Una poesia, mille storie

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.

Ma soltanto col silenzio dei torturati
più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.

Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA


Questa poesia racconta molte cose. Una pagina della nostra resistenza, forse una delle ultime di cui poter andare orgogliosi senza dubbi, sicuramente. 

La storia dell'uomo che la scrisse, padre fondatore della nostra costituzione. 

E quella di una Hermosa fresca diciottene in gita a Recanati, che la lesse per la prima volta in una bacheca della locale sezione dell'allora P.C.I. (in alcune zone esistono ancora, allora era piú diffuso: c'erano le bacheche fuori sezione, con il giornale e gli avvisi esposti) e che non l'ha mai piú dimenticata.



Buon 25 aprile a tutti, soprattutto a chi crede non ce ne sia più bisogno.

13 commenti:

  1. Ben detto!...soprattutto per chi crede che ricordare sia un optional...buon 25 aprile anche a te!

    RispondiElimina
  2. è una poesia bellissima, non la conoscevo, grazie!
    e buon 25 aprile anche a te :-)

    RispondiElimina
  3. ho commentato mezz'ora fa il post, ma forse sono finita nello spam... va bene se lo riscrivo?
    "bellissima poesia, non la conoscevo, grazie!
    e buon 25 aprile anche a te"

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Hermosa ho visto che il tuo commento nel mio post era finito automaticamente nello spam. Da oggi in poi guarderò sempre nello spam per evitare che succeda.

      Elimina
  5. Buon 25 aprile a tutte, ragazze belle. Da domani si torna frivole, promesso:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frivole sì, ma nel modo giusto...! Buon 25 aprile anche a te!

      Elimina
    2. Frivole sì, ma mica sceme;)

      Elimina
  6. Ci sono rimasta di sasso quando ho letto sul giornale locale:
    "gli studenti universitari credono che il 25 aprile sia una festa inutile"
    Cosa cosa? Ma...se loro che studiano pensano così, dove siamo andati a finire?
    Bella poesia comunque non la conoscevo proprio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sensibilità su certi temi non si impara dai libri. Certo, dovrebbero aiutare. Ma se sei capra, c'è poco da fare, purtroppo...

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero