(cercando) L'alchimia perfetta

Pochi nomi come Cartier mi evocano immediatamente l'idea del lusso e della qualitá estrema.

Oltre che eleganza, sfarzo, passione, sensualitá e ovviamente modestia,  io le Cartier condividiamo una certa "gattolicitá":



Gioielli come questo sono tra i miei sogni proibiti


 ( se proprio devo  pagare una fortuna qualcosa, 
che sia qualcosa che davvero lo vale no??)


Ovviamente, ad oggi, tutto quello che ho potuto permettermi di Cartier sono i profumi: per un certo periodo ho usato proprio quello che da il nome anche alla collezione "di teste di micione", il Panthere


E' un bel profumo, che continua a piacermi nel suo genere: speziato, orientale e presente, decisamente "invernale". Ho smesso di usarlo proprio per i suoi pregi, perchè  volevo profumi leggeri e freschi.

Adesso che ritorna il freddo la Maison Cartier lancia un nuovo profumo, Baiser Vole, di cui confesso ho solo visto la pubblicitá in televisione ma che bramo giá (potere incredibile del marketing):

   

Il profumo è stato creato dal naso di  Mathilde Laurent attorno alla nota del giglio... e io incrocio l'incrociabile perchè si crei una buona alchimia tra lui e la mia pelle affinchè possa essere mio..

0 commenti:

Posta un commento

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero