Due solitudini non fanno una compagnia

Ormai avrete imparato a conoscere un po' la mia mente contorta. Quindi avrete capito già dal titolo del post di oggi pomeriggio che stasera avremmo parlato di questo film...


Lost in Translation ebbe un grande successo. A me, pregiudizialmente, stava antipatico per un mucchio di motivi: perchè la regista era Sofia Coppola (che sì, mi fa tanto snob), perchè c'era Scarlett Johansson (che trovo sempre al limite del volgare). Per cui l'ho ignorato e recuperato su Sky Cinema senza alcuna fretta.

Dopo averlo visto, mi è rimasto addosso soprattutto un senso di solitudine profondo. E un po' di tristezza. Non ho visto due persone incontrarsi. Io ci  ho letto due solitudini che si incontrano. Ma, come si dice da me, questo non basta a farne compagnia. L'avrò forse visto in un momento sbagliato della mia vita? Forse. 



L'unica cosa che salvo è la colonna sonora e il finale, che è apertissimo e che, a sentire la Coppola, è stato deciso direttamente dagli attori sul momento. E infatti, a meno che non ricorriate a questo video, non lo saprete mai nemmeno voi.

Se voi l'avete visto e ne avete una lettura diversa, raccontatemelo!

15 commenti:

  1. Adoro questo film, lo vidi una sera con mia sorella e lo abbiano visto insieme altre volte! (Non siamo esagerate, capita spesso)
    Credo che ognuno poteva immaginare quelle ultime parole... ora no. XD
    Sì, i protagonisti sono terribilmente soli, ma non credo sia solo una questione "geografica" o linguistica. Ci stiamo isolando... forse in una metropoli così brulicante si nota di più, mi sembra che è dannatamente facile ora sentirsi così soli, rinchiudersi, non capire, non comunicare etc...
    questo è solo un pensiero che mi è venuto fuori riflettendoci su, nessuna verità assoluta!
    Non ti stupire,sono una persona poco sociale XD
    xoxo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ma per me le parole finali restano comunque misteriose. Per me quel video è solo una possibilità. Resto fermamente convinta che la mia interpretazione dei fatti è più bella :D

      (a me non sembri poco sociale. Un abbraccio)

      Elimina
  2. Anch'io l'ho visto recentemente..il senso di solitudine di quell'albergo non mi ha lasciato neanche dopo il loro incontro,però per me rispetto all'inizio c'è uno spiraglio ,una possibilità :)
    grazie per il link del video,ma tu guarda a cosa si deve ricorrere per soddisfare la curiosità ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ripeto, per me il finale giusto era diverso. Ma io sono una che ama i finali amari.

      Elimina
  3. me lo sono registrata su sky proprio l'altro giorno perchè, ahimè non l'ho mai visto (scandaloso).

    ti aggiorno

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Non l'ho visto, non mi ispirava fiducia e ora mi confermi che ho fatto bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, ma questo parrucchiere nuovo come si è comportato?? :D

      Elimina
    2. Bene, per ora meglio di quanto mi aspettassi!! Poi ne parlerò meglio quando vedrò durata e comportamento sui capelli del colore (Inoha), ma intanto ti posso dire che era la prima volta che mi lavavano i capelli su una poltrona massaggiante!!! Mi stavo per addormentare da quanto ero rilassata... :-D

      Elimina
    3. Be'...la poltrona massaggiante mi piaceeeee :D

      Elimina
  5. Lo voglio vedere da un bel po' ma poi ho sempre rimandato...anche a me la Coppola sa un po' di Snob!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? C'ha un po' quel "io sono artista inside e voi no"??

      Elimina
  6. Io non l'ho visto e non lo vedrò :-D non amo questo genere di film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non fosse passato su Sky in una sera in cui non facevano nulla, non l'avrei fatto nemmeno io ;)

      Elimina
  7. Io amo Sofia Coppola, non la trovo affato snob, anzi, la trovo sofisticata ed intellettuale. Questo non è il suo film che preferisco, decisamente amo di più Marie Antoinette ed Il giardino delle vergini suicide. Comunque penso che il tema della solitudine sia abbastanza una sua cifra visto che è pressoché al centro di tutte le sue pellicole (Bling Ring non saprei, devo ancora vederlo).

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero