#SAVE194

Quando nel 1981 ci fu il famoso Referendum sull'aborto, io avevo 7 anni.  Ma la campagna referendaria la feci lo stesso, assieme a mia madre. Ogni pomeriggio andavamo porta a porta, senza filtri, senza presentazioni previe. E  mia madre parlava con le donne di casa e io ascoltavo. Mi racconta sempre che alla fine ero perfettamente in grado di affrontare da sola l'argomento. Io ne ho ricordi confusi e vaghi... più che altro ricordo il mio stupore, misto a quello che credo fosse imbarazzo: perchè andare a bussare a casa di sconosciute? 

Oggi è un ricordo di cui vado molto orgogliosa, perchè ha sicuramente contribuito a rendermi la donna che sono. Ci ho pensato subito, mentre leggevo quest'articolo  e mi chiedevo quando abbiamo dimenticato che niente è dato per sempre, se non lo si tutela e difende. E a come questo tema ci tocchi, tutte, nessuna esclusa.



Sono perfettamente consapevole che questa legge (così come quella sulla fecondazione artificale) tocca un tema delicato, con cui ognuna di noi si è personalmente e intimamente misurata. Intimamente, appunto, perchè tutte, non importa la scelta finale, sappiamo istintivamente che non permetteremmo a nessuno di decidere per conto nostro, non su questo tema. 

So di esporre questo blog al rischio di commenti meno allegri e condivisi/convisibili del solito, ma oggi non ho più sette anni e non mi vergogno di bussare a casa delle sconosciute, non quando è così incredibilmente importante. 

"Buongiorno, vorrei parlarle della legge 194. Sa che non è obbligata ad andare dal suo medico di base, se vuole che le prescrivano un contraccettivo? Sa che esistono consultori, su tutto il territorio, che sono gratuiti, e la sua privacy sarà totalmente garantita, dove troverà ginecologi e psicologi e assitenti sociali? Vuole che le dica qual è il più vicino a casa sua??"

19 commenti:

  1. Bravissima! Credo che ogni donna abbia il diritto di decidere di se stessa e del suo corpo, a prescindere da quale sarà poi questa decisione...

    RispondiElimina
  2. save 194 e l'autodeterminazione delle donne

    di madre in figlia,di generazione in generazione ;occorrono denti stretti e pugni ben chiusi per non perdere in un attimo ciò che è costato tanto...e mia figlia mi fa ben sperare....
    io sono mia....

    RispondiElimina
  3. Sei una grande donna, perché alle spalle ne hai una fantastica: tua madre!

    RispondiElimina
  4. Io sono pienamente d'accordo con te.

    RispondiElimina
  5. Ok, a casa vostra entrerei senza problemi:)

    p.s. ovviamente, rosarita è mia madre:D

    RispondiElimina
  6. Quanto sono vere le parole di tua mamma, me le scrivo..
    Grazie per questi post che ci fanno riflettere.

    RispondiElimina
  7. Stima assoluta per tua madre e per te, per aver trattato di tale argomento. Privare noi donne della possibilità di scegliere liberamente non è per niente accettabile!
    La 194 non si tocca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temevo commenti e critiche. Come sempre, mi stupite per quanto siete splendide:)

      Elimina
  8. A casa mia sfonderesti una porta aperta Hermosa mia :)

    RispondiElimina
  9. hermosa chissà se da piccole abbiamo giocato insieme nelle sale di spazio donna! mia madre mi portava spesso alle riunioni..io di anni ne avevo 5 :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh..che cosa carina pensare che siamo state compagnelle di giochi:)

      Elimina
    2. dimenticavo! ho letto un altro articolo tempo fa sulla 194, nessun primario di ginecologia in italia è un non obiettore: in pratica se vuoi fare carriera devi diventare obiettore.

      Elimina
  10. Io lo trovo un bel post se non ci pensiamo noi donne a noi stesse chi ci pensa a noi? Dobbiamo prenderci cura sempre di noi stesse!!!un bacio http://elinelpaesedellemeraviglie.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo dico sempre: se non ci penso io a me, chi ci pensa???:D

      Elimina
  11. Come sono infinitamente d'accordo con te!!!!

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero