La scatola svelata

Ora che della Glossybox di ottobre ho testato quasi tutto ( mi resta da provare la crema viso) e prima che inizi di nuovo l’ammaliante canto delle sirene per quella di Novembre, ne approfitto per raccontarvi la mia opinione.
Vi avevo già detto che trovavo, e trovo, eccessivo il prezzo, soprattutto se paragonato a quello di altre scatoline europee: 14€ per 5 mini taglie? Dovrebbero essere tutte di LaMer, Sisley o similari per essere conveniente. Comunque mi sono abbonata, per curiosità e per giudicare da sola.
Per il primo mese, è andata bene: i prodotti alla fine erano 8 e uno in taglia “normale”. Avrete già visto le foto dappertutto, ma almeno una di gruppo ve la posto



Alcuni di questi prodotti li conoscevo già, e di certo non sono nuovi. Di altri non avevo mai sentito parlare e, soprattutto il Solaroil, sono stati una piacevole sorpresa. In generale, la media qualitativa è alta, forse fin troppo. Il rischio, per quanto mi riguarda, è che una volta affacciata al mondo del lusso non voglia tornare indietro e non possa andare avanti. E non solo per un problema economico, ma anche di distribuzione: non tutto si trova nella mia città...se già fatico a trovare le collezioni Essence, figuriamoci questi...
E’ come se vi facessero assaggiare Beluga e poi vi dicessero “Ora torna pure alle tue uova di Lompo"
La verità, per quanto mi riguarda è che quello che ci vendono, e per cui siamo disposte a pagare molto più di 14€, e a volte ahimè effettivamente paghiamo-vedi i costi di certe borse o abiti-, è un’idea: quella di essere coccolate e premiate, di avere prodotti su misura ed “esclusivi”.
Quello per cui ho pagato davvero è l’emozione della scatolina, così incredibilmente tentatrice nel suo essere leziosa: è rosa, è infiocchettata, ha quella bella velina con tanto di sigillo…persino il pacco del corriere è delizioso! Ho pagato la sorpresa e il piacere di tenere il pacco chiuso fino a sera, quando sono arrivata a casa, mi sono struccata, infilata il pigiama e poi concessa, con vera voluttà, di aprire e curiosare.

Come fosse un regalo.

Dimentica totalmente che conoscevo già cosa avrei trovato e che avevo pagato per averlo….
Il che mi fa pensare che io sia un genio incompreso… è dai tempi di Amelie, che io mi faccio dei regali: ma non nel senso di uscire e comprare qualcosa per me, no no.
Ci sono volte in cui io alla domanda “E’ per lei o è un regalo?” rispondo che è un regalo. E me lo faccio impacchettare con tutti i crismi del caso

Poi lo riporto a casa e, tranne rarissimi casi, NON lo apro. Lo lascio lì, in attesa di un giorno in cui sarò di particolare malumore o in cui vorrò festeggiare qualcosa. O più semplicemente in cui ne avrò davvero voglia.

E quando arriva quel giorno, mi faccio un regalo.  Anche in questo caso, totalmente dimentica di averlo preso io e di averlo pagato io. E, vi assicuro, funziona che è una meraviglia.
Ecco: io credo che il vero “valore aggiunto” di questa bella scatolina sia questo: comprare un’illusione di breve durata. Il patto tacito richiede che, una volta pagato quanto pattuito, ci si dimentichi del vil denaro: come ogni illusione che si rispetti, per funzionare davvero, bisogna volersi far illudere….
Manterrò attivo l’abbonamento? Per ora sì.
Non perché sia pazza o masochista, ma perché credo, ve l’ho già detto altre volte parlando di INCI, che l’importante prima di effettuare una scelta sia avere davvero tutti gli elementi a disposizione.

La valutazione poi è assolutamente e sempre soggettiva e insindacabile.
E io era da molto che non compravo un regalo alla Amelie...


7 commenti:

  1. la tua è la recensione più obiettiva, sincera e ragionata sulla glossybox che abbia letto finora, bravissima!

    RispondiElimina
  2. Come sei romantica :)
    però, parlando del vil denaro, solo il mascara Nee, in quel formato, è regolarmente in vendita a 10 euro, quindi per adesso il prezzo della scatola ci sta.. vedremo cosa ci riserverà per il futuro :)

    RispondiElimina
  3. @Susi: grazie mille!
    @Deirdre: dici? Mica credevo^-^...

    RispondiElimina
  4. Ecco, io volevo decidere se fare o meno il grande passo... NO, non lo faccio!!!

    RispondiElimina
  5. Aretusa, se giá eri indecisa allora magari aspetta ancora..tanto io alla storia che sono limitate non ci credo mica;-)

    RispondiElimina
  6. Che bella cosa questa di farti impacchettare alcune cose che acquisti, per regalartele nel momento che ritieni opportuno.
    Ho adorato questo tuo articolo, sul serio mi piace tanto.

    RispondiElimina
  7. Grazie mille Dama, davvero.
    La regalo-terapia , fatta così, la consiglio molto:-)

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero