Yes to tomatoes ( the real one)

All’ultimo momento utile (almeno stando al calendario, perché qui in realtà fa ancora caldo) vi pubblico la ricetta del Gazpacho.



No, non questa di Almodovar, ma l’originale: non ci tengo a farvi addormentare tutte!

Se ci aggiungete una buona mozzarella e un affettato di qualità, avete il vostro pranzo/cena completo, buono e d’effetto in meno di 15 minuti di preparazione.



Difficoltà: per case dotate di frullatore
Tempo preparazione: 10 minuti
Reperibilità ingredienti: dal pizzicagnolo sotto casa


Ingredienti:
(per 4 o due golosi, come a casa mia)
1 Kg di pomodori
80 gr di peperone
80-100 gr di cetriolo
40 gr di cipolla
25 gr di aceto ( io uso quello balsamico)
50 gr olio
200 gr acqua
1 dente d’aglio

Io qui vi ho riportato gli ingredienti e le proporzioni classiche, ma potete variare secondo i gusti: a mio marito non piace molto il cetriolo per cui io ne metto pochissimo ma abbondo di peperone J  

La parte più noiosa sta nel tagliare le verdure a pezzettini, a meno che non siate come me e vi divertiate a farlo: non a caso, io non sogno la luna, io sogno la mezzaluna …





Non c’è bisogno di troppa cura nel tagliare, tanto poi dovrete mettere tutto nel Bimby o nel frullatore o nel minipimer.
Aggiungete olio, aglio e sale frullate tutto. A me piace con qualche pezzettino ancora intatto per cui lo faccio passare per poco tempo. Versate l’acqua (se avete fretta e dovete servirlo subito usate acqua fredda e/o ghiaccio) date un ultima passata super veloce ed è pronto.

Una variante più ricca prevede che si aggiunga anche del pane (usate del pane raffermo, è un perfetto ri-utilizzo) nella fase del frullamento: avrete così il salmorejo.

Sia che portiate in tavola il gazpacho che il samorejo potete arricchirlo secondo gusto e desiderio: uova sode, tocchetti di prosciutto, pezzettini di verdure crude, un filo di olio …tutto quello che la fantasia vi invita a fare. Io di solito ci aggiungo una foglia di basilico fresco, ma in questa foto ero in un giorno "pagliaccio"





Il Gazpacho è tipico dell’Andalusia ma non ho mai capito perché non esista anche nella nostra cucina: tutti i suoi ingredienti, nessuno escluso, sono ben presenti anche da noi e anche da noi fa un caldo notevole. Eppure alla maggior parte degli italiani l’idea di una “zuppa fredda” al pomodoro fa orrore.

Invece è un piatto buono, rinfrescante, ricco di vitamine e sali minerali e povero in calorie (se non ci aggiungete un tocco da mezzo kg di prosciutto) e di prezzo!

Provatelo, senza pregiudizi, e non ve ne pentirete.

E, come quasi sempre, una curiosità: in spagnolo e  in moltre altre lingue (inglese, tedesco, danese, russo, etc.)  pomodoro si dice "tomate": solo noi lo chiamiamo "pomodoro" perchè le prime qualità giunte in Italia, e all'inizio le più diffuse,  in tutta Europa erano gialle.

Tomate, invece, deriva dal nahuatl -la lingua degli Aztechi- xitomatl e significa "frutta cicciottella con l'ombelico".

Ogni volta che ci penso, sorrido :-)

Che poi, avete mai pensato a cosa dovesse essere la cucina prima della "scoperta" di Colombo???





p.s. questa ricetta è quanto di più estivo conosca: se vi interessa, sbrigatevi a farla!!

p.p.s si ringrazia mio marito per la consulenza etimologica.



8 commenti:

  1. io amo il gazpacho!! mi piace pazzamente!
    io ci metto 1 o 2 cubetti di ghiccio sul fondo, per tenerlo bello fresco :)

    RispondiElimina
  2. Vero che è buonissimo? Cibo degli dei, ecco cos'è!

    RispondiElimina
  3. Ecco... giunge nel momento perfetto. Caldo ed inizio di una dieta, ma che voglio di più (a parte la fetta di parmigiana di fragole!) ?!
    Brava Hermosa! :)

    RispondiElimina
  4. Telepatia , Elise, telepatia :)

    RispondiElimina
  5. questa ricetta è perfetta per questo periodo. volevo chiederti se tu li peli i pomodori. grazie mille
    ps. anche se ti seguo da mesi e msi ormai è la prima volta che scrivo un commento, le presentazioni sono d'obbligo, mi chiamo Francesca :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca che ti palesi, benvenuta:)

      I pomodri li lavo e via nel mixer, senza pelarli!

      Elimina
  6. E mentre gironzolo sul tuo blog gioco con Frufru qui a lato..Si è già mangiato tre bistecche e credo ne gradirebbe anche altre.

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero