Prima di non accorgerci più di niente

Non è per dimenticanza che ieri non ho pubblicato "A cinema con Hermosa". Avrei potuto parlarvi del Divo, in occasione della morte di Andreotti. 

Ma io è un' altra l'italia che voglio ricordare: quella di Peppino Impastato, ucciso 35 anni fa dalla Mafia.  Per questo, ho aspettato oggi per parlarvi dei Cento Passi, splendido film di Marco Tullio Giordana.


Cento passi, perchè tanto distava la casa della famiglia (mafiosa) di questo giovane giornalista da quella di Tano Badalamenti, boss mafioso. 

Cento passi, e un mondo intero. Perchè di fronte a certe cose, nemmeno i condizionamenti familiari possono, per fortuna. Così Peppino disse quello che nessuno diceva, ad alta voce. Rompendo i legami con il padre, che a volte sono meno importanti di quelli con sè stessi.

E venne ucciso. La mafia uccide (anche) quando si è lasciati soli: beffa delle beffe, pochi giorni dopo la sua morte fu eletto al Consiglio Comunale - dove si era candidato con Democrazia Proletaria. Da morto, non era più solo.

Nel film, splendido, tutto questo è raccontato molto bene e Impastato è interpretato da Luigi Lo Cascio. Guardatelo, se non l'avete mai visto. E riguardatelo, se l'avete visto: ogni tanto c'è bisogno di ricordarsi che non è vero che non vale la pena di essere onesti. 

Abbiamo tutti i nostri cento passi. Tutti. Tutti abbiamo conosciuto qualcuno che fa qualcosa che non si dovrebbe/potrebbe e abbiamo taciuto. Tutti abbiamo un debito enorme con chi invece ha provato a insegnarci a non tacere.  

Non abbiamo ancora imparato, Peppino, 
ma alcuni di noi non hanno smesso di provarci.



12 commenti:

  1. Hermosa, che brividi.
    Io ho una passione -che suona strano ma non saprei come altro definirla- per questo argomento. Qualche anno fa ho partecipato ad un'iniziativa del ministero dell'istruzione, la nave della legalità, che si tiene tutti gli anni in occasione dell'anniversario della strage di capaci.
    Lì ho scoperto la storia di Peppino Impastato e posso dire che mi ha cambiato la vita? Mi ha fatto pensare a cose a cui non avevo mai pensato e mi ha aperto gli occhi su tante cose.
    Vado a riguardarmi il video :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Drammetta, certo che lo puoi dire!! E io posso dire che ti adoro?? <3

      Elimina
  2. Mi hai commossa con le tue parole. Amo moltissimo questo film, quando lo vidi la prima volta fu un colpo al cuore.
    Stasera lo rivedrò, mi hai ispirata tu con questo post, grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tornata voglia di vederlo anche a me mentre scrivevo il post ( e mi commuovevo...).

      Elimina
  3. Ho avuto la fortuna di avere delle brave insegnanti che mi hanno trasmesso la passione per la storia anche tramite a film come questo...L'omertà ci rovina, a volte manca il coraggio di fare la scelta giusta, bisogna sempre tenere a mente le conseguenze perché non ricapitino più fatti del genere! Grazie di avermi dato questo spunto di riflessione, anche a me è tornata voglia di rivederlo!La mafia e l'olocausto sono 2 temi che mi stanno a cuore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, fortuna. Un bravo insegnante pò fare la differenza, in molti casi. Io ho un ricordo splendido di alcuni insegnanti che ho avuto nel corso dei miei studi e non smetterò mai di dirne ogni bene :)

      (i temi di cui parli sono temi che stanno molto a cuore anche a me)

      Elimina
  4. Bellissimo e emozionante...per fortuna che a volte escono film così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Poi io questo regista e gli attori di questi film li amo molto..diciamo che sono una specie di garanzia:)

      Elimina
  5. Anche io ho visto questo film e conosco la storia di Peppino: un esempio per tutti!
    Se non la conosci, ascolta anche la canzone dei Modena City Ramblers "cento passi" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco anche la canzone, e mi piace molto (così come mi piace l'idea di un uomo che commenti qui!!!)

      Elimina
  6. A costo di sentirmi tremendamente stupida, non ho mai visto il film.
    Ma conosco la canzone dei MCR a memoria, la trovo stupendamente reale, le parole sono al posto giusto e non ha paura di dire le cose come stanno.
    Se anche il film è così, prometto che mi impegnerò a trovare il tempo per guardarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria, stai recuperando sul serio i post, che carina!! Il film è splendido e commovente, ti consiglio davvero di vederlo. Un bacio

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero