Voleva solo essere perfetta

Ormai lo sapete: spesso gli A cinema con Hermosa si richiamano, per qualche motivo, al post del giorno. Ora, visto che il post di oggi si intitola Il canto del Cigno, di che film mai vi parlerò??

Sì, brave, avete indovinato: Il cigno nero 




Quando uscì nelle sale,  non destò alcun interesse in me. Al punto che nemmeno mi presi la briga di capire di cosa parlasse: lo liquidai mentalmente come l'ennesimo film su danza, ambizioni etc etc e andai oltre. Tra l'altro le polemiche che nacquero attorno alle affermazioni della Portman e l'uso della controfigura nelle scene di danza non contribuì di certo a interessarmi.

Il primo momento in cui mi incuriosì fu quando una mia amica mi disse che l'aveva trovato inquietante, quasi disturbante. A me i film horror e similari non piacciono e non li vedo. Ma era un giudizio così distante da quello che credevo fosse questo film che mi spiazzò. 

Così, alla prima occasione utile (leggasi: programmazione Sky) l'ho visto, scoprendo che era ben lontano dalla favola bella alla Flashdance che mi ero figurata.

A differenza della mia amica io però ne sono rimasta affascinata, soprattutto perchè il finale non mi è stato chiaro che pochi minuti prima di vederlo sullo schermo. La ricerca maniacale della perfezione da parte della protagonista diventa sempre piú un agabbia e una punizione più che un merito. Fino a perderla definitivamente. Siccome sono una moooolto originale, ovviamente anche a me è piaciuta particolarmente la scena del cigno nero...




Probabilmente saró una delle poche ad averla vista in questo modo, ma a me è sembrata una storia sul come sia necessario fermarsi ad apprezzare quello che si ha, per non rischiare di perderlo del tutto. 

No, lo so: questa è una manipolazione della storia. Forse. Ma è quello che ci ho visto io. 

E voi -perchè sono certa che moltissime di voi conoscono questo film- cosa ci avete visto?? 

33 commenti:

  1. Anche io l'ho visto recentemente, quando era uscito non mi aveva attirato per nulla: non so perché.
    Mi è piaciuto molto e trovo bellissima la tua interpretazione. Io alla fine ero solo molto sconcertata, la fine me l'aspettavo un po' ma mi ha comunque spiazzata...lo so, un paradosso hahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la spiegazione alla tua paradossale chiusura sia che stia nel fatto che , come me, sapevi che non sarebbe finita bene ma non credevi sarebbe andata così tanto male... ;)

      Elimina
  2. Io l'ho visto al cinema e ricordo di essere rimasta anch'io davvero spiazzata. Nonostante tutto lo trovo un bellissimo film, anche se molto più dark di quanto avessi immaginato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. E' un film molto più cupo di quanto si possa credere.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Io lo ricordo piacevolmente da quando lo vidi al cinema, aspetto di rivederlo quando avrò lo stato d'animo adatto! Mi ha lasciato una sensazione molto simile alla tua, anchio ci vedo dentro un messaggio positivo, che la perfezione a volte non è tutto. Ho apprezzato particolarmente i makeup, e la recitazione di Natalie, impeccabile come sempre a mio parere :)

    RispondiElimina
  5. Io lo vidi al cinema...sono una dallo stomaco debole, mi fa paura persino la signora in giallo...questo film l'ho intravisto attraverso le dita perchè mi coprivo gli occhi con le mani.
    Inquietudine a parte, in effetti visto attraverso la tua chiave di lettura può avere un senso. A me comunque non era piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, non è un film rasserenante...

      Elimina
  6. Anche io ero convintissima che parlasse di danza, infatti decisi di vederlo con mia madre su sky. Non ti dico l'imbarazzo durante le scende di sesso (ahhaha come sono esagerata). Comunque condivido la tua interpretazione, a me è piaciuto molto il film. "Non stravolgere la tua personalità, altrimenti finirai per perdere te stesso" potrebbe essere un'altra chiave di lettura. bacii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che i cambiamenti , se sono veri, sono sempre benvenuti. Sono le forzature legate a desideri ( o supposti desideri) di altri a farci del male...

      Elimina
  7. Io credo di averlo visto in streaming, mi ricordo che avevo pensavo che non sarebbe valso il biglietto del cinema. Ma mi sono assolutamente ricreduta, ed alla prima occasione l'ho anche rivisto!!! la storia è molto bella ed anche un po' inquietante. tanti gli spunti di riflessione, è molto bella anche la tua chiave di lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Io in streaming non riesco a vedere nulla. Segnali di vecchiaia, lo so....

      Elimina
    2. Ahahahah ma va...anche io son vecchia! io scrivo su google il nome del film + streaming e prima o poi lo trovo...provaci!!!

      Elimina
    3. Lo faró..grazie della "diritta tecnica"!

      Elimina
  8. Io non l'ho mai visto, ora però mi avete incuriosito parecchio.

    RispondiElimina
  9. io l'ho visto molto tempo fa e ricordo di averlo trovato inquietante più che altro per una sorta di empatia con questo personaggio molto fragile. dovrei rivederlo però perchè la memoria mi fa un po'cilecca sui dettagli della storia......

    RispondiElimina
  10. @all. E' vero che l'interpretazione è del tutto mia e personale. Ma il titolo del post è una citazione del film. Forse qualcosa di giusto c'è??

    RispondiElimina
  11. Un fracco di cose! Ci ho scritto un post lunghino che non sto qui a riportare o annoierei tutti!! Perdona lo spam, ma ti facilito la ricerca, se vuoi leggere il mio post con il link qui: http://diariodiunexstacanovista.blogspot.it/2011/03/black-swan.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spam? Questa è una diritta preziosa, grazie <3

      Elimina
  12. Io l'ho visto al cinema e ho apprezzato molto l'interpretazione di Natalie Portman. Quello che ricordo con più chiarezza è stato comunque la sensazione di sconcerto finale: sicuramente ero partita con la convinzione che avrei visto tutto un altro film. Comunque mi è piaciuto molto.
    Il titolo del post è perfettamente calzante comunque!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente ci è piaciuto anche per quello: io ho trovato piacevole essere "spiazzata" ;)

      Elimina
  13. Io ne ho visto alcune scene in una lezione di Psicologia all'università..e poi l'ho voluto vedere intero, anche perchè sono rarissimi i film che parlano di disturbi psichici che siano ben fatti che non cadano nel ridicolo o negli stereotipi...a noi è stato fatto vedere in aula per sottolineare le dinamiche psicologiche del disagio della protagnista (della madre, anche..) e visto sotto quella luce è per molti inquietante, ma anche terribimente umano, vicino alle vere esperienze delle persone che soffrono di schizofrenia, come la ballerina..grazie di averne parlato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, visto da questo punto di vista diventa un film quasi tenero, hai ragione. Il bello di questo film è che ti accompagna lentamente nella scoperta della malattia. Come nella vita vera, dove spesso capita di non accorgersi delle cose...Un bacio!

      Elimina
  14. L'ho visto un po' di tempo fa ed anche io me lo aspettavo diverso rispetto a come è, la Portaman secondo me è stata molto brava, la stimo come attrice ma il film in se non sono riuscita a capire se mi è piaciuto o no, l'ho trovato particolare e non scontato, visto il delicatissimo problema che affronta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro è un modo diverso di raccontare un problema così:)

      Elimina
  15. Lo vidi al cinema con il mio moroso: è uno dei pochi film che entrambi adoriamo, visto che abbiamo gusti diametralmente opposti, solitamente.
    Mi è piaciuto moltissimo perchè mi ha inquietata nel profondo: è raro che un film riesca a scuotermi così. Non sono brava nei commenti cinematografici, me ne rendo conto. Sapevo già che sarei andata incontro ad un thriller psicologico - colpa del moroso cinefilo - ma non mi aspettavo certi livelli bellezza cinematografica: non scade mai nel banale, non c'è alcun cliché.
    Insomma: lo adoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', ma perchè dici di non essere brava? Hai raccontato perchèe ti piace e le tue scelte...io questa lo chiamo un commento:)

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero