Di rabbia, stupidaggine e pernacchie ...

Non so quante volte vi ho detto come la penso sull'argomento peso e accettazione del proprio fisico. Basta che cerchiate il tag il pane e le rose o il mondo che vorrei. Vi linko qui l'ultimo post in merito, giusto per darvi un'idea. 

E insomma, sono una dai bei proclami (bene). E credo a ogni singola parola che vi ho scritto (ci mancherebbe).

Epppure, all'idea di mettermi in costume mi sono fatta assalire dall'imbarazzo e dal disagio. A dispetto di tutta la mia consapevolezza, delle mie letture, delle nostre discussioni: la pressione del "modello perfetto" si fa sentire, ogni singola volta. 

Non so dirvi quanta rabbia mi fa aver fatto tanta fatica per smontare certe dinamiche ed esserne ancora perfettamente vittima. Predico meglio di quanto razzolo. Devo essere stupida, non c'è alternativa.  

Ricorrere a tutta la mia razionalità, fare appello alle mie convizioni, ricordare i vostri post (quello di Anna Venere, quello di Takiko  o quello di Deirdre, per fare alcuni esempi) ripetermi i complimenti di chi mi ama. Tutta questa fatica solo per mettermi stesa su un lettino a leggere un libro. Decisamente, devo essere stupida.

Però no, non me lo metto il pareo sui fianchi. E no, non lo sopporto il costume intero. E soprattutto no, io non cedo. Non è ancora arrivato il giorno in cui io non viva quel minuto di disagio in spiaggia - intendiamoci, non è che passi tutto il tempo così: ma il primo minuto sì- ma arriverà. Ci sto lavorando su. 

E quando dico che ci sto lavorando non intendo dire che mi sono messa a dieta e che l'anno prossimo la prova costume non mi farà paura. Intendo dire che verrà il giorno in cui non avrò nemmeno un picosecondo di disagio mettendomi in costume. A prescindere dal mio peso.

Allora ho pensato che se lo dico qui, e se ora voi foste così buone da spernacchiarmi un po', ecco, sarebbe d'aiuto per il prossimo fine settimana marino. 

Per favore, spernacchiate senza timori.


31 commenti:

  1. Non spernacchio, semplicemente perché anche io sono così...
    Non vivo con la "paura" della "prova costume", non digiuno quando si avvicinano le vacanze e non rinuncio al mare per quelli che ai miei occhi sono difetti ABNORMI, però un filo di disagio c'è. Poi in realtà me ne frego e quando arrivo in spiaggia non ci penso due volte a levare il copricostumo e buttarmi in acqua/giocare a pallone/stendermi al sole (rigorosamente sotto l'ombrellone XD), però, quegli attimi prima di partire, di fronte allo specchio, con le frecce luminose che indicano i punti deboli, ci sono e credo che non passeranno mani (ovviamente parlo per me!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hhmm...io spernacchio te e tu me?? :D

      Battute a parte: nemmeno io vivo con quest'ansia e certo stasera non mi priverò della mia pizza settimanale. Però quel maledetto minuto mi irrita lo stesso un sacco!

      Elimina
  2. Non ti spernacchio perchè ti capisco, eccome! Io adoro la morbidezza delle mie forme, il mio seno, le mie curve. Ogni kg in più per me è un kg acquistato ad una cena con gli amici, ad un weekend romantico o divertente, ci sono affezionata a quei kg in più, anche se sono tanti. A me il momento di imbarazzo non viene nel primo minuto di "esposizione" ma viene nel momento in cui passa la ragazza "perfetta" e mi squadra con malcelato disgusto. E' lì che mi imbarazzo, perchè mi ricordo che i peggiori giudici delle donne sono le donne stesse, ma è lì che mi inca... e allora mi scopro, niente pareo, niente costume intero, solo me, i miei kg di troppo e il mio sorriso. Nulla più. Ma quel momento di imbarazzo c'è, e brucia dentro, eccome se brucia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Razionalmente, sono del tutto d'accordo con te. Pure quel minuto non mi è ancora riuscito di eliminarlo. E, come dici tu, brucia tantissimo...

