Sono fuori dal tunnel...

Sarà perchè mi sono persa la parafernalia dell'inaugurazione (ero in vacanza e non ho acceso la televisione nemmeno mezza volta). Sarà che gran parte degli sport che più mi piacciono non sono riuscita a vederli. O sarà che di Olimpiadi in Olimpiadi sono notevolmente più vecchia, non lo so.

Qualsiasi sia il motivo, io con queste Olimpiadi non riesco troppo ad emozionarmi. Salvo alcuni casi, sono rimasta fuori dall'entusiasmo: da "esterna" vedo tutto con altri occhi.

Per esempio, questa notizia. 




In altri tempi, davanti a storie simili, io mi sono commossa: l'atleta che resiste e compie l'estremo sacrificio, a ogni costo, per portare a termine la sua gara l'ho ammirato e additato come esempio di perfetta storia olimpica.  

"Che bella storia - avrei detto- "di impegno, dedizione, costanza e spirito di sacrificio. Meriterebbe una medaglia honoris causa". 

Anzi, in altri tempi l'ho effettivamente detto.

Ma oggi, la prima cosa a cui ho pensato è stata "Quanto devi essere stupida determinata per rischiare danni e lesioni peggiori?"

Ammiro senza remore chi impara a non arrendersi e a spingere il suo limite ogni volta un po' più in là. Ma ammiro ancora di più quelli che sanno quando è ora di fermarsi. 

E se finisci la tua gara così, io dico che era ora di fermarti.



14 commenti:

  1. Giusto a proposito di Olimpiadi e sport "professionale", dopo la vicenda Schwarzer sono sempre più perplessa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :(Vero. A me lui piaceva tanto per quella sua bella faccia pulita.....

      Elimina
  2. Le Olimpiadi stanno prendendo una brutta piega, c'è poco dello spirito originario purtroppo, sono solo un buisness come un altro..:(

    RispondiElimina
  3. concordo con Lamia,ormai tutto ha preso una brutta piega e purtroppo quella sbagliata...i soldi e la voglia di averne sempre più hanno corrotto tutto :/

    RispondiElimina
  4. In effetti, va bene la gara, ma se uno poi ci rimette in salute...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente quello che ho pensato io....

      Elimina
  5. In effetti non sembra un'azione razionale, ma la passione sportiva, come tutte le altre passioni, ha le sue ragioni.

    Chissà, magari, che non sia stata una trovata per attirare l'attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio ancora no?

      Però la cosa delle ragioni/passioni è vera:)

      Elimina
    2. Sicuro, non le farebbe onore averlo fatto per ottenere visibilità.
      Ma voglio sperare che sia vera la mia prima ipotesi!

      Elimina
  6. Ma per essere atleta secondo me devi essere un po' matto e nel tuo mondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo non avevo pensato...il fatto è che secondo me NON puoi continuare a gareggiare se ti sei fatto male, dovresti essere automaticamente eliminato...

      Elimina
  7. Che tristezza!
    Non gli serviva proprio, e per cosa poi?
    Essere espulso dall'Arma dei CC con disonore?
    Far vergognare parenti e amici e concittadini?
    Bah!
    Lo sport non ha più nulla di 'sportivo'...
    Io ne seguo poco, ad esempio tennis e nfl.
    Però queste olimpiadi qualcosa guardo.....la pallavolo, l'atletica ed il nuoto.
    Anche se poi ti viene sempre il dubbio di chi fatichi per ottenere risultati e chi assuma droghe solo per vincere.

    RispondiElimina
  8. Dai ragazze, la Idem ci ha ripagato di tutto no???

    RispondiElimina
  9. E' stata bravissima Josefa!!!

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero