Sugar Lips


Di questo gloss vi ho già parlato qui.

Allora però mi sono concentrata essenzialmente sulle sue presunte virtù camaleontiche (smentite non solo dalla mia esperienza ma dal sito stesso: fu la descrizione della Glossybox a essere fuorviante). Oggi invece ve lo recensisco con tutti i crismi.

Era contenuto nella Glossybox di Novembre, in full size. L’aspetto a me non piace, lo trovo tristognolo.






Una volta superata la delusione per il mancato cambio di colore, devo dire che questo gloss mi piace: l’effetto è di quelli super vinilici, soprattutto se abbondate nell’applicazione (ed essendo trasparente, potete abbondare senza timori). 

Come sempre, sebbene ormai paia non esistere più un prodotto di questo genere che non vanti una lunga durata, resiste poco sulle labbra e tende, a fine giornata, a lasciare una sensazione bella plasticosa. Niente di particolarmente tragico, ma nemmeno meritevole. 

Il pennello è in pelo di martora: la signora Glossybox sulla sua pagina Facebook all’epoca ha riferito che lo si ottiene tosando la martora, con un procedimento simile a quello delle pecore. Non sono riuscita a reperire informazioni più precise, perché in rete ci sono solo notizie confuse e incomplete.   

La cosa più sensata da credere è che, visto l’esponenziale aumento di prodotti con pelo di martora, si siano creati allevamenti ad hoc per il loro sfruttamento: il pelo di martora è, a tutt’oggi, uno dei migliori per pennelli di ogni tipo, ed è fortemente richiesto a dispetto dei suoi prezzi non sempre bassi. 

Con tutto il rispetto per la Nee, non credo che avrebbero usato la martora, se non fosse stata di allevamento.
 
Detto tutto questo, ve lo confesso senza remore: il pennello in martora è delizioso. Morbido e preciso, rilascia il prodotto senza sbrodolare all’inizio. Per me è decisamente il punto forte di questo prodotto, quello che a volte me lo fa scegliere. Per i suoi costi e per via delle incerte origini io non avevo mai preso un pennello di questo tipo: posso dirvi a scienza certa che la sua fama non è minimamente esagerata!

L’INCI di questo prodotto è assolutamente nella media. 

La cosa buffa è che ci hanno messo anche della saccarina: se per caso aveste un improvviso calo di zuccheri mentre l’indossate, potete sempre mordervi le labbra!!!


Lo ricomprerei: No a prezzo pieno/Sì se trovato in offerta

Lo consiglierei: No a prezzo pieno/Sì se trovato in offerta

Lo regalerei: No, soprattutto per la confezione triste.






4 commenti:

  1. Hai ragione per la confezione, è davvero un pò triste.

    RispondiElimina
  2. Concordo sulla tristezza della confezione, sembra un mascara!
    Io evito i gloss e i rossetti "cambiacolore": ho sempre paura di ritrovarmi con un fucsia o un viola accesi.

    RispondiElimina
  3. Ce l'ho anch'io, tristissimo... Ogni volta che apro il cassetto dei gloss e lo vedo mi passa la voglia di usarlo -__-
    A me fa un po' senso passare il pennellino in setole naturali sulle labbra, cosa che invece non mi crea alcun problema in un pennello madina per il blush...

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero