Alla radice della bellezza


Ho preso questa spugna più per curiosità che per altro.  

Poi, come mi capita spesso, è rimasta per un po’ bella chiusa e sigillata nella sua confezione. La verità è che non avevo ben capito come usarla: se l’avessi usata per struccarmi, mi chiedevo, si sarebbe rovinata in un lampo. 

Quando ho letto bene le istruzioni poi, ho capito che va usata DOPO essersi struccate e, dandomi allegramente della fessacchiotta, ho iniziato ad usarla. 



Questa spugnetta altro non è che fibra naturale al 100%, nello specifico una radice di una pianta giapponese, la Konjac che viene spesso usata nella cucina orientale perché ricca di amidi anche se, a quanto pare, non è che abbia un gran sapore. Io la trovo anche bruttina...

 


 
La spugna va utilizzata, dopo essere stata inumidita, a volto pulito. Una volta sciacquata lasciatela all’aria: per evitare muffe è bene che si asciughi. Quando la riprendete sarà un po’ legnosetta: essendo una radice tende a indurirsi nuovamente, ma bastano poche gocce d’acqua perché si ammorbidisca di nuovo.

La sensazione è quella di un peeling leggero e per niente aggressivo. Una ruvidezza gentile che finisce di portare via le impurità della giornata, in maniera del tutto naturale. E' banale ripeterlo, ma non fa mai male: meglio puliamo la nostra pelle, meglio starà e apparirà.

Tra l’altro, se, come me, siete curiose circa l’uso della microfibra per struccarsi, ma ancora non vi siete decise al grande passo (anche per il costo: quella che vorrei io costa 23€), questa spugna può essere un buon primo passo: l’approccio è estremamente simile ma il costo è molto più contenuto. Se scoprirete di preferire una detersione classica, non vi sentirete tremendamente in colpa per la spesa fatta.

Io però di quest’acquisto non mi sono pentita per niente!

La ricomprerei: Sì.

La consiglierei: Sì

La regalerei: Sì

10 commenti:

  1. Mi attira di più la microfibra, l'idea di uno scrub quotidiano, anche se leggero, mi spaventa...

    RispondiElimina
  2. Io l'adoro, ma la uso al mattino insieme al gel detergente. La preferisco così anziché dopo lo strucco. L'ho dovuta buttare da una settimana e mi manca un sacco, la ricompro domenica se la trovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verso la fine della sua vita, mi sa che proveró la variante che usi tu:)

      Elimina
  3. Prodottino interessante che non conoscevo! Comuqnue stai attenta, anche se fa uno scrub leggero non la userei tutti i giorni ;-)
    (già ci laviamo troppo e il "film" naturale si va a far benedire ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm....magari la alterno a giorni sì e no...

      Elimina
  4. mi piace molto questa spugna, credo mi permetterebbe di essere più regolare nel peeling: la maschera mi porta via tempo e spesso non la faccio proprio per questo motivo, invece una bella spugna già pronta all'uso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anita, come leggi su pare che dobbiamo stare attente a non esagerae..magari un paio di volte a settimana potrebbero andare bene:)

      Elimina
  5. Io uso sempre panni in microfibra o quello in mussola di Liz Earl. I panni sono entrati a far parte della mia routine quotidiana ormai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questi, li usi solo dopo esserti struccata giusto?

      Elimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero