Strawberry Fields Forever

Non sono mai stata una cuoca provetta e fino a due anni fa quando ero da sola mangiavo insalate, latticini, cibo in scatola e surgelati. Sono la prova provata che si può perfettamente vivere così.  L'unica eccezione erano i dolci: trasformare una pappetta molle e informe in una torta sontuosa e profumata ha sempre avuto del magico per me.

La vera "voglia" di cucinare mi è venuta quando ho conosciuto Nigella Lawson : io non ci avevo mai creduto, ma ho scoperto che cucinare è davvero facile e rilassante e creativo.

Nella mia cucina c'è tantissimo di quella di mia madre, ma anche i miei viaggi, le mie letture, i film che ho visto: nel senso che se le tecniche base sono quelle di mammà, il che è incredibile perchè mai una sola volta l'ho aiutata (evidentemente ho imparato per osmosi), poi io ci ho inserito molto del mio.

E' una cucina semplice e veloce (al contratio di quella di mio marito, che è elaborata e lunga), che non vuol dire né povera né “dimessa”: a volte faccio piatti che richiedono, in tutto, dieci minuti e garantiscono un effettone al palato e alla vista.

E sono quelli di cui vado più orgogliosa. 

Intendiamoci, continuo a non spignattare ogni giorno: grazie a mio marito, ho il privilegio di cucinare solo quando ne ho voglia. Però lo faccio e, me la suono e me la canto, lo faccio bene.  

Insomma, quello che ho scoperto è che imparare a cucinare è come imparare a leggere: una volta che conosci l’alfabeto, hai l’intero mondo a disposizione. E se questo non ti piace, puoi inventartene uno nuovo.

....Va bene, basta, mi sono fatta prendere la mano dai massimi sistemi filo-gastronomici. 

Passiamo alla ricetta della “Parmigiana di Fragole” (il copyright di questo nome va al compagno della nostra Elise).

In realtà è una variazione sul tema del tiramisù classico per una cena. La soluzione facile sarebbe stato fragole e gelato. Ma la mia invitata non mangia gelato. E le era piaciuto molto il mio tiramisù classico. Soluzione? Questa:


Ho aggiunto cioccolato bianco, anziché gocce di fondente, alla crema di mascarpone e ho fatto la “bagna” per i savoiardi con Strega, sciroppo alla fragole ( questa era l’idea ma io non l’ho trovato e ho usato quello all’amarena), acqua e zucchero.

Ed ecco la ricetta vera e propria:

500 gr di mascarpone
4 uova
40 gr zucchero
Cioccolato bianco – 2 tavolette
Savoiardi
Strega
Sciroppo alla fragola
Panna spray
Fragole

Mescolate zucchero e tuorli, aggiungete gli albumi a neve fermissima e il mascarpone. A questo punto io ci aggiungo un po’ di panna (qui una purista vi direbbe di montare quella fresca, ma la spray va benissimo, fidatevi) e le scaglie di cioccolato: quantità assolutamente a occhio. Ultimo tocco, aggiungete le fragole tagliate a pezzetti, tenendone un po’ da parte per lo strato finale.
Preparate la bagna con Strega, Sciroppo, acqua e zucchero: immergeteci i savoiardi e passate a fare  i vari strati. Arrivate all’ultimo mettete su le fragole tenute da parte e un po’ di scaglie di cioccolato bianco. Frigo per qualche ora e il gioco è fatto.

Ora che ci penso, chi sa come verrebbe mettendoci un po’ di cocco… 

8 commenti:

  1. Ripeto slurp! :) La spolverata di cocco sopra, al posto delle scagliette di cioccolato bianco finale, secondo me ci sta benissimo!

    RispondiElimina
  2. Un consiglio per rendere facile la navigazione nel tuo blog, rendi visibili i tag sulla home, così se per esempio cerchiamo una tua ricetta, oppure un argomento in particolare, dalla home riusciamo ad arrivare direttamente al post. ;)Soprattutto ora che posterai ricette, sarebbe utilissima questa funzione!

    RispondiElimina
  3. quanto slurp!!!! io però slurpo senza cocco :P

    RispondiElimina
  4. Domani metto su anch'io un'altra ricettina facile, stavolta però è un antipasto :)

    RispondiElimina
  5. Il mio lavoro qui e' finito.
    Fletto i muscoli e sono nel vuoto.

    RispondiElimina
  6. Ma che onore!! Un commento del compagno di Elise:D

    Deirdre, scappo a leggere:)

    RispondiElimina

 

La risata di Piggy

La risata di Piggy
dedicata a Anto

Ovunque proteggi

Ovunque proteggi
Trotula de Ruggiero