      Elimina
  3. Eh beh Hermy ma come posso spernacchiare se faccio così anche io... Il disagio un attimo prima di togliere il costume assale anche me e mi fa compagnia per i primi minuti, poi un pò passa. Anche se non si attenua mai del tutto.
    Non è facile, in questo caso, predicare bene e razzolare bene. Ma ci si può lavorare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Questo post è uno dei "lavori" che sto facendo ;)

      Elimina
  4. Io una pacca sulla nuca ti darei, di quelle per dire "ma dai!". Mi devi descrivere questa perfezione che pare si debba raggiungere, sai? Perchè nei corpi stereotipati e noiosi di uomini e donne che vedo in tv o alle volte in giro, io di perfetto non ci vedo niente :). Qualcosa di bello lo vedo nelle persone vere, intelligenti. Lo vedo in te che sei una splendida mediterranea, sensuale, simpatica, amata da tante persone. Questa perfezione che va di moda, a chi dovrebbe farci piacere? A involucri che non hanno di meglio da fare che sdegnare gli altri per sentirsi ok? Questi individui non accettano altri che se stessi. A me fan solo pena :). E quindi di pacche te ne do 2, perchè non voglio più sentirti dire cose simili, perchè vali esteriormente ed interiormente, molto di più, e non accetto di sentire che hai questo piccolo attimo, perchè non è giusto. Non che non sia umano, ma in casi come questi è ingiusto ed infondato. E tu lo sai che è così. Quell'albero dalla scorza imperfetta, tutto da scoprire, non attrae forse più di quello liscio, che basta un attimo e ne hai capito tutto? Non tiene forse legato a sè qualcuno per molto più tempo, a capirne le sfaccettature?
    Perciò quando arrivi in spiaggia, sfodera il tuo miglior sorriso, alimentato dall'amore che hai intorno, da parte di chi vede in te la luce, e vadrai quanto risplenderai. Tanto da abbagliare ovunque.
    Finisco con una terza pacca, che non guasta, ma gentile dell'affetto che ti porto :). Su la testa, allora, e curve sciolte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :') me commossa. Scioglierò le mie curve pensando a te!

      Elimina
  5. Non credo sia un problema di peso: anche quest'anno che sono dimagrita rispetto agli altri anni, mi è rimasto un po' di quell'imbarazzo che provavo nel togliermi il costume. Secondo me è una questione di carattere, oppure la consapevolezza che (ovviamente) non siamo perfette. E quella che invece si reputa tale, non è abbastanza intelligente da vedere i propri difetti perchè tutte li abbiamo.
    Un consiglio? Ignora quel minutino, che tanto passa in fretta!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo ignoro. E infatti non rinuncio a niente. Peró quanto vorrei non averlo nemmeno...:)

      Elimina
  6. io ti spernacchio giusto per no perdere le buone abitudini :P

    riguardo la prova costume, io baro spudoratamente e lo ammetto: sono anni che non mi sento a disagio ma solo perché frequento località in cui il sovrappeso è pressoché uno standard, e io con i miei 80 kili mi sento quasi leggiadra.

    Alla fine non è questione di numero di kili: il vero disagio non sta tanto nel corpo quanto nella propria testa, nel paragonarsi agli altri.
    Poi è ovvio che essere in forma aiuta a sentirsi più sicuri del proprio aspetto e quindi anche nel rapportarsi con le altre persone, però credo che di base la questione sia sempre quella di imparare a stare bene con se stesse, a livello mentale.
    e per quello, non c'è dieta che tenga.

    scusa la maniera confusa con cui mi sto esprimendo, ma il riposino pomeridiano mi chiama prepotentemente XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho capita, prezzemola, tranquilla ;)

      Elimina
  7. Io non ti spernacchio perché sono riuscita a sentirmi a mio agio nel mio fisico solamente da un paio d'anni. Sono due o tre kg in più, ma come ha detto una ragazza qui sopra "i giudici delle donne sono le donne stesse". Su questo pensiero vorrei aprire una parentesi: perchè giudicare? Cosa ci porta ad osservare le altre in spiaggia? Vogliamo davvero essere tutte uguali? Dio, no. Ho una cugina che questa estate vuole negarsi il mare per qualche kg in più e mi fa una gran pena. Per me le donne vincitrici sono quelle che stanno bene con sè stesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in realtá mi paragono. Che è comunque sbagliato. Peró prima o poi saró vincitrice anch'io. Ecco.

      Elimina
  8. :P
    Eccoti spernacchiata!
    Penso che Noemi abbia colto nel segno... non è solo una questione di peso. Qualsiasi piccolo difetto viene ingigantito da noi stesse sotto la potente lente con la quale ci guardiano. Alla fine quindi anche io ho quel psicosecondo che sia per la cellulite, la cicatrice della cisti o i segni di una caduta che hanno rovinato un po' il derma profondo che non è più perfettamente liscio come quello photoshoppato delle modelle sui giornali, etc...
    Mi spernacchio un po' anche io :P e credoc he sdramamtizzare e parlarne siano già passi importanti, oltre al lavoro personale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vai di spernacchiamentiiii :P

      Comunque sì, il senso di questo post era anche uscire allo scoperto. Un passo in più per sdrammatizzare.

      Elimina
  9. Io peso 54 kg e quasi non ho nemmeno un filo di cellulite eppure sono nelle tue stesse condizioni.. è una situazione mentale e basta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Quindi se è solo mentale io stasera la pizza me la mangio uguale, giusto?? :D

      Elimina
  10. ti spernacchio per solidarietà :P
    il minutino prima del 'ma che mi frega,adesso mi spoglio' lo vivo anche io ogni anno,poi mi rendo conto che non tutta la spiaggia sta guardando proprio me e i miei difetti,così lo supero...però certo,la prima volta a mare dell'anno,un pò effetto me lo fa sempre ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto pensare a una frase di Caos Calmo..verissimo!!

      Elimina
  11. non sono la persona migliore per dirti di non farti problema, io sono al limite del sottopeso e so di non avere niente di male, eppure non mi piaccio neanche un po', quest'anno più degli altri, mi trovo difetti laddove non esistevano e non ci sono mai stati... però so che parlo bene e poi non metto in pratica nulla, pensa che nessuno è perfetto, se guardi le altre persone, non sono tutte super top, tu sei una ragazza fantastica e lo sei così come sei :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vorrei che fossimo brave a trovarci pregi tanto quanto difetti...

      Elimina
  12. ti spernacchio per solidarietà anche io ma ti dico che non è tanto colpa tua quanto della società che ci ha inculcato questi valori sin dalla tenera età.
    Uno ci può provare a migliorare il proprio pensiero e il proprio giudizio verso se stesso ma resterà sempre una cosa insita in noi, che è nata senza che noi ce ne accorgessimo neanche e quindi strapparla via è un po' come strappare via le radici dell'edera dalle mura di un palazzo.
    Quindi provaci ma non ti dare della stupida se anche per un microsecondo il pensiero andrà lì, la volta dopo sarà ancora più micro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi stupisce è come la pressione sia forte: sono stata cresciuta senza particolari ansie da questo punto di vista e credo di essere, tutto sommato, una persona consapevole e non troppo insicura. Pure, sento il peso del "modello". Mannaggia. Ecco.

      Elimina
  13. Che ti devo dire Hermy? Io alla fine sono pure peggio di te, perché spesso preferisco tenere su il pareo, e l'imbarazzo non riesco proprio a superarlo, quindi posso solo cercare qualcuno che spernacchi anche me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per te: spernacchiamento a vicenda??:D

      Elimina
  14. Dopo anni e anni a chiedermi perchè non potevo essere filiforme pure io (con un periodo in cui filiforme lo ero diventata grazie alla mia stupidità anche se continuavo a vedermi grassissima) sono giunta alla conclusione che tanto magra non lo sarò mai quindi chi se ne frega! Mi tengo le mie cosciotte e il mio culone e pace! Quando mi metto in costume ho il momento di disagio ma poi passa, tanto a nessuno gliene frega nulla se sei un po' più in carne o se hai fatto una dieta da fame per arrivare alla prova costume in forma.

    RispondiElimina
  15. @all: sapete cosa? Sto per andarmene al mare :)

    RispondiElimina
  16. Io penso che alla fine la via più facile è non porsi proprio il problema del peso e non viverlo né come un problema né come una battaglia contro i canoni prefissati, semplicemente prenderla così com'è.

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero