Lei si dipinge il viso per nascondere il viso

Dato che mi distinguo per parlarvi di film sempre tremendamente attuali, oggi vi parlerò di Memorie di una geisha



L'ho scelto non per la storia, che- almeno nella resa cinematografica- non mi entusiasmò più di tanto anche se ammetto che mentre ero nella sala, seguii le avventure di Chiyo e ovviamente tifai per il lieto fine. L'ho scelto per quello che mi è rimasto a fine film, anche a distanza di anni: le immagini. E non solo quelle patinatissime. Mi sono piaciute tutte: evocative e suggestive.








 ce la vedo solo io la somiglianza?? 


Non sono un'orientalista e non ho idea di quanto accurate siano le ricostruzioni. Suppongo che non sia tutto fedelissimo e che qualche licenza poetica ci sia stata. Ma io non ho guardato questo film per capire meglio la tradizione delle geishe, io l'ho guardato per svagarmi un po' e non mi sognerei mai di usarlo per questo scopo. Quindi ho potuto godermi ogni singolo fotogramma.

Purtroppo, non sono riuscita a trovare il video che avrei voluto mostrarvi non "bloccato", per cui devo lasciarvi il link e l'anteprima qui sotto. Sono certa che una volta che l'avrete visto, capirete perchè è una scena che mi è piaciuta tanto...



37 commenti:

  1. Non ho visto il film. Ma ho letto il libro, anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro ero in dubbio se prenderlo o meno...visti i vostri suggerimenti, mi sa proprio che lo leggerò. A te è piaciuto?

      Elimina
  2. l'altro giorno la mia suocera mi ha detto che il libro è bellissimo... quindi l'ho messo in lista :)

    RispondiElimina
  3. Io non ho letto il libro nè visto il film, per ora non mi hanno ispirato, ma chissà. Però sono grandissima amante del Giappone da sempre e mi rendo utile con una piccola info, che non sò se sia spiegata: la seconda immagine, con la donna che corre, è realizzata nel Fushimi Inari Taisha di Kyoto. E' un santuario shintoista particolarissimo, con una successione incredibile di torii, i portali sacri dei templi (sarebbero quelle strutture rosse), uno dietro l'altro, a formare dei sentieri fino in cima alla collina sulla quale è dislocato. E' dedicato al kami Inari, divinità della fertilità, il cui messaggero è la volpe (kitsune), delle cui rappresentazioni il posto è pieno. L'anno scorso ho avuto la fortuna di poter passare anch'io lì sotto, ed è stata un'esperienza indimenticabile :). Tra l'altro qualche geisha (ma più probabilmente maiko), ho potuto ammirarla gironzolando a Gion, il quartiere simbolo di questa arte, e dove immagino sia ambientato il film.
    Comunque è bello lo spezzone che hai messo ^^: anche io sono tremendamente affascinata dal loro modo di truccarsi, di una sensualità estrema, ed ho sempre avuto un'ammirazione particolare per la loro figura (intesa in tutta la pluralità di significato della parola 'figura' ;)).
    P.S. Però sentirlo in inglese è traumatico XD; semmai lo guarderò mi cercherò una versione in giapponese con sottotitoli, ma misà non esiste XD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.P.S.
      No, la somiglianza col dipinto non la vedi solo tu ^^! Non a caso Monet dipinse "Il ponte giapponese" (che amo da quand'ero piccola XD), nel suo giardino di ispirazione giappa. Tra l'altro quello che hai messo è tra le versioni a mio parere più belle, tra le tante che ritrasse :).

      Elimina
    2. Tyta, grazie per il bel commento e le notizie. Ovviamente io non ne sapevo nulla (mister Hermoso qui inorridirebbe, essendo anche lui un grand appassionato del giappone) e la tua descrizione mi ha fatto sentire lì per un secondo:)
      (cioè..tu capisci il giapponese?????)

      Elimina
  4. E' uno dei miei film e libri preferiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre scrivevo questo post immaginavo di parlare di un film amato da tante, ma non credevo tanto!

      Elimina
  5. Bellissimo il libro per la storia e bellissimo il film per le immagini... Davvero evocative sono d'accordo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te credo che la parte visiva sia ancora più importante, no? ;)

      Elimina
  6. Il film mi piacque ma ti giuro che a distanza di poco tempo (l'ho visto l'anno scorso mi sa) non ricordo la fine, ricordo solo che mi aveva messo un po' tristezza... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è esattamente uno scoppio di allegria, ma se non sbaglio il finale non è tristissimo...

      Elimina
  7. E' tra i miei film preferiti, lo so a memoria e amo il libro (infinitamente più bello)...non so se si nota dal vecchio avatar che compare ancora sulla fan page di facebook! Ho letto anche il libro della sua vera storia...non si capisce che amo profondamente il Giappone vero??? XD

    RispondiElimina
  8. ah, ora ti smonto un pò la bellezza del video (e mi odierai)...sai che le geishe si mettevano in faccia la "cacchina" degli uccellini??? Pare fosse miracolosa per la pelle messa a dura prova da tutto quel trucco XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati...odiarti per questo??? :D

      Questa scena c'è anche nella versione moderna del film di Biancaneve (di cui ora non ricordo il nome...): lo fa la matrigna;)

      Elimina
  9. Concordo con te su quanto evocative sono le immagini di questo film ed in questo senso ti consiglio di vedere In the mood for love, se non lo hai già fatto, ma dubito vista la tua passione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credi che devo recuperare questo film da anni??

      *corre a nascondersi vergognosa*

      Elimina
  10. Orientalista all'appello! Amo la letteratura Giapponese, la cultura e le tradizioni di questo fantastico Paese, senza ignorare i suoi periodi più bui.
    La figura della Geisha mi ha attratta sin da ragazzina, portandomi a leggere diversi romanzi che ne parlassero, ma uno su tutti, La virtù femminile, mi ha portato a comprenderla ed ammirarla.
    Ne "Le memorie di una geisha" hanno fatto un buon lavoro, sia nel film ma anche, e soprattutto, nel romanzo.
    Come dici tu, ciò che colpisce di più nella trasposizione cinematografica è la fotografia. Io di fronte a questo film mi incanto letteralmente e ci sono immagini che lasciano assolutamente senza fiato, una su tutte, per me, l'hanami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHHHHH, L'HANAMI!!! Volevo dedicargli un post il 21 marzo, poi mi sono "incartata" con le cose da fare....Ma l'anno prossimo non scappa!

      Elimina
    2. Io l'ho fatto due anni fa. Un omaggio all'hanami, allo tsunami e un piccolo spunto proprio da questo film
      http://mikiinthepinkland.blogspot.it/2011/04/hanami.html

      Elimina
    3. Ti ho letta: bellissimo.

      Elimina
  11. Se hai tempo e voglia leggi il libro, quello si che ti toccherà l'anima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena finisco quello che sto leggendo, sarà il prossimo!

      Elimina
  12. Ho visto il film e prima ancora ho letto il libro...spettacolari entrambi, anche se, come spesso accade, il libro emoziona di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente, io DEVO avere quesot libro ormai...:)

      Elimina
  13. Ho adorato il libro, ma ammetto di non aver mai visto il film perchè avevo pensato che mi avrebbe deluso.
    Adesso è passato un bel po' di tempo dalal lettura, magari lo vedo, anche solo per la fotografia che sembra stupenda!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo faccio spesso anche io: metto una distanza tra libro e film, per non contaminarli!

      Elimina
  14. Vorrei leggere il libro e poi magari vedere questo film, ho guardato lo spezzone rapita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa scena è bellissima, per chi come noi ha una passione per il make up credo lo sia anche di più:)

      Elimina
  15. Non ho mai visto il film. E dire che ho amato tremendamente il libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare di capire che il libro è nettamente superiore..ma il film è bello:)

      Elimina
  16. Ho letto il libro ed ho visto il film e mi sono piaciuti tantissimo entrambi, il libro per tutto l'insieme mentre per il film come te sono stata coinvolta dalle bellissime immagini. Devo rivederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed ecco che anche tu ti unisci al coro..DEVO leggere questo libro!

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero