprio trasparenti...Quando sperimenterò, ti sarò sapere :D!

      Elimina
    3. Uhm....con la "manualità" che mi ritrovo chi sa che pasticcio che farei....

      (macchè imbarazzo! E' la verità!!)

      Elimina
    4. Io mi intrometto come al solito. Gli amidi li ho usati anche senza polverizzarli ulteriormente e il risultato non era terribile, considerate che io sono chiara. Però a me con gli amidi e anche con le ciprie che contengono amidi mi capita una cosa strana: comincia a prudermi il viso dopo poco che li ho applicati. Non divento rossa o cose simili, ma il prurito è fastidioso. Comunque tentare non nuoce, se non danno fastidio sono un prodotto economico e facilmente reperibile.

      Elimina
    5. Io , come sai, non sono molto pro esperimenti alla cieca: è vero che gli amidi non sono dannosi ma è pur vero che non tutto il bio è buono e viceversa...poi confesso che finchè il costo è abbordabile, preferisco comprare un prodotto ad hoc: il paicere della cosmesi per me sta molto anche nel packaging etc etc e così lo perderei del tutto... Sono grave? :D

      Elimina
  8. Sei proprio una donna senza pretese :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Mi accontento di poco io....;)

      Elimina
  9. meno male allora che non è più in commercio!!! infatti, dato che probabilmente non la vendono più proprio perché si sono accorti che il prodotto non era per nulla valido, non direi che "non è colpa di nessuno"... è colpa della cipria... ieri dell'ombretto, oggi della cipria... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 <3 Tu sì che hai sempre una parola buona per me. Grazie :)

      Elimina
  10. Non l'ho mai presa durante i miei giri pro-acquisti-compulsivi-Alverde. A questo punto non me ne dispiaccio, anche io ho la pelle grassa e temo che l'effetto lucido spunterebbe anche nel mio caso. Quella Bourjois però prima o poi vorrei provarla!
    Poi aspetto che tu riesca a trovare il mix perfetto, anche quello vorrei provarlo volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo davvero che la Bourjois ti piacerebbe.... e anche io vorrei tanto provare il mix perfetto;)

      Elimina
  11. Io sto usando con soddisfazione quella bianca compatta di Essence. Costa poco e mi pare di aver letto da qualche parte che non abbia un INCI malefico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io gli stand Essence non li guardo più: sono sempre devastati e vuoti e tenuti così male che mi hanno fatto del tutto passare la voglia....mi segno la cipria comunque;)

      Elimina
    2. È ottima anche quella in polvere libera, sempre Essence. Ma la Too Faced? :)

      Elimina
    3. Uhm...che INCI ha? *corre a googlare*

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